Alternativa Libertaria_FdCA

Palestina Israele 16 marzo 2016
Nel dodicesimo anno di lotta unitaria a Bil'in si riscontra un calo di tensione. Molti attivisti hanno 
perso l'entusiasmo per l'azione diretta che non è più una novità. 
A questo ha contribuito anche l'estendersi della lotta unitaria non-armata ad altre località 
della Cisgiordania. Molti attivisti hanno giusto scelto di 
"dedicarsi" ad un modo di vita meno dispendioso. Ma, alcuni vecchi attivisti non riescono a "mollare".
L'altro giorno, cercavo su http://archive.org/web/ il vecchio sito di: "questo 
appello, il primo on-line a chiamare al boicottaggio contro Israele, è stato postato nell'aprile 
2001".(http://matzpun.com)... e vi si possono leggere ancora 35 firmatari di quell'appello pre-BDS. 
La maggioranza di loro sono ancora attivi nella lotta. Riguardando ai miei 65 anni di lotta, considero 
ainfos.ca, questa petizione, la lotta unitaria a Bil'in e il mio racconto sull'anno 2100 - 
50 anni dopo la rivoluzione"* come le cose più significative della mia vita.
Ilan 

Hebron

Open Shuhada protesta di strada del 26.2.2016
israelpnm https://www.youtube.com/watch?v=2NuM5Ccnoio&feature=youtube


Bil'in


26-2-16 Oggi settimanale manifestazione pacifica del venerdì a Bil'in con spari dell'esercito israeliano 
contro di noi con nuove armi! Un nuovo tipo di candelotti lacrimogeni che esplodono e che sono molto pericolosi!
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=885696734862993 
https://www.facebook.com/mohamed.b.yaseen/posts/885699831529350
https://www.facebook.com/rani.fatah/posts/10208671023116130

Venerdì 4-3-16. 5 Israeliani ed 8 internazionali si sono uniti agli attivisti locali per la settimanale 
manifestazione contro l'occupazione e contro i coloni. Prima ancora che partisse il corteo le forze israeliane 
ci hanno sparato il primo avviso di lacrimogeni di nuova generazione da quasi 800 metri di distanza. 
Appena partito il corteo, ancora qualche sporadico lancio di lacrimogeni nuovo-tipo... e all'improvviso un drone che 
si alza al di sopra dei candelotti di nuovo e vecchio tipo sparati sopra di noi.
Il vento era mutevole e siamo riusciti ad evitare il gas il più delle volte.
Verso la fine della manifestazione un'altra raffica di lacrimogeni contro di noi, ci siamo ritirati e
le forze di stato gradualmente se ne sono andate e così abbiamo fatto noi.
https://www.facebook.com/rani.fatah/posts/10208723494267876
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10208670971954851
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10208723482587584
https://www.facebook.com/mohamed.b.yaseen/posts/889382824494384
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=889382424494424
https://www.facebook.com/haytham.alkhateeb/posts/10207629359305018
https://www.facebook.com/haytham.alkhateeb/videos/10207627876987961

11-3-16 L'esercito israeliano ha cercato di disperderci con candelotti lacrimogeni e proiettili di gomma come 
se fosse una cosa normale! Non c'è nulla di normale nell'essere presi di mira dai soldati israeliani anche se ciò fa parte 
della nostra quotidianità nella Palestina occupata! Noi non riusciamo ad accettarlo.
Si può vedere quanta forza diano i gas lacrimogeni - quanta energia nella mia corsa su per la collina: 
https://www.facebook.com/haytham.alkhateeb/videos/10207687147749693/
Un'altra manifestazione nella catena della lotta unitaria degli Anarchici Contro il Muro e 
degli attivisti della lotta non-armata di Bil'in (e di Ni'ilin, di Nebi Saleh, e Qaddum)...
7 attivisti Israeliani si sono uniti agli attivisti internazionali ed a quelli locali. Appena partiti in corteo 
dal villaggio giù lungo la collina, le forze di stato israeliane hanno iniziato a spararci addosso con 
il nuovo tipo di candelotti a lunga gittata. I venti da nord ci erano favorevoli ma 
la lunga gittata dei nuovi candelotti rendeva inutile la nostra vecchia tattica di ritirarci oltre il raggio di 
lancio.
Nonostante ciò e nonostante i candelotti che ci cadevano tra i piedi, abbiamo resistito e siam rimasti sorpresi 
quando le forze di stato hanno smesso di testare i nuovi candelotti e se se sono andate dopo 
meno di 20 minuti di scontri - mai manifestazione fu più breve.
https://www.facebook.com/Mohammed.Yasin.photography/posts/668561923283173
https://www.facebook.com/taki.bornat/posts/1067826596572566


Nabi Salih

26-2-16 
http://antinarrativeblog.com/2016/02/28/nabi-salih%D8%A7%D9%84%D9%86%D8%A8%D9%8A-%D8%B5%D8%A7%D9%84%D8%AD-%D7%A0%D7%90%D7%91%D7%99-%D7%A1%D7%90%D7%9C%D7%97-26-2-2016/
David Reeb https://youtu.be/UZLNUWk90Bc

4.3.16 David Reeb https://youtu.be/TlMz5Lj-F9w
Dopo 6 anni di rivolte popolari e dopo 6 mesi di estrema, brutale e violenta repressione 
da parte israeliana, i Palestinesi del villaggio di Nabi Saleh si sono scontrati con l'esercito israeliano per 
protestare contro l'occupazione in corso, contro gli espropri della terra e contro le uccisioni. 
I manifestanti hanno raccontato che l'esercito sta ora usando un nuovo e letale tipo di candelotti lacrimogeni, 
che sono più pesanti di quelli vecchi, quasi imprevedibili data la loro gittata più lunga. E'
solo questione di tempo prima che questi nuovi candelotti possano provocare vittime.
Per altre foto, Please fare click sul link: https://schwarczenberg.com/nabi-saleh-04032016

venerdì 11-3-16, soldati israeliani hanno ferito due bambini palestinesi a Nabi Saleh 
a nord-ovest di Ramallah, ed hanno sparato candelotti lacrimogeni, provocando decine di intossicati per gli effetti 
dell'inalazione dei gas; dopo di che l'esercito ha attaccato la manifestazione non-violenta contro il 
Muro dell'Annessione e contro le colonie.
Fonti mediche hanno dichiarato che i soldati hanno sparato un candelotto su Mohammad Naji Tamimi, di 9 anni, colpendolo all' 
addome, succesivamente soccorso con cure sul campo e poi ricoverato in ospedale.  
Un altro bambino è stato colpito al viso da un proiettile d'acciaio ricoperto di gomma, causandogli una
vasta ferita; i dottori lo hanno ricoverato nell'ospedale locale, dopo le cure urgenti sul campo.
Le fonti dicono che i soldati hanno sparato decine di candelotti sui manifestanti 
non-violenti, su parecchie case del villaggio, causando parecchio disagio ai residenti per gli  
effetti dell'inalazione di gas.
http://www.imemc.org/article/75239
David Rib https://www.youtube.com/watch?v=hR9yYrn0qbc


Qaddum

venerdì 4-3-16, oggi nel corso della manifestazione settimanale, cecchini dell'esercito hanno sparato due 
proiettili veri contro il figlioletto del nostro amico Morad Shtewi! Un altro coraggioso amico è stata colpito mentre 
stava cercando di portare il bimbo dai dottori.
I due sono in ospedale in condizioni stazionarie ma difficili.

https://www.youtube.com/watch?v=TPHsyIGMZjs
https://www.facebook.com/hamde.a.rahma/videos/1669250283345342/

Ni'ilin

04/03/16
israelpnm https://www.youtube.com/watch?v=6DQtGLZSWU4
Daboos Hassan https://www.youtube.com/watch?v=3jUohO52v7k


Palestina-Israele,

Al Jazeera ha intervistato 11 residenti del villaggio di Bil'in nell'anniversario delle proteste contro 
il muro della separazione costruito da Israele.
Reporting: Nigel Wilson -- Photos: Mary Pelletier
http://interactive.aljazeera.com/aje/2016/bilin-israeli-occupation-separation-wall/

Hebron

Sabato 20-2-16
israelpnm https://www.youtube.com/watch?v=QJZ7JN88J8Q 

----------------------------------------------------------------------
Non dite che non lo sapevamo n°490
Mercoledì sera, 24 Febbraio 2016, alcuni Palestinesi hanno fatto una cerimonia commemorativa vicino 
alla Grotta dei Patriarchi o anche Moschea Ibrahimi ad Hebron, in ricordo del massacro 
perpetrato lì nel  1994. Hanno acceso candele e proiettato un documentario sul 
massacro. I militari hanno arrestato 3 Palestinesi che cercavano d partecipare alla 
cerimonia. Due coloni hanno minacciato i partecipanti. Poi è arrivata in auto la colona Anat Cohen. 
Ha urlato contro i partecipanti, guidando l'auto lentamente contro di loro, ferendone alcuni.I 
soldati non sono intervenuti. Lei è scesa dall'auto ed ha continuato ad inveire ed aggredire alcuni 
dei presenti. Di nuovo, i soldati non l'hanno fermata. Hanno invece iniziato ad usare “metodi di 
dispersione di massa”.

Non dite che non lo sapevamo n°491

Mercoledì 3 marzo 2016, i soldati israeliani sono arrivati a Khirbet Tana (vicino Beit Furiq) dove 
hanno demolito 13 edifici tra cui 7 abitazioni.
Il 4 febbraio 2016, l'esercito ha demolito tutti gli edifici di due famiglie di Maqaser (vicino 
il posto di blocco di Hamra nella Valle del Giordano. Il 29 febbraio sono ritornati ed hanno demolito
tutte le tende e gli ovili che i residenti  
avevano ricevuto da organizzazioni di assistenza.

Non dite che non lo sapevamo n°492
Josephine (una cittadina tedesca) è sposata con un palestinese residente a Hebron, vivono nell' 
area H2. Ha compilato una richiesta di certificato di residenza presso gli uffici palestinesi, 
che a loro volta l'hanno girata (come richiesta ufficiale) alle autorità israeliane – che l'hanno 
respinta. Josephine teme che se torna in Germania a trovare la sua famiglia, non le sarà permesso di fare ritorno 
in Palestina. Il Consolato Tedesco a Ramalla le ha consigliato di portare il suo caso in un tribunale israeliano.
Lunedì 7 marzo e martedì 8 marzo, agenti governativi accompagnati dalla polizia hanno distrutto 
coltivazioni di grano di proprietà dei Beduini del Negev: 150 dunums (dunum=1000 mq) ad Umm Al Hiran 
(nord-est di Hura), 300 dunums a El-Sera (vicino Kseife), 200 dunums a Tell Al Milh 
(vicino El-Sera), 150 dunums a Wadi Al Na'am (vicino Ramat Hovav).
Mercoledì 9 marzo, hanno demolito Al Araqib per l'ennesima volta.

Questions & queries: amosg@shefayim.org.il
=================================

*Ilan Shalif
http://ilanisagainstwalls.blogspot.com/

 

About Author

webmistress

webmistress

Related Articles

Ultimo aggiornamento 8/01/2020
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli

  • Andrò in prigione di nuovo – di Jonathan Pollack

    La prigione del campo di Ofer. Ai colleghi palestinesi non “capitano” le condizioni relativamente favorevoli dei tribunali israeliani. Sono passati quasi nove anni dall’ultima volta che sono stato incarcerato per

  • Arrestato Jonathan Pollack, attivista di Anarchici contro il Muro

    Lunedì 6 gennaio è stato arrestato  Jonathan Pollack,  attivista israeliano. Jonathan è stato uno dei primi refusenik e tra i fondatori di  Anarchici contro il muro. Era stato denunciato da

  • Nicoletta libera subito!

    Il 2019 si chiude con un atto inaccettabile ed inqualificabile come quello dell’arresto di Nicoletta Dosio, l’attivista No Tav condannata perchè durante una manifestazione in Val di Susa aveva aperto

  • RIPARTIRE DALLE LOTTE PER MIGLIORI CONDIZIONI DI VITA PER BATTERE RAZZISMO, FASCISMO, POPULISMO.

    Da sempre la politica parlamentare italiana ha riservato colpi di scena e sorprese, ma questa volta dobbiamo ammettere che il trasformismo espresso nell’ultima crisi governativa ha superato ogni previsione visto

  • Dichiarazione del rilancio del Coordinamento Anarchico Latino Americano (CALA)

    Pubblichiamo a seguire il comunicato delle nostre organizzazioni sorelle latinoamericane. Ricordiamo al pubblico italiano che l’especifismo è la denominazione dell’anarchismo latinoamericano, sviluppatosi autonomamente dalle lotte del sindacalismo rivoluzionario di inizio

  • Dalla stagione delle lotte operaie e studentesche alla strategia della tensione

    Sono passati 50 anni da quel 12 dicembre del 1969, quando a Milano in Piazza Fontana scoppiò una bomba nella Banca Nazionale dell’Agricoltura e fece una strage di vittime innocenti,

  • Eppur la nostra idea….

    La strage di Piazza Fontana arriva con alle spalle un decennio di lotte operaie e giovanili. Un decennio in cui la rabbia delle nuove generazioni operaie, costrette a spostarsi dal

  • La strage è di Stato

     Venerdì 12 dicembre 1969 il giorno della strage di Piazza Fontana. La notte del 15 dicembre l’assassinio di Pino Pinelli. Due date che segnarono in maniera indelebile la generazione che

  • Prima della bomba

    Una breve CRONOLOGIA di avvenimenti che precedono la strage e l’assassinio di Giuseppe Pinelli. 28-29-30 giugno 1960. Genova manifestazioni di protesta per impedire il congresso del Movimento Sociale Italiano, partito

  • Il foglio telematico di Alternativa Libertaria

    In questo numero parliamo di di Piazza Fontana,a 50 anni dalla strage. PER SCARICARLO  PER RICHIEDERLO   Correlati



 

Forum