Alternativa Libertaria_FdCA

Riace e la legge

appaltiGenova, settembre 2018: il Tribunale del Riesame conferma il sequestro di 48.969.617 euro dai conti correnti della Lega, condannata a risarcire la somma intascata da Bossi e soci, ladri delle erogazioni pubbliche ai partiti.

Soldi illeciti, ottenuti con resoconti irregolari e poi utilizzati anche privatamente da esponenti del partito.

Nessuno è stato messo agli arresti domiciliari né in galera per questo.

Riace, settembre/ottobre 2018: il paese che aveva 1600 abitanti nel 2011, ed era rischio fallimento e chiusura della scuola, ora ha oltre 2300 abitanti, e nuove attività economiche.

Il Sindaco da tempo protesta perché l’attività di accoglienza delle persone con richiesta di asilo o lo status di rifugiati, che arrivano sulla costa, a Riace diversamente dal modello promosso dal governo del PD e da quello Lega-M5s, funziona, ma i fondi di sostegno (fondi europei gestiti dal Sistema di Accoglienza SPRAR) sono bloccati da qualche cavillo. Salvini lo insulta.

Nel 2016 la magistratura di Locri apre un’inchiesta con tanto di intercettazioni, smuovendo mille gendarmi. Dopo oltre due anni, il GIP rigetta tutte le accuse , tranne due.

Il Sindaco però viene messo agli arresti domiciliari.

L’accusa più grave sarebbe (sarebbe!) una concessione di raccolta rifiuti senza appalto. La raccolta rifiuti, per l’appalto del quale deve andare a processo il Sindaco, consiste in un asinello che gira il paese con un carretto.

Altra accusa sarebbe (sarebbe!) che il Sindaco avrebbe dichiarato di voler infrangere la legge aiutando delle persone in difficoltà a rimanere lì al Paese, anche sposandole se necessario. E di avere accettato dichiarazioni di notorietà all’ ufficio anagrafe per il rilascio di carte d’identità. Ovviamente una provocazione, una dichiarazione di disobbedienza civile.

La magistratura applica quindi la Legge alla stessa maniera per tutti? NO.

La magistratura, quella che ha mandato Berlusconi ai servizi sociali ma mai in galera, quella che indaga Salvini a piede libero per il sequestro di persona compiuto con la nave Diciotti, applica la legge diversamente da Locri a Milano?

E soprattutto: se un Sindaco, applicando la disobbedienza civile per non perdere quello che un Paese intero ha costruito, cioè un sistema di integrazione che funziona, non segue alla lettera una legge e compie un Atto formalmente illegale, deve essere messo agli arresti? E dove sono gli arresti per chi ha lucrato col ponte Morandi?

Genova è un feudo differente da Riace?

Quelli che si riempiono la bocca di giustizialismo, sanno che la Legge non è mai stata uguale per tutti, anche se fingono di non sapere.

Per capire il senso della parola “Giustizia” occorre stare dalla parte del più debole.

La Legge per gli amici si interpreta, per i nemici si applica, e per gli amici si scrive, aggiungeremmo. E certo la sinistra italiana non è stata diversa in questo dalla destra ora al governo, sia locale che nazionale.

E la Legge scritta, e soprattutto quella “interpretata” a favore dei potenti, sia nella classicità che nell’attuale sistema capitalista, non basta a difendere i più deboli, e tutti i cittadini, dai soprusi dei più forti.

Se la Legge non è uguale per tutti, la disobbedienza civile è necessaria.

Alternativa Libertaria/fdca 3/10/2018

About Author

webmistress

webmistress

Related Articles

Ultimo aggiornamento 16/06/2019
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli

  • Un centro di gravità permanente

    Capitani coraggiosi e furbi contrabbandieri I commenti si sprecano sul risultato delle elezioni per il parlamento europeo. Poi, nei giorni a venire, si parlerà di nuovo del maltempo, sintomo di

  • Saluti al Congresso di unificazione AL-CGA

    Tra l’8 e il 10 giugno si è tenuto in Francia il congresso delle nostre organizzazioni sorelle, Alternative Libertaire e Coordination des Groupes Anarchistes, che è risultato nella fondazione dell’Union

  • 105° CONSIGLIO DEI DELEGATI ALTERNATIVA LIBERTARIA/FDCA

    105° CONSIGLIO DEI DELEGATI ALTERNATIVA LIBERTARIA/FDCA Domenica  16 giugno 2019 ore 10.00 a Livorno  presso la sede di Alternativa Libertaria/FdCA di Livorno, Via Ippolito Nievo 32 Ordine del giorno 1) Relazione

  • 104° CONSIGLIO DEI DELEGATI ALTERNATIVA LIBERTARIA/FDCA

    104° CONSIGLIO DEI DELEGATI ALTERNATIVA LIBERTARIA/FDCA Domenica  31 marzo  2019 ore 15.00 a Fano (PU)  Centro di documentazione Franco Salomone Ordine del giorno 1-Insediamento del consiglio dei delegati di Alternativa Libertaria/fdca

  • Saluti internazionali al X Congresso

    Care compagne e compagni, Ricevete i nostri migliori auguri per il vostro 10° Congresso. Senza dubbio questi sono momenti difficile nel sud Europa, dove le agressioni neoliberiste verso le classi

  • Relazione introduttiva X Congresso

    Sono passati cinque anni dall’ultimo Congresso della nostra Organizzazione Politica, cinque anni caratterizzati da un forte mutamento dell’organizzazione del lavoro, dalle contraddizioni generate dalle frizioni egemoniche del quadro internazionale, con

  • Ecosocialismo: riformista o rivoluzionario, statalista o libertario?

    Ecosocialismo: riformista o rivoluzionario, statalista o libertario? L’idea di un “Green New Deal” è stata sollevata in risposta alla minaccia del clima e della catastrofe ecologica. Due di queste proposte

  • Il foglio telematico di Alternativa Libertaria

    In questo numero potete trovare: -Europa -Una possibile lettura della fase -il cappio e il  collo PER SCARICARLO Correlati

  • Europa

    Il 26 maggio i cittadini italiani voteranno per eleggere il nuovo parlamento europeo, e saranno chiamati alle urne 400 milioni di elettori europei. Diverse centinaia di candidati sono pronti a

  • Morire di lavoro

    Uscire di casa per andare al lavoro e non tornare più. E’ successo ancora, questa volta a Cremona, dove un operaio di 28 anni, Marco Balzarini, ha perso la vita



 

Newsletter

Forum