Alternativa Libertaria_FdCA

Macron ha vinto: le ragioni per essere contrariati, per rallegrarsi e per impegnarsi

macronEmmanuel Macron sarà dunque presidente! Il candidato del padronato ha battuto la fascista rifatta Marine Le Pen.

Per gli elettori e le elettrici di sinistra si tratta di un magro sollievo (Le Pen sconfitta), a cui subentra subito la frustrazione per la vittoria di Macron.

Per coloro i quali non credono che la politica istituzionale possa cambiare qualcosa, come Alternative Libertaire, queste elezioni sono servite a riconfigurare i termini  della lotta.

Le ragioni per essere contrariati

Rammentiamo alcuni punti del programma di En marche :

  • Tagli alle tasse per i ricchi : mutazione dell’imposta sul patrimonio per esentare « migliaia di case attualmente al vaglio dell’ISF ».
  • Taglio dei servizi pubblici: con la soppressione di 120.000 posti di lavoro negli ospedali, nelle scuole e nei servizi pubblici, da 70 000 fino a 75 000 posti tagliati negli enti locali. Basti dire che la promessa di classi con 12 alunni nella scuola primaria non è che una menzogna.
  • Revisione del Codice del lavoro: lungo la linea della legge El Khomri, dando la priorità agli accordi aziendali rispetto ai contratti di settore ed al Codice del Lavoro.
  • Tagli all’assistenza sociale:  contributi previdenziali più bassi, riduzione delle prestazioni sanitarie, del sostegno ai disoccupati ed alla vecchiaia. IL miglioramento dell’assistenza sociale per i lavoratori autonomi non è che polvere negli occhi.
  • Penalizzazioni per i disoccupati:  per ridurre la loro possibilità di dire no ad una proposta di lavoro.
  • Penalizzazioni per lavoratori e lavoratrici: con la soppressione delle 35 ore settimanali per i giovani assunti.
  • Rafforzamento della repressione: tramite l’assunzione di 10.000 poliziotti e gendarmi in più.

E’ contro tutti questi attacchi annunciati che dovremo resistere.

Le ragioni per rallegrarsi

Macron perseguirà le politiche neoliberiste e di regressione sociale dei suoi predecessori. Ma a differenza del bulldozer Sarkozy e dell’illusionista Hollande, Macron deve fare i conti con una serie di limiti:

  • la sua base elettorale è volatile, Macron non ha da vendere che un’immagine giovanilista di sogni e frasi vuote come « nè di destra nè di sinistra ». Per coloro che hanno bevuto le sue parole con le stelle negli occhi, il disincanto sarà brutale ;
  • la sua base sociale è molto ristretta: malvisto negli ambienti borghesi tradizionali, disprezzato tra le classi popolari, con lui ci saranno la Medef (confindustria, ndt), i commercianti che sperano nei i tagli fiscali e la coorte appariscente delle start-up, i “creativi” e quelli assettati di affari 2.0. Ben poco, in realtà;
  • non beneficerà più dell’etichetta di sinistra che troppo spesso intimidisce i movimenti sociali e sindacali. Nel giro dei militanti, nessuno si aspetta niente di buono dall’autore delle leggi  Macron ed El Khomri. Non ci sarà certo uno stato di grazia;
  • non è sicuro di ottenere una maggioranza parlamentare alle elezioni legislative. Anche se l’otterrà, sarà una maggioranza instabile  – formata con transfughi e neofiti poco affidabili. Questo fa venir meno la sua pretesa di “governare per decreti”, perchè per questo ci vuole l’assenso del Parlamento.

Il suo potere sarà dunque fragile, ed è una buona notizia per il movimento sociale, sindacale e più globalmente per “la sinistra diffusa”. Cioè per tutti coloro che non si aspettano grandi cose dalle urne e che pensano che le conquiste vengono dalle lotte. Noi faremo da diga alla politica di En marche nelle piazze, nelle fabbriche e nei quartieri.

Alternative Libertaire

(traduzione di AL/fdca – Ufficio Relazioni Internazionali)

Tags

Related Articles

Ultimo aggiornamento 12/06/2018
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli

  • Onda Pride 2018

    Per la difesa dei diritti, della laicità e dei principi di una libera convivenza civile, contro ogni discriminazione fascista, razzista, sessista. Trova e partecipa al tuo Pride più vicino… www.ondapride.it

  • Vecchie e nuove volpi

    Approvare la riforma per introdurre il sistema proporzionale poco prima dl circo elettorale è stata indubbiamente una mossa da vecchie volpi che sapevano di perdere le elezioni. La trappola è quasi

  • #Palestina Israele, report dalla lotta popolare e antifascista maggio 2018

    Jerusalem Antifa 13 maggio 2018 Attivisti antifascisti da Gerusalemme hanno compiuto un’azione contro l’annuale iniziativa nazionalista della “Parata della Bandiera”, nella quale migliaia di persone vengono a marciare e ad

  • Solidarietà a Ri-Make!

    Ancora uno sgombero, ancora uno spazio di socialità, aggregazione e mutualismo che viene sottratto alla collettività per tornare nelle mani di speculatori e palazzinari senza scrupoli. Questa mattina, mercoledì 30

  • Ciao Monia,

    Ciao Monia, femminista, filosofa, militante comunista anarchica, compagna e amica. Hai seminato libertà e coltivato solidarietà e giustizia, sempre attenta ai diritti dei più deboli e impegnata a costruire reti

  • PESCO E LA MILITARIZZAZIONE DELL’UNIONE EUROPEA

    L’idea che l’UE sia un’entità non democratica non è ormai una novità, ciononostante l’ultima mossa autoritaria non dovrebbe essere sottovalutata, poiché le conseguenze negative si faranno sentire sia in Europa

  • Il vero costo del lavoro

    Negli ultimi 10 anni sono morti sul lavoro 13.100 lavoratori, nel 2017 1.115, nei primi 3 mesi del 2018 154. Sempre nel 2017 oltre il 30% dei 635.000 infortuni sul

  • Il nostro maggio

    “Questo mondo dove i potenti schiacciano i lavoratori e ci dicono che questo è l’ordine giusto delle cose crollerà, e nascerà una società di libertà in cui ognuno coopererà volontariamente

  • Francia: colpire i ferrovieri per colpire tutto il mondo del lavoro

    Lunedi 26 febbraio il primo ministro francese Edouard Philippe ha annunciato che entro l’estate sarà portata a termine la riforma dei servizi pubblici che prevede tra le altre cose la

  • Per finirla con la guerra in Siria

    Negli ultimi giorni non si sente più parlare di Afrin, assediata e distrutta dal governo turco. Confusa nel massacro siriano senza fine, ora è alla ribalta il massacro di Duma, apparentemente



 

Newsletter

Forum