Alternativa Libertaria_FdCA

Fermiamo il genocidio di Afrin!

afrin

Il 20 gennaio l’esercito turco ha iniziato l’operazione militare paradossalmente chiamata ‘Ramoscello d’ulivo’, bombardando il cantone siriano di Afrin, assolutamente pacifico e sotto il controllo delle Forze Democratiche Siriane SDF (di cui fanno parte i Curdi delle Unità di Difesa del Popolo YPG e le Unità di Difesa delle Donne YPJ, ma anche Arabi, Armeni, Assiri, Ceceni, Ebrei, Turcomanni e altre minoranze etniche, appartenenti a ogni religione), bombardando villaggi e installazioni civili e in seguito anche il capoluogo Afrin (comprese diga, ospedale e scuole), causando centinaia di morti e migliaia di feriti tra i civili.
I battaglioni di mercenari jihadisti di Erdoğan (miliziani provenienti dalle fila di FSA, al-Nusra/al-Qaeda e dello stesso ISIS/daesh – accolti, addestrati e pagati dalla Turchia) hanno invaso il Cantone compiendo omicidi, rapimenti e stupri e – al fianco delle forze speciali turche – hanno cinto d’assedio la popolosa città di Afrin;
Dopo aver eliminato, costretto all’esilio o incarcerato l’opposizione interna (la Turchia ha il maggior numero di prigionieri politici del mondo) il sultano Erdoğan vuole rifondare l’impero Ottomano: dopo che avrà assunto il controllo sulla Siria del Nord, sterminando la popolazione di etnia curda, anche per impedire che si diffonda in Medio Oriente l’esempio del Confederalismo Democratico del Rojava, avvierà la medesima operazione di pulizia etnica anche nel nord dell’Iraq (Kurdistan iracheno).

Difendiamo Afrin! Difendiamo il Confederalismo Democratico! Difendiamo la speranza!

#stopTurkey
#StopAfrinGenocide
#DefendAfrin

 

Related Articles

Ultimo aggiornamento 12/06/2018
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli

  • Onda Pride 2018

    Per la difesa dei diritti, della laicità e dei principi di una libera convivenza civile, contro ogni discriminazione fascista, razzista, sessista. Trova e partecipa al tuo Pride più vicino… www.ondapride.it

  • Vecchie e nuove volpi

    Approvare la riforma per introdurre il sistema proporzionale poco prima dl circo elettorale è stata indubbiamente una mossa da vecchie volpi che sapevano di perdere le elezioni. La trappola è quasi

  • #Palestina Israele, report dalla lotta popolare e antifascista maggio 2018

    Jerusalem Antifa 13 maggio 2018 Attivisti antifascisti da Gerusalemme hanno compiuto un’azione contro l’annuale iniziativa nazionalista della “Parata della Bandiera”, nella quale migliaia di persone vengono a marciare e ad

  • Solidarietà a Ri-Make!

    Ancora uno sgombero, ancora uno spazio di socialità, aggregazione e mutualismo che viene sottratto alla collettività per tornare nelle mani di speculatori e palazzinari senza scrupoli. Questa mattina, mercoledì 30

  • Ciao Monia,

    Ciao Monia, femminista, filosofa, militante comunista anarchica, compagna e amica. Hai seminato libertà e coltivato solidarietà e giustizia, sempre attenta ai diritti dei più deboli e impegnata a costruire reti

  • PESCO E LA MILITARIZZAZIONE DELL’UNIONE EUROPEA

    L’idea che l’UE sia un’entità non democratica non è ormai una novità, ciononostante l’ultima mossa autoritaria non dovrebbe essere sottovalutata, poiché le conseguenze negative si faranno sentire sia in Europa

  • Il vero costo del lavoro

    Negli ultimi 10 anni sono morti sul lavoro 13.100 lavoratori, nel 2017 1.115, nei primi 3 mesi del 2018 154. Sempre nel 2017 oltre il 30% dei 635.000 infortuni sul

  • Il nostro maggio

    “Questo mondo dove i potenti schiacciano i lavoratori e ci dicono che questo è l’ordine giusto delle cose crollerà, e nascerà una società di libertà in cui ognuno coopererà volontariamente

  • Francia: colpire i ferrovieri per colpire tutto il mondo del lavoro

    Lunedi 26 febbraio il primo ministro francese Edouard Philippe ha annunciato che entro l’estate sarà portata a termine la riforma dei servizi pubblici che prevede tra le altre cose la

  • Per finirla con la guerra in Siria

    Negli ultimi giorni non si sente più parlare di Afrin, assediata e distrutta dal governo turco. Confusa nel massacro siriano senza fine, ora è alla ribalta il massacro di Duma, apparentemente



 

Newsletter

Forum