Alternativa Libertaria_FdCA

APPELLO DI SOLIDARIETA’ CON LE LAVORATRICI ED I LAVORATORI DELLA MEDTRONIC INVATEC DI RONCADELLE

medtronic invatec RoncatelleLa Medtronic Invatec di Roncadelle,  multinazionale del settore biomedicale, ha da poco annunciato la chiusura dello stabilimento entro il 2020, lo spostamento della produzione in Messico, il trasferimento del settore ricerca in Irlanda  ed il conseguente licenziamento di tutti i 310 dipendenti.

La risposta delle lavoratrici è stata immediata, forte, salda e coraggiosa, decidendo di indire uno sciopero ad oltranza estremamente partecipato ed un presidio permanente davanti ai cancelli della fabbrica.
In molti si sono già mossi a sostegno della lotta di resistenza: oltre ai sindacati che stanno operando per ricucire la situazione, è scattata una solidarietà diffusa, che ha coinvolto tutto il territorio, dagli abitanti, dalle associazioni, dai circoli, arrivando ad artisti e musicisti bresciani.
A questo proposito è stata attivata una cassa di resistenza per raccogliere fondi a sostegno diretto delle lavoratrici  coinvolte nella lotta e che a causa dello sciopero ad oltranza non percepiscono stipendio:  permettere alle lavoratrici di resistere  in condizioni altrimenti  insostenibili, vedendo il proprio reddito precipitare rovinosamente  è il primo e fondamentale passo per  la lotta,  e costruire un fronte diffuso di solidarietà e mutualismo permette di aumentare la visibilità  e l’incisivistà delle vertenze.
Per il momento l’incontro avvenuto in questi giorni fra l’azienda e il sindacato ha portato al congelamento dei licenziamenti previsti per gennaio 2019, posticipando la data di un eventuale trasferimento. Così la lotta delle lavoratrici/ori della Medtronic, duranta cinque settimane con il blocco dei cancelli per 24 ore, ha raggiunto il primo obiettivo.
Dopo l’assemblea in azienda le lavoratrici hanno deciso di riprendere il lavoro continuando però il blocco del trasferimento dei macchinari, nessun straordinario e lavoro notturno per recuperare la produzione interrotta.
Orgogliosamente le lavoratrici Medtronic rientrano in fabbrica a testa alta pronte a tornare in sciopero qualora gli accordi non vengano rispettati.
La solidarietà che si è creata all’esterno con visite e partecipazione al presidio, oltre ai contributi in denaro pervenuti hanno dato forza e coraggio alla loro lotta.
Per chi volesse contribuire alla cassa di resistenza, ecco:
l’IBAN per effettuare il bonifico: IT32L0873555130013000252257, intestato alle delegate Sisti Loredana, Venturini Maria, Benini Donatella),
I report su Radio Onda d’Urto, a partire dall’intervento della delegata RSU
 
Ultimo aggiornamento 16/02/2019
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli

  • La FAU sulla situazione venezuelana

    Il Venezuela è di nuovo sotto i riflettori e al centro del dibattito internazionale. Dichiarazioni roboanti in tutti i media che condannano il governo di Maduro, alcune riconoscendo Guaidó come

  • Solidarietà ai compagni e alle compagne dell’ex Asilo di Torino

    Antonio, Silvia, Larry, Giada, Niccolò, Beppe, Antonello, Irene, Giulia, Fulvio, Giulia, Caterina, Martina, Carlo, Francesco e Andrea Liberi! Tutti liberi, tutte libere! Correlati

  • SUGLI SCONTRI DEL 9 FEBBRAIO -COMUNICATO   DI ALTERNATIVE LIBERTAIRE LIONE

    Il ripristino della verità rispetto alle mistiificazioni dei media! Sabato  9 febbraio a Lione  sono avvenuti scontri tra il corteo di gilet giallo antirazzista  che ha riunito centinaia di persone,

  • Sovranismo

    Quanti equivoci e quante parole non meditate su questo lemma,si nasconde in questo modo la vera natura di una risposta politica, non solamente ambigua, ma oltremodo pericolosa, il sovranismo non

  • la legittima collera delle donne in giallo

    Dall’inizio del movimento dei giubbotti gialli, le donne sono al centro dell’azione. Più fortemente colpite dalla precarietà, portano affermazioni di trasformazione sociale. Eppure il sessismo non è assente dal movimento,

  • No all’ingerenza imperialista in Venezuela e in America Latina

    Sono tempi convulsi in America Latina, e il processo che sta attraversando il Venezuela è un caso emblematico di un nuovo periodo storico. In questo senso, senza fare analisi importanti,la

  • Decreto INsicurezza, i sindaci, la folla, i migranti in mare.

    Senza nessuna falsa illusione, ma profondamente attaccati con realismo alla fase attuale che vede crescere sempre più la deriva fascista e razzista, non possiamo che guardare con attenzione la presa

  • A-infos: la torcia accesa per il 24 ° anno

    Tutto è nato nel nel 1994, quando Class War organizzò un raduno anarchico internazionale a Londra dal titolo  “10 days the look the world”. Un posto che ha riunito un

  • Sicurezza si, ma per chi?

    Il primo problema del decreto sicurezza è proprio il nome, che rispecchia in sé tutti i suoi contenuti, in perfetta assonanza con le motivazioni di chi lo ha scritto e

  • MACRON DISTRIBUISCE LE BRICIOLE

    Il 10 dicembre, Macron ha parlato nel suo palazzo, davanti alla sua grande scrivania di legno verniciato e dorato. Il suo obiettivo era quello di calmare la rabbia sociale che



 

Newsletter

Forum