Alternativa Libertaria_FdCA

Vecchie e nuove volpi

Approvare la riforma per introdurre il sistema proporzionale poco prima dl circo elettorale è stata indubbiamente una mossa da vecchie volpi che sapevano di perdere le elezioni. La trappola è quasi scattata, con qualcuno convinto,alla finestra ma non tanto, che bastasse prendere tempo e trascinarla per le lunghe per potersi riproporsi grazie all’inesperienza dei vincitori e anche magari a qualche aggiustamento giudiziario.

Quella che era stata sottovalutata era la voracità dei volpacchiotti, meno di di primo pelo di quanto vorrebbero apparire. Capaci di passare dal giustizialismo al giustificazionismo, e con l’ansia di non farsi sfuggire da bocca una vittoria ai punti, anche a costo di doversi dividere la preda e accontentarsi di mantenere le parti di facciata di un programma che pare ancora più da campagna elettorale che di governo.

E così, sia pure un po’ in ritardo, l’Italia ha un nuovo governo, che si autonomina come governo del nuovo.

Così l’onda lunga delle conquiste politiche delle destre europee è arrivata anche nella penisola italica, disattendendo ma non più di tanto gli indirizzi di politica economica stabiliti dalla BCE e i suoi desideri di avere continuità politica attraverso una coalizione liberista, messi in discussione dall’esito delle elezioni del 4 marzo.
Così le forze reazionarie della destra fascistizzante hanno formato un governo sostenuto da elettori
dediti al like e da microimprese travolte dalla crisi del debito, le promesse sociali fatte in una campagna elettorale mai sospesa restano promesse e il capitale finanziario ha esercitato ancora una volta il controllo della situazione.
L’intervento del Quirinale è servito, con la scusa di far valere i dettami fissati dalla costituzione, a ribadire le prerogative che legano l’Italia alle strategie dell’Unione economica e monetaria. La fedeltà a Bruxelles e alla Nato vale bene un governo.
Così i vincoli economica europei non si toccano, ed i neo governo pensa bene di racimolare risorse per tagliare le tasse ai ricchi con la flat tax, peraltro nemmeno richiesta da Confindustria, con il probabile aumentare l’IVA a tutti., ma con la chiara intenzione del neoministro del lavoro di ridurre ulteriormente il potere contrattuale dei lavoratori attraverso un salario minimo. Come sempre i ceti popolari saranno quelli che pagheranno i provvedimenti economici dei nuovi istrioni, il capitalismo ha le sue ferree regole, e nemmeno l’ammucchiata razzista eviterà di seguirne il corso ed i dettami.
L’impossibilità di modificare gli aspetti economici e di trovare risorse per il mantenimento del potere ci porteranno ad una situazione di autismo sociale foriero di nefaste soluzioni sociali, la mancanza di pragmatismo necessario ad affrontare le dinamiche migratorie, l’inconsistenza di un programma sociale, la totale mancanza di cultura tipica della destra reazionaria ci riporta pesantemente al passato. I nuovi capri espiatori di tanta pochezza sono gli stessi di sempre, le classi pericolose si sarebbe detto un tempo: immigrati, omosessuali,comunisti, antagonisti in genere avranno di fronte un Viminale comandato da Salvini.
La riscoperta di tanta “italianità” da difendere dal nemico interno, economico e sociale fa sorridere se non fosse che avviene in uno dei momenti più difficili degli ultimi decenni, il capitalismo che trova nuovi spazi di accumulazione, il riarmo e le guerre combattute su tanti fronti, quello sociale in primis,per riaffermare spazi di potenza sul globo fanno sembrare ancora più piccola la compagine governativa, fatta di razzisti e fascisti in perenne comizio.

Lo sguardo a est, e l’apertura di credito a Putin e al suo blocco di paesi autoritari e razzisti mira a spostare l’asse originario europeo, e la propaganda sicuritaria è funzionale a un evidente ricatto nei confronti della UE, e ha l’obiettivo di trasformare i programmi di accoglienza in programmi di respingimento. Ovvero far replicare con l’Italia il modello di contenimento dei migranti già contrattato, attraverso i fondi UE, con il governo turco e la Libia. Con l’aggravante che, noi, siamo in Europa. Una provincia europea in cui è tornata accattivante l’idea di una presunta superiorità della civilizzazione bianca, europea e cristiana unica portatrice dei valori di libertà e democrazia che si difende da presunte invasioni, idea mascherata (ma neanche tanto) da un perseguimento della legalità e lotta alla criminalità. Come dimostra il programma-contratto dove si afferma la misura di obbligatorietà di svolgimento in lingua italiana dei culti di tutte le confessioni religiose: nello stesso tempo in cui si negano diritti e accoglienza si vieta anche di professare riti nella propria lingua materna, intervenendo in un ambito strettamente privato come quello religioso.

Sembra che al peggio non ci sia mai fine, e dovranno essere ancora una volta le classi subalterne a dover trovare e costruire nuovi canali di contropotere politico e sociale.

Non abbiamo mai avuto governi amici, e ci siamo sempre battuti contro ogni governo, e quello attuale incarna la peggior tradizione dell’Italia reazionaria.

Per noi internazionalisti resta ancora una Europa come spazio minimo di azione politica per nuove lotte che siano in grado di fare avanzare una ricomposizione di classe di tutti i lavoratori e le lavoratrici, a partire dalla resistenza sindacale, dalle lotte sui posti di lavoro, dalla difesa e solidarietà collettiva verso tutti tutti gli attivisti sindacali e sociali, per arrestare il dominio del potere finanziario e per fermare le derive fasciste e nazionaliste.
A queste lotte bisogna far corrispondere una capacità politica e organizzativa dei militanti libertari, comunisti anarchici che metta al centro della lotta gli obiettivi e la prassi dell’unità e della solidarietà. Per costruire un fronte di risposta comune e popolare contro gli annunciati provvedimenti razzisti, per la libertà e i diritti di tutte e di tutte, dalla parte dei lavoratori e lavoratrici, dei precari e degli sfruttati che si dovranno difendere dal costo altissimo di politiche liberiste in salsa reazionaria di questo governo.

Fano, 101° Consiglio dei delegati di Alternativa Libertaria/fdca
10 giugno 2018

Related Articles

Ultimo aggiornamento 12/06/2018
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli

  • Onda Pride 2018

    Per la difesa dei diritti, della laicità e dei principi di una libera convivenza civile, contro ogni discriminazione fascista, razzista, sessista. Trova e partecipa al tuo Pride più vicino… www.ondapride.it

  • Vecchie e nuove volpi

    Approvare la riforma per introdurre il sistema proporzionale poco prima dl circo elettorale è stata indubbiamente una mossa da vecchie volpi che sapevano di perdere le elezioni. La trappola è quasi

  • #Palestina Israele, report dalla lotta popolare e antifascista maggio 2018

    Jerusalem Antifa 13 maggio 2018 Attivisti antifascisti da Gerusalemme hanno compiuto un’azione contro l’annuale iniziativa nazionalista della “Parata della Bandiera”, nella quale migliaia di persone vengono a marciare e ad

  • Solidarietà a Ri-Make!

    Ancora uno sgombero, ancora uno spazio di socialità, aggregazione e mutualismo che viene sottratto alla collettività per tornare nelle mani di speculatori e palazzinari senza scrupoli. Questa mattina, mercoledì 30

  • Ciao Monia,

    Ciao Monia, femminista, filosofa, militante comunista anarchica, compagna e amica. Hai seminato libertà e coltivato solidarietà e giustizia, sempre attenta ai diritti dei più deboli e impegnata a costruire reti

  • PESCO E LA MILITARIZZAZIONE DELL’UNIONE EUROPEA

    L’idea che l’UE sia un’entità non democratica non è ormai una novità, ciononostante l’ultima mossa autoritaria non dovrebbe essere sottovalutata, poiché le conseguenze negative si faranno sentire sia in Europa

  • Il vero costo del lavoro

    Negli ultimi 10 anni sono morti sul lavoro 13.100 lavoratori, nel 2017 1.115, nei primi 3 mesi del 2018 154. Sempre nel 2017 oltre il 30% dei 635.000 infortuni sul

  • Il nostro maggio

    “Questo mondo dove i potenti schiacciano i lavoratori e ci dicono che questo è l’ordine giusto delle cose crollerà, e nascerà una società di libertà in cui ognuno coopererà volontariamente

  • Francia: colpire i ferrovieri per colpire tutto il mondo del lavoro

    Lunedi 26 febbraio il primo ministro francese Edouard Philippe ha annunciato che entro l’estate sarà portata a termine la riforma dei servizi pubblici che prevede tra le altre cose la

  • Per finirla con la guerra in Siria

    Negli ultimi giorni non si sente più parlare di Afrin, assediata e distrutta dal governo turco. Confusa nel massacro siriano senza fine, ora è alla ribalta il massacro di Duma, apparentemente



 

Newsletter

Forum