Alternativa Libertaria_FdCA

Lo Stato

gennaio 16
14:53 2016

Crisi dello Stato sociale e consociazione

E’ contraddittorio che di fronte alla crisi dello stato sociale, noi comunisti anarchici finiamo nella nostra azione sindacale e politica tra i pochi sostenitori dell’intervento dello Stato? Non è paradossale che proprio noi finiamo per sostenere la necessità dell’estensione dell’intervento dello Stato, quando una delle caratteristiche di fondo della nostra ideologia politica è quella dell’estinzione dello Stato?

Crisi dello Stato sociale e delle economie di piano

Come tutti sanno lo stato sociale nasce per iniziativa del keynesismo e, fatto proprio dalla forze socialdemocratiche, diviene uno dei cardini dello sviluppo della società retta da sistemi di capitalismo avanzato. Esso permette di assorbire i conflitti sociali ed anzi di finalizzarli ad una crescita più equilibrata dell’accumulazione, di reinvestire i salari in modo tale da garantire una crescita costante dell’economia, garantendo al tempo stesso migliori condizioni di vita ai cittadini. Lo stato sociale non elimina la povertà e la disuguaglianza nella distribuzione delle risorse, ma certamente rende meno drammatico il conflitto tra miseria e ricchezza, avrebbe dovuto garantire la possibilità di erogare a tutti alcuni servizi cosiddetti essenziali quali l’assistenza sanitaria, l’istruzione, il diritto alla casa, ad un salario minimo, a condizioni di vita complessivamente accettabili.

A questa concezione del ruolo dello Stato i paesi del cosiddetto “socialismo reale” hanno opposto lo Stato-piano che attraverso la pianificazione delle risorse e della produzione avrebbe dovuto attuare un’equa distribuzione dei beni. Questo schema di funzionamento dello Stato non va esente, come quello dello Stato sociale, da manchevolezze, soffre di burocratismo l’uno e di prevaricazione, disonestà ed affarismo l’altro al punto che le ragioni di critica dei due sistemi spesso si intrecciano.

La fase di espansione lunga attraversata dall’economia mondiale ha messo in crisi ambedue i sistemi di gestione sociale. Da qui la crisi dei sistemi di “democrazia popolare” come quella dei sistemi di stato sociale con il neoliberismo. Nella nuova situazione va mutando all’est come all’ovest il ruolo dello Stato e trovano spazio sistemi di gestione dell’accumulazione caratterizzati dalla deregulation e dalla massimizzazione dei profitti da perseguire attraverso il cedimento degli stati nazionali di fronte alle multinazionali ed alla progressiva concentrazione economica e finanziaria che ha raggiunto ormai dimensioni planetarie. Il necessario corollario di questa strategia del capitale è l’impoverimento progressivo ed inarrestabile del quarto mondo, il peggioramento delle condizioni di vita e di lavoro degli stessi abitanti dei paesi ricchi, la scomparsa della sicurezza sociale e l’imbarbarimento dei rapporti intersoggettivi con la spinta sempre maggiore all’individualismo e al soddisfacimento concorrenziale rispetto agli altri dei propri bisogni. E’ insomma quel fenomeno che comunemente chiamiamo logica della privatizzazione. (continua a leggere)

About Author

webmistress

webmistress

Related Articles

0 Comments

No Comments Yet!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Write a comment

Write a Comment

Ultimo aggiornamento 16/06/2019
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli

  • OLIMPIADI INFERNALI – Sport, devastazione e la maledizione dei grandi eventi

    L’annuncio dell’assegnazione delle Olimpiadi invernali del 2026 a Milano-Cortina sta raccogliendo plausi quasi unanimi dalla politica e dalla carta stampata. La solita prosopopea dell’opportunità mondiale, del rilancio del sistema paese

  • Un centro di gravità permanente

    Capitani coraggiosi e furbi contrabbandieri I commenti si sprecano sul risultato delle elezioni per il parlamento europeo. Poi, nei giorni a venire, si parlerà di nuovo del maltempo, sintomo di

  • Saluti al Congresso di unificazione AL-CGA

    Tra l’8 e il 10 giugno si è tenuto in Francia il congresso delle nostre organizzazioni sorelle, Alternative Libertaire e Coordination des Groupes Anarchistes, che è risultato nella fondazione dell’Union

  • 105° CONSIGLIO DEI DELEGATI ALTERNATIVA LIBERTARIA/FDCA

    105° CONSIGLIO DEI DELEGATI ALTERNATIVA LIBERTARIA/FDCA Domenica  16 giugno 2019 ore 10.00 a Livorno  presso la sede di Alternativa Libertaria/FdCA di Livorno, Via Ippolito Nievo 32 Ordine del giorno 1) Relazione

  • 104° CONSIGLIO DEI DELEGATI ALTERNATIVA LIBERTARIA/FDCA

    104° CONSIGLIO DEI DELEGATI ALTERNATIVA LIBERTARIA/FDCA Domenica  31 marzo  2019 ore 15.00 a Fano (PU)  Centro di documentazione Franco Salomone Ordine del giorno 1-Insediamento del consiglio dei delegati di Alternativa Libertaria/fdca

  • Saluti internazionali al X Congresso

    Care compagne e compagni, Ricevete i nostri migliori auguri per il vostro 10° Congresso. Senza dubbio questi sono momenti difficile nel sud Europa, dove le agressioni neoliberiste verso le classi

  • Relazione introduttiva X Congresso

    Sono passati cinque anni dall’ultimo Congresso della nostra Organizzazione Politica, cinque anni caratterizzati da un forte mutamento dell’organizzazione del lavoro, dalle contraddizioni generate dalle frizioni egemoniche del quadro internazionale, con

  • Ecosocialismo: riformista o rivoluzionario, statalista o libertario?

    Ecosocialismo: riformista o rivoluzionario, statalista o libertario? L’idea di un “Green New Deal” è stata sollevata in risposta alla minaccia del clima e della catastrofe ecologica. Due di queste proposte

  • Il foglio telematico di Alternativa Libertaria

    In questo numero potete trovare: -Europa -Una possibile lettura della fase -il cappio e il  collo PER SCARICARLO Correlati

  • Europa

    Il 26 maggio i cittadini italiani voteranno per eleggere il nuovo parlamento europeo, e saranno chiamati alle urne 400 milioni di elettori europei. Diverse centinaia di candidati sono pronti a



 

Newsletter

Forum