Alternativa Libertaria_FdCA

Catalogna, continuismo o rottura. Embat sulle elezioni del 21 dicembre

embat1.- Nonostante le voci che hanno tentato di porre fine al cosiddetto processo di sovranità, la sua forza numerica, la sua capacità di aggregazione e il suo peso nella società, così come la sua capacità di confronto, sono in costante aumento. La mobilitazione delle folle sostenuta e in aumento per alcune settimane è stata in grado di imporre la realizzazione di un referendum illegale l’1 ottobre (cosa mai vista nelle società occidentali), un massiccio sciopero generale del 3 ottobre e una prova generale di controllo territoriale con lo sciopero dei tagli delle rotte di trasporto del giorno 8 novembre. Non esiste altra società europea che al momento abbia commissioni di base e gruppi di cittadini auto-organizzati a favore della Repubblica e contro il governo del loro Stato in tutti i quartieri delle città fino all’ultimo angolo della Catalogna. La pressione popolare ha imposto la proclamazione unilaterale della Repubblica.

2.- Contro questo lo Stato ha risposto con l’applicazione dell’articolo 155: la pura e semplice repressione, con i prigionieri politici e con l’indizione delle elezioni del 21 dicembre. Lo Stato le ha concepite in modo plebiscitario e ha sollecitato la mobilitazione dei suoi sostenitori nel tentativo di sconvolgere le forze indipendentiste attraverso la repressione, la giudizializzazione della politica, l’intervento delle istituzioni e i messaggi di scoraggiamento attraverso i media. In breve, l’indipendentismo è giunto alle elezioni su posizioni difensive. Un altro handicap per l’indipendenza, a priori, era la divisione visibile tra i due partiti che guidavano il blocco sovranista.

Nonostante ciò, l’indipendentismo ha conseguito un successo di voti.

3.- A causa del carattere plebiscitario di queste elezioni, la corrente unionista in Catalogna si è raccolta intorno alla lista dei Ciutadans (sebbene con qualche resistenza da parte del PSC). L’unionismo ha serrato le fila in un “no all’indipendenza” alla ricerca di referenti di unità tra gli spagnoli o basati sull’identità ispanica. Va notato che il voto per i Ciutadans è anche un rifiuto verso il Partito Popolare ed è percepito dai suoi elettori non come un voto di estrema destra ma come un voto per un partito liberale, centrista, moderno, anti-casta … che differisce dai modi di fare del PP. D’altro canto, i Ciutadans si sono dichiarati fermamente contrari all’indipendenza e talvolta hanno superato lo stesso PP a destra. Questo senza ignorare un possibile voto utile sulla lista che si presumeva vincitrice. In ogni caso, se lo Stato continua ad applicare la repressione senza misura (come sembra essere disposto a fare con le nuove accuse) può erodere questa vittoria.

I Ciutadans basano la loro forza elettorale su una parte della società catalana essenzialmente di lingua spagnola, legata alle loro origini familiari e culturali in altre regioni della Spagna e – cosa importante da sottolineare – lettori dei media spagnoli che in queste settimane hanno bombardato con la festa arancione.

Questo settore della popolazione ha un problema comune a tutte le cinture metropolitane in Europa, minacciate dal populismo di destra. Sono i quartieri più svantaggiati che cadono nell’orbita ideologica o socioculturale del settore più reazionario della nostra società e non quelli della classe media lavoratrice e professionale (molto meno nella sinistra rivoluzionaria). Non è la stessa cosa essere nati e cresciuti in famiglie e quartieri che apprezzano la cultura, che sono interessati alle associazioni o alla cultura popolare, che sono interessati alla politica, che sono linguisticamente diversi, rispetto a chi nasce e cresce sia in quelle famiglie che cercano solo di sopravvivere, sia in quelle che hanno già attraversato questo stadio e ora godono di una posizione salariale con un certo potere d’acquisto o che cercano di salire all’ascensore sociale dell ‘”imprenditorialità”, così caratteristico del nostro tempo, che bevono dalla cultura delle masse del capitalismo.

È necessario capire che questa parte della popolazione ha – in generale – un’idea non solo della questione nazionale, ma anche delle questioni sociali, dei diritti civili, del femminismo, ecc. questo la colloca negli antipodi del movimento popolare quando la sua base sociale dovrebbe esserne parte.

4.- Da parte del movimento popolare della Catalogna, è estremamente necessario porre l’accento sul conflitto politico tra la Catalogna e la Spagna nelle politiche sociali. Questo non significa rinunciare alla questione nazionale, se non lavorando in parallelo. È vitale una costruzione simultanea per risolvere i problemi materiali della sepoltura dello Stato spagnolo e della logica repubblicana di cercare un paese migliore per la sua gente. I militanti rivoluzionari devono essere coinvolti nei sindacati, nelle associazioni di quartiere, nelle case collettive, nella rivitalizzazione delle ondate di mobilitazione, ecc. essere in contatto con la popolazione più colpita dalla crisi. Si devono avanzare alcune richieste che si scontrino con lo status quo sociale, forse a partire dalle misure sociali abrogate dal Tribunale Costituzionale o che ci difendano dall’attacco contro la scuola pubblica catalana.

Crediamo che l’indipendentismo debba abbandonare il tono vittimistico e smettere di crearsi un’identità sulla base della superiorità morale in quanto sono atteggiamenti alienanti verso le classi meno favorite. Un catalanismo escludente non fa che lasciare ampi settori della popolazione al di fuori del quadro ideologico dell’indipendenza, lasciando terreno abbondante per l’unionismo.

In breve, dobbiamo rafforzare e consolidare tutte quelle strutture incipienti di Popolo Forte degne di essere preparate per espandere la nostra base sociale indirizzandosi verso le classi popolari con un chiaro messaggio: la disgregazione e la creazione di una nuova società è vitale per avere una vita migliore.

Embat, Organització Llibertària de Catalunya
(traduzione a cura di Alternativa Libertaria/fdca – Ufficio Relazioni Internazionali)

Link esterno: http://embat.info/continuisme-o-ruptura-sobre-les-elecc…-21d/

 

Tags
Ultimo aggiornamento 26/12/2018
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli

  • Decreto INsicurezza, i sindaci, la folla, i migranti in mare.

    Senza nessuna falsa illusione, ma profondamente attaccati con realismo alla fase attuale che vede crescere sempre più la deriva fascista e razzista, non possiamo che guardare con attenzione la presa

  • A-infos: la torcia accesa per il 24 ° anno

    Tutto è nato nel nel 1994, quando Class War organizzò un raduno anarchico internazionale a Londra dal titolo  “10 days the look the world”. Un posto che ha riunito un

  • Sicurezza si, ma per chi?

    Il primo problema del decreto sicurezza è proprio il nome, che rispecchia in sé tutti i suoi contenuti, in perfetta assonanza con le motivazioni di chi lo ha scritto e

  • MACRON DISTRIBUISCE LE BRICIOLE

    Il 10 dicembre, Macron ha parlato nel suo palazzo, davanti alla sua grande scrivania di legno verniciato e dorato. Il suo obiettivo era quello di calmare la rabbia sociale che

  • Sindacalisti, ecologisti, libertari nel movimento dei giubbotti gialli: quattro questioni

    Il giorno del 4 dicembre è stato in Francia il giorno del panico del potere: ha perso terreno, si è contraddetto, ha perso unità. Quali sono le loro opzioni? Un

  • Il nuovo foglio di Alternativa Libertaria

    In questo numero parliamo di –Prima le donne e  i bambini – note sul decreto Pillon -1918-2018 Guerre di oggi guerre di ieri PER SCARICARLO PER RICHIEDERLO Correlati

  • Note sul corrente stato della lotta di classe in Brasile

    L’attuale scenario politico brasiliano richiede molta lucidità e distacco per gi attivisti/e sociali e la loro analisi della realtà. Noi, il Coordinamento Anarchico Brasiliano (CAB), cerchiamo modestamente di dare il

  • Prima le donne e i bambini

    L’offensiva ideologica del Governo rende manifesta la volontà di riportare il paese indietro di decenni, è esplicita la modalità che attacca ogni conquista ottenuta con rabbia e fatica, talvolta con

  • 1918-2018 Guerre di oggi guerre di ieri

     Gorizia 3 novembre ore 15 manifestazione antimilitarista Ci stiamo avviando verso la chiusura ufficiale delle celebrazioni del centenario della prima guerra mondiale, avviate già dal Governo Renzi nel 2014, che

  • Il foglio telematico di Alternativa Libertaria

    In questo numero potete trovare: -Privatizzazioni e nazionalizzazioni, a quando l’autogestione? -Governo giallo-verde nel paese dei balocchi -Riace e la legge PER SCARICARLO Correlati



 

Newsletter

Forum