Alternativa Libertaria_FdCA

La Turchia ed il Libero Esercito di Siria prendono Jarablus all’ISIS senza combattere

url

Le truppe turche ed i miliziani del cosiddetto “islamista moderato” Libero Esercito di Siria (FSA) sono entrati nel centro della città di Jarablus togliendo all’ISIS tutti i palazzi governativi.  Dai reports si apprende che non ci sarebbero stati scontri tra i due schieramenti dal momento che l’ISIS aveva già abbandonato la città da alcuni giorni. Filmati girati da miliziani del FSA fanno vedere anche che non ci sono civili presenti della città della Siria settentrionale.

Più di 20 carri armati turchi e 500 soldati turchi insieme ai miliziani del FSA sono penetrati stamattina nel nord della Siria all’interno dell’operazione “Euphrates Shield’, definita dagli ufficiali turchi un “atttacco allo ISIS ed ai terroristi curdi”.

Fonti curde riportano bombardamenti turchi sugi abitati curdi ad est ed ovest di Jarablus, con la morte di almeno 49 civili.

Più di 3000 civili sono fuggiti nella vicina Manbij, che era stata tolta all’ISIS da poco dalle Forze Democratiche Siriane (SDF).

Esponenti curdi hanno condannato l’operazione turca come una vera e propria invasione, con le parole del co-presidente del PYD Saleh Moslem: la Turchia è entrata nel pantano siriano e verrà sconfitta proprio come Daish (Islamic State). Commentatori curdi ad alcuni media internazionali hanno sottolineato che il vero obiettivo dell’operazione turca non è l’ISIS bensì le forze a guida curda che si stavano preparando ad un’operazione militare per liberare dall’ISIS Jarablus, Al-Bab e Mare fino ad unire così i 3 cantoni della Rojava.

Questa interpretazione è stata confermata da esponenti turchi i quali hanno detto che non permetteranno la costituzione di un’entità curda al loro confine.

Nel frattemmpo, esponenti USA, tra cui il Vice Presidente Joe Biden, hanno dichiarato il loro sostegno all’operazione turca e chiesto alle YPG di ritirarsi ad est dell’Eufrate. Molti commentatori hanno definito come “tradimento”, la posizione assunta dagli USA contro i Curdi.

In risposta, il comandante delle YPG, Redur Xelil, ha detto alla Reuters che la decisione di ritornare ad est dell’Eufrate sarà presa dal Comando Generale delle SDF.

Il ministro degli esteri turco Mevlut Cavusoglu ha confermato il sostegno USA dicendo che l’operazione era stata pianificata con gli USA “fin dall’inizio” ed avvertendo PYD/YPG di ritirarsi altrimenti “si farà ciò che è necessario”.

Alcuni commentatori hanno detto che USA, Iran, Russia, Siria e Governo Regionale Curdo (KRG in Iraq) avevano dato luce verde e concordato con l’operazione.

Tuttavia, il ministro degli esteri siriano ha condannato l’operazione quale “violazione della sovranità del paese” aggiungendo che la “Turchia sta rimpiazzando un gruppo terrorista con un altro”.

La Russia ha dato peso alle parole del ministro siriano dicendo di essere preoccupata sugli sviluppi lungo il confine turco-siriano.

Fonti turche dicono che l’operazione potrebbe proseguire nelle zone di Al-Bab e Mare, con una spinta finale fino a Manbij, cosa che porterebbe le forze tuche a scontrarsi con quelle del SDF.

link esterno http://kurdishquestion.com/article/3381-turkey-fsa-take-jarablus-from-IS-without-fight

(traduzione a cura di AL/fdca – Ufficio Relazioni Internazionali)

About Author

webmistress

webmistress

Related Articles

Ultimo aggiornamento 13/09/2020
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli

  • Sul Referendum del 20-21 Settembre

    Immancabile, come sempre si apre lo scenario parlamentare e referendario. Il referendum costituzionale del 20-21 settembre, nella stessa giornata si terranno anche elezioni amministrative e regionali, sta mettendo in luce

  • il Cantiere

    Primo numero de “il Cantiere” raccolta di materiali di intervento dei comunisti anarchici nella lotta di classe In questo numero si parla -Riduzione orario lavorativo e aumento salariale -Lotta di

  • Solidarietà al Movimento NO TAP sotto processo a Lecce

    Anche in Italia l’opposizione finisce sotto processo, non solo in Biellorussia, Cina, Russia, USA,Siria Israele, Cile, Brasile, Arabia Saudita, Egitto, Turchia, Ucraina, Bulgaria ……………. Il prossimo processo contro attivisti NO

  • Contro i venti di guerra

    Dichiarazione congiunta delle organizzazioni anarchiche Devrimci Anarşist Faaliyet (turca) e Anarşist Politik Örgütlenme/ Yunanistan (greca) contro i venti di guerra nel Mediterraneo orientale   Grecia e Turchia . Solidarietà di

  • La classe operaia contro Lukashenko

    Il 9 agosto, il presidente uscente della Bielorussia, Alexander Lukashenko, è stato “ufficialmente rieletto”, con “oltre l’80% dei voti” per il suo sesto mandato in un’elezione rozzamente truccata. Ma dopo

  • Solidarietà con la Lotta del Popolo Mapuche

    Siamo solidali con la lotta del popolo Mapuche che sta vivendo un altro episodio di persecuzione e repressione da parte dello Stato cileno razzista e coloniale. Lo Stato cileno è

  • Il modello svedese

    Solo pochi mesi fa, analizzando la situazione sociale determinatasi in seguito alla pandemia da Coronavirus, riaffermavamo la necessità del superamento di questo sistema economico e sociale poichè, unico nella storia dell’umanità,

  • Il foglio telematico di Alternativa Libertaria

    In questo numero parliamo di: -Donne e capitalismo -Razzismo e oppressioni -Analisi della fase post-lockdown PER SCARICARLO  PER RICHIEDERLO     Correlati

  • Ciao Paolo

    Con Paolo Finzi ci lascia un pezzo importante di storia del movimento anarchico, un compagno infaticabile che ha lavorato per un anarchismo plurale, inclusivo, all’altezza delle sfide dell oggi. Ma

  • Le Classi Oppresse Si Ribellano Contro il Razzismo e la Discriminazione

    L’assassinio di George Floyd negli Stati Uniti da parte della polizia ha scatenato un’ondata di indignazione popolare in quel paese e in tutto il mondo. Manifestazioni massicce, azioni dirette contro



 

Forum