Alternativa Libertaria_FdCA

Quando gli alberghi per la gioventù erano sovversivi – Educazione popolare 2/3

Quando gli alberghi per la gioventù erano sovversivi – Educazione popolare 2/3
gennaio 26
21:00 2016

Oggi, gli Alberghi per la gioventù (auberges de jeunesse) (AJ) non sono nient’altro che una forma di industria alberghiera cool… ma vi fu un’epoca in cui era un movimento contro-culturale a parte intera, che ha formato politicamente decine di migliaia di giovani.

I primi alberghi per la gioventù sono nati in Germania agli inizi del XX secolo, nel solco dei Wandervögel, un movimento giovanile controculturale molto portato alle escursioni e il ritorno alla natura. Il concetto è importato da questo lato del Reno da Marc Sangnier, che fonda nel 1929 il primo albergo della gioventù di ispirazione cristiana. In seguito molti altri sorgeranno. Nel 1933, gli alberghi per la gioventù laici fanno la loro comparsa, patrocinati dalla CGT e dalla Lega dell’insegnamento (Ligue de l’enseignement). Daniel Guérin è uno dei suoi animatori.

Con le 40 ore e le ferie pagate ottenute nel 1936, migliaia di persone aderiscono al movimento e si qualificano, il che testimonia della coscienza di appartenere a un movimento a parte intera. Negli alberghi per la gioventù, si ritrovano sia degli uomini sia delle donne, la promiscuità – audace per l’epoca -era la regola, tranne che nei dormitori. I frequentatori degli alberghi per la gioventù animano una vita collettiva forte e fraterna, intorno ad attività autogestite, a dibattiti e conferenze, a momenti conviviali e culturali – danza, teatro, cinema… Le regole seguite sono: democrazia, laicità, promiscuità, internazionalismo, antirazzismo, lavoro collettivo a vantaggio di tutti. Questo ideale, messo a rischio durante l’Occupazione, risorge con forza alla Liberazione. Gli alberghi per la gioventù sono allora dei veri luoghi di educazione popolare, impregnati di spirito libertario, e un vivaio per le opposizioni di sinitra allo stalinismo, soprattutto il trotskismo e l’anarchismo.

Natura e cultura, svaghi e politica si intrecciano gioiosamente. Gil Devillard, militante alla FA e alla CNT, e uno degli animatori dello sciopero del 1947 a Renault Billancourt, era un membro assiduo degli alberghi per la gioventù. È in questo movimento che è stato iniziato al metodo karman per praticare delle IVG clandestine [1]. Il movimento degli alberghi per la gioventù, molto vitale, suscita tuttavia delle bramosia. Sin dalla fine degli anni 40, un polo gestionario e paternalistico vede la luce, appoggiato dal ministero della Gioventù e degli Sport, che ha fretta di disciplinare questa gioventù troppo indipendente. Un polo autogestionario militante si oppone alla “normalizzazione” indotta dalla professionalizzazione della gestione, e si auspica che gli alberghi per la gioventù rimangano sotto il controllo degli utenti uomini e donne. È su questa linea che è fondato il Movimento indipendente degli alberghi per la gioventù (Mouvement indépendant des auberges de jeunesse – MIAJ) nel 1951, che perpetuerà lo spirito libertario degli alberghi per la gioventù sino agli anni 70.

Adeline (AL Paris nord est)

[1] Notizia di Gil Devillard tratto dal dizionario Maitron degli anarchici, 2014

Dal dossier di Alternative Libertaire sull’Educazione popolare

About Author

webmistress

webmistress

Related Articles

Ultimo aggiornamento 12/12/2019
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli

  • Dalla stagione delle lotte operaie e studentesche alla strategia della tensione

    Sono passati 50 anni da quel 12 dicembre del 1969, quando a Milano in Piazza Fontana scoppiò una bomba nella Banca Nazionale dell’Agricoltura e fece una strage di vittime innocenti,

  • Eppur la nostra idea….

    La strage di Piazza Fontana arriva con alle spalle un decennio di lotte operaie e giovanili. Un decennio in cui la rabbia delle nuove generazioni operaie, costrette a spostarsi dal

  • La strage è di Stato

     Venerdì 12 dicembre 1969 il giorno della strage di Piazza Fontana. La notte del 15 dicembre l’assassinio di Pino Pinelli. Due date che segnarono in maniera indelebile la generazione che

  • Prima della bomba

    Una breve CRONOLOGIA di avvenimenti che precedono la strage e l’assassinio di Giuseppe Pinelli. 28-29-30 giugno 1960. Genova manifestazioni di protesta per impedire il congresso del Movimento Sociale Italiano, partito

  • Il foglio telematico di Alternativa Libertaria

    In questo numero parliamo di di Piazza Fontana,a 50 anni dalla strage. PER SCARICARLO  PER RICHIEDERLO   Correlati

  • Per un’ecologia radicale all’altezza dell’urgenza

    In un momento storico dove finalmente le mobilitazioni sul clima hanno assunto un carattere globale e di massa, abbiamo ritenuto importante affiancare questo quaderno alla nostra presenza nelle piazze, per

  • Bolivia – No al golpe militare

    Respingiamo l’azione golpista che si sta sviluppando in Bolivia. Sotto la pressione dell’imperialismo, dell’esercito boliviano (erede della dittatura di Hugo Banzer), della estrema destra boliviana, la rinuncia di Evo Morales

  • Sul Cile le dichiarazioni della Federazione Anarchica di Santiago

    Seconda Dichiarazione Sull’esplosione sociale nella regione cilena, la Federazione anarchica di Santiago dichiara: 1- Le crepe del modello neoliberista stanno diventando più grandi, la situazione ha superato tutti i margini

  • Il foglio telematico di Alternativa Libertaria

    In questo numero parliamo di solidarietà internazionale, e potete trovare -Con il popolo cileno, contro la stretta repressiva di Pinera -Dichiarazione di sostegno alle mobilizzazioni del popolo catalano -Contro l’aggressione

  • ANALISI DELLA SITUAZIONE LATINAMERICANA

    America latina, terra indomita e ribelle, erede di secoli di lotte e resistenze, dove la magia invade il realismo, luogo in cui stiamo attraversando una situazione critica in termini ecologici,



 

Forum