Alternativa Libertaria_FdCA

L’Unione Europea inizia con un mandato chiaro: nel 1957 il Trattato di Roma intende eliminare, per i cittadini europei, gli ostacoli alla circolazione delle merci, delle persone, dei servizi e dei capitali.
La libertà di movimento dei cittadini e delle cittadine europei/e è collegata e di fatto dipende dalla libertà delle merci.
Non diversamente il trattato di Maastricht nel 1992 e quello di Amsterdam del 1997, quindi Lo spazio “Schengen” non è altro che il figlio della strategia iniziata nel 1957, lo spazio interno continua ad essere libero e tutelato mentre le frontiere esterne devono essere rafforzate.
La moneta unica nel 2002 e il fallimento della Costituzione Europea del 2004 fanno il paio con il Trattato di Lisbona del 2007 il quale recita la supremazia del diritto comunitario sulle questioni economiche e di mercato.
Tutto questo rende chiarissimo un fatto: le migrazioni in Europa sono state gestite in questi decenni secondo questa ottica, come funzionali alla gestione del capitale, per cui invece di parlare di flussi migratori è più opportuni parlare di “dispositivo” delle migrazioni, che sono solo funzionali al potere economico capitalista.
Fino alla crisi del 2008, in Europa i migranti erano considerabili “wanted but not welcome”, senza diritti ma ricercati per favorire i processi di flessibilizzazione del lavoro.
Ora con la crisi e con la flessibilizzazione compiuta, gli immigrati vengono trattati solo come un problema umanitario e si fa appello alle Convenzioni dei diritti umani solo per dividere gli immigrati e classificarli in diverse tipologie che vanno dall’accettabile al non desiderabile, il clandestino. Che è clandestino solo in relazione al capitale.
Donne, uomini, lavoratrici e lavoratori che vengono repressi ogni volta che cercano di affermare il loro diritto ad un lavoro giusto e riconosciuto, alla lotta ed all’auto-organizzazione sociale e sindacale.
Anche quest’anno il primo marzo è lo sciopero dei migranti e di tutti i lavoratori e tutte le lavoratrici che vorranno e potranno essere solidali nell’unità di classe, nell’unità della lotta e dei diritti in Italia e in Europa.
Con e per chi è qui per lavorare e si vende a giornata,
per chi è arrivata in Italia per essere più libera, e si è ritrovata a scegliere se essere puttana o schiava,
per chi costruisce il proprio futuro e quello dei suoi cari camminando senza casco su delle impalcature,
per chi sostituisce i figli di qualcuno, ma non ruba i bambini, cura i vecchi,
per chi ora sa che la povertà è il peggior peccato, quello per cui non c’è assoluzione,
per chi paga per le colpe di quelli che hanno il suo accento, anche se è innocente,
per chi è diverso, ed è per quello che è partito, e ora è diverso anche qui, e nessuno gli permette di dimenticarlo,
per chi è partito, e non è mai arrivato,
per chi non può urlare perché si è cucito le labbra,
per chi non può lottare perché non ha resistito,
per chi resiste, insiste, lotta, ancora,
per loro e per tutti noi, perché non ci siano più frontiere da attraversare, permessi per vivere, pane da mendicare,
ma libertà, giustizia e solidarietà

Alternativa Libertaria/fdca
1 marzo 2016

About Author

webmistress

webmistress

Ultimo aggiornamento 18/05/2020
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli

  • A sostegno delle richieste di Grup Yorum

    Per – la  fine delle incursioni della polizia nel Centro Culturale İdil – la cancellazione dalla lista dei ricercati dei membri del Grup Yorum – la rimozione del divieto dei

  • Ogni tempo è di lotta

    “Il primo maggio dovrebbe essere un simbolo di solidarietà internazionale, di solidarietà non limitata ai quadri dello Stato nazionale che corrisponde sempre agli interessi delle minoranze privilegiate del Paese. Tra

  • Dichiarazione di solidarietà con il Rojava di fronte alla guerra e alla pandemia globale!

      COVID-19, che ha messo in quarantena un numero innumerevole di città e ha paralizzato interi settori economici, non ha ancora fermato la continua guerra sporca della Turchia e del

  • Il foglio telematico di Alternativa Libertaria

    In questo numero a tema 25 Aprile parliamo di: -Antifascismo anarchico nella figura di Silvano Fedi -Storie degli anarchi in Spagna biografia di Carlo Castagna -Pandemia capitalista e solidarietà tra

  • I mantovani libertari nella guerra civile spagnola: l’esempio di Carlo Castagna

    Diverse decine di mantovani, negli anni dal 1936 al 1939, decisero di lasciare le famiglie per accorrere alla difesa della Repubblica Spagnola contro il Colonnello Francisco Franco e contro l’espansione

  • Silvano Fedi, un comunista libertario, un partigiano

    Nel 1939 per un giovane liceale non era facile maturare ideali di giustizia e libertà. Il regime fascista era oramai saldamente al potere da 17 anni, sostenuto con un entusiasmo

  • #iorestocittadina/o – 4 punti sulla libertà del gregge.

    #Marche: screening Covid capillare subito # limitazioni prolungate al movimento rischiano ledere diritti civili. #Pianopandemico partecipato, via delega al governatore. #Nodeportazione“100letti” #Ridestinare i fondi agli ospedali ed ai servizi territoriali.

  • Il foglio telematico di Alternativa Libertaria

    In questo numero a tema coronavirus parliamo di: -Sicurezza e lavoro -Capitalismo della sorveglianza -Lotta di classe ai tempi del coronavirus PER SCARICARLO  PER RICHIEDERLO     Correlati

  • EDDI NON SARÀ MAI SOLA

    In questi giorni dominati dal Covid19, è arrivata una notizia che non avremmo voluto ricevere. Maria Edgarda Marcucci, una donna che nel 2017 è andata in Rojava per sostenere la

  • Pandemie, capitalismo e sorveglianza

    Questi ultimi mesi hanno segnato un drastico e assolutamente imprevisto cambiamento di abitudini e innescato scenari inediti con cui tutte e tutti noi stiamo cercando faticosamente di fare i conti.



 

Forum