Alternativa Libertaria_FdCA

Macron ha vinto: le ragioni per essere contrariati, per rallegrarsi e per impegnarsi

macronEmmanuel Macron sarà dunque presidente! Il candidato del padronato ha battuto la fascista rifatta Marine Le Pen.

Per gli elettori e le elettrici di sinistra si tratta di un magro sollievo (Le Pen sconfitta), a cui subentra subito la frustrazione per la vittoria di Macron.

Per coloro i quali non credono che la politica istituzionale possa cambiare qualcosa, come Alternative Libertaire, queste elezioni sono servite a riconfigurare i termini  della lotta.

Le ragioni per essere contrariati

Rammentiamo alcuni punti del programma di En marche :

  • Tagli alle tasse per i ricchi : mutazione dell’imposta sul patrimonio per esentare « migliaia di case attualmente al vaglio dell’ISF ».
  • Taglio dei servizi pubblici: con la soppressione di 120.000 posti di lavoro negli ospedali, nelle scuole e nei servizi pubblici, da 70 000 fino a 75 000 posti tagliati negli enti locali. Basti dire che la promessa di classi con 12 alunni nella scuola primaria non è che una menzogna.
  • Revisione del Codice del lavoro: lungo la linea della legge El Khomri, dando la priorità agli accordi aziendali rispetto ai contratti di settore ed al Codice del Lavoro.
  • Tagli all’assistenza sociale:  contributi previdenziali più bassi, riduzione delle prestazioni sanitarie, del sostegno ai disoccupati ed alla vecchiaia. IL miglioramento dell’assistenza sociale per i lavoratori autonomi non è che polvere negli occhi.
  • Penalizzazioni per i disoccupati:  per ridurre la loro possibilità di dire no ad una proposta di lavoro.
  • Penalizzazioni per lavoratori e lavoratrici: con la soppressione delle 35 ore settimanali per i giovani assunti.
  • Rafforzamento della repressione: tramite l’assunzione di 10.000 poliziotti e gendarmi in più.

E’ contro tutti questi attacchi annunciati che dovremo resistere.

Le ragioni per rallegrarsi

Macron perseguirà le politiche neoliberiste e di regressione sociale dei suoi predecessori. Ma a differenza del bulldozer Sarkozy e dell’illusionista Hollande, Macron deve fare i conti con una serie di limiti:

  • la sua base elettorale è volatile, Macron non ha da vendere che un’immagine giovanilista di sogni e frasi vuote come « nè di destra nè di sinistra ». Per coloro che hanno bevuto le sue parole con le stelle negli occhi, il disincanto sarà brutale ;
  • la sua base sociale è molto ristretta: malvisto negli ambienti borghesi tradizionali, disprezzato tra le classi popolari, con lui ci saranno la Medef (confindustria, ndt), i commercianti che sperano nei i tagli fiscali e la coorte appariscente delle start-up, i “creativi” e quelli assettati di affari 2.0. Ben poco, in realtà;
  • non beneficerà più dell’etichetta di sinistra che troppo spesso intimidisce i movimenti sociali e sindacali. Nel giro dei militanti, nessuno si aspetta niente di buono dall’autore delle leggi  Macron ed El Khomri. Non ci sarà certo uno stato di grazia;
  • non è sicuro di ottenere una maggioranza parlamentare alle elezioni legislative. Anche se l’otterrà, sarà una maggioranza instabile  – formata con transfughi e neofiti poco affidabili. Questo fa venir meno la sua pretesa di “governare per decreti”, perchè per questo ci vuole l’assenso del Parlamento.

Il suo potere sarà dunque fragile, ed è una buona notizia per il movimento sociale, sindacale e più globalmente per “la sinistra diffusa”. Cioè per tutti coloro che non si aspettano grandi cose dalle urne e che pensano che le conquiste vengono dalle lotte. Noi faremo da diga alla politica di En marche nelle piazze, nelle fabbriche e nei quartieri.

Alternative Libertaire

(traduzione di AL/fdca – Ufficio Relazioni Internazionali)

Tags

Related Articles

Ultimo aggiornamento 17/02/2018
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli

  • Tempo di elezioni di guerre e di lotta di classe.

    Le elezioni politiche del 4 marzo prossimo ci permettono di verificare gli scenari possibili di una catastrofe annunciata. Non emerge infatti dalle dichiarazioni, più o meno esilaranti, dei leader dei

  • SULLE QUESTIONI ETICHE E POLITICHE INERENTI LA FINE DELLA VITA

    Il tema delle fasi finali della vita oggi è diventato via via sempre più importante nel dibattito etico e politico sulle questioni di salute per due motivi principali. Il primo

  • Una scuola di classe per una società classista?

    Orrore e sconcerto, i licei classici romani e il nostro genovese tanto acclamato D’Oria, si fanno pubblicità affermando che, siccome nei loro licei il ceto degli studenti appartiene alla medio-alta

  • Il foglio telematico di Alternativa Libertaria

    In questo numero parliamo di antifascismo e di Kurdistan PER SCARICARLO PER RICHIEDERLO Correlati

  • Amazon 18 o le catene del presente

    I braccialetti brevettati da Amazon sono semplicemente l’evoluzione della specie. La tecnologia del capitale, all’opera, che riduce a codice a barre, riconoscimento di qualsiasi merce e prodotto, pure il/i lavoratori

  • Genova antifascista

    Oltre 5ooo persone hanno partecipato, sabato scorso, alla manifestazione convocata dall’assemblea antifascista cittadina in seguito al recente accoltellamento di un compagno da parte di soggetti di Casa Pound. La mancata

  • Marche: Violenza fascista

    Macerata è una città della profonda provincia italiana, come tutte le altre città d’Italia, e come anche le periferie di Milano, Roma, Torino, Napoli, etc. La profonda provincia dove facilmente

  • Afrin: la guerra degli Stati verrà sconfitta dalla guerra popolare

    Afrîn appartiene alla gente  di Afrîn. La gente che vive nel cantone di Afrîn è nata  in questa terra e vuole morire su di essa. Vivere lì non ha nulla

  • Ciao Donato

    Oggi 13 gennaio 2018 ci ha lasciati Donato Romito, segretario nazionale di Alternativa Libertaria e militante comunista anarchico. Maestro e sindacalista  ha fortemente inciso nella vita sociale e politica della

  • TERRORISTA E’ LO STATO – COMUNICATO SUL DOSSIER INTITOLATO “RAM”

    Argentina Il 27 dicembre è stato reso pubblico con mezzi ufficiali un rapporto di 180 pagine intitolato RAM, preparato dal Ministero della Sicurezza della Nazione in collaborazione con i governi provinciali di



 

Newsletter

Forum