Alternativa Libertaria_FdCA

Note sul corrente stato della lotta di classe in Brasile

ottobre 25
20:04 2018

cabL’attuale scenario politico brasiliano richiede molta lucidità e distacco per gi attivisti/e sociali e la loro analisi della realtà. Noi, il Coordinamento Anarchico Brasiliano (CAB), cerchiamo modestamente di dare il nostro contributo alla comprensione del convulso scenario politico e sociale, a partire dal colpo di stato parlamentare che ha rimosso Dilma Rouseff dal governo. Abbiamo recentemente sperimentato la cosiddetta fine del patto della Nuova Repubblica del 1988. Questo patto, in una coalizione comprendente politici borghesi, uomini d’affari, militari e parte dei settori riformisti della sinistra, manteneva l’esclusione sociale di coloro che sono al fondo della società, garantendo contestualmente i minimi diritti legali,

La costruzione dello stato brasiliano, comunque, è stata sempre più vicina alle potenze imperialiste del momento che alla maggioranza della popolazione. Uno stato penale per i poveri è sempre stata la norma per le istituzioni della democrazia borghese. Il governo del PT, già da Lula, ha accresciuto la macchina criminale dell’ordine pubblico, tramite un intero apparato legislativo e giuridico che riproduceva l’incarcerazione di massa delle persone di colore e dei poveri e un apparato repressivo che attacca le lotte sociali. Rotto il patto della conciliazione di classe e sventrato il collaborazionismo per aprire la strada all’aggressivo programma del capitalismo finanziario, si è passato sopra i diritti sociali, la parziale libertà e i beni pubblici – che erano le storiche vittorie del movimento popolare.

L’impero mostra i suoi artigli

Non possiamo capire ciò che sta accadendo nel nostro paese fuori dal contesto geopolitico del nostro continente latino americano. Abbiamo bisogno di calibrare i nostri strumenti analitici e collocare meglio il Brasile come una nazione periferica entro il sistema mondiale per capire cosa c’è in gioco. Una nazione che continua a mantenere (principalmente) la sua vocazione per l’export di prodotti agricoli e, negli ultimi dieci anni, si è schierato per la costruzione dell’IIRSA – l’Iniziativa per l’Integrazione dell’Infrastruttura Regionale Sud Americana (ora COSIPLAN). Questo piano cerca di massimizzare lo sfruttamento delle nostre risorse naturali, accelerare il processo teso a fornire ai mercati internazionali queste risorse e dare benefici alle compagnie multinazionali.

Questo piano ha significato una nuova offensiva in linea con gli accordi per il libero commercio, stabiliti tra gli USA e alcuni paesi della regione, in un tentativo di espandere il modello neo-liberale in Sud America, anche durante l’onda dei governi progressisti e di centro-sinistra.

La crisi economica del 2008 ha causato grandi difficoltà per gli USA nel continuare la propria agenda internazionale, che dopo la caduta delle Torri Gemelle ha avuto, come suo principale obiettivo, la garanzia dell’egemonia globale degli USA, molto evidente nei vari interventi di aggressione guidati dall’impero. C’è una chiara lettura da parte dall’imperialismo che “dove va il Brasile, l’America Latina ci va insieme”. E in questo senso, poiché il nostro continente latino americano è visto come una riserva strategica per gli USA (di risorse naturali, energetiche e politiche), ciò che sta accedendo nella politica brasiliana è di grande importanza per Washington.

Il colpo di stato del 2016 non ha soltanto smantellato le piccole conquiste del precedente periodo, ma ha anche reso più profondo il controllo finanziario e internazionale dell’economia nazionale nella forma dell’acquisto di “assets”.

L’austerità che si è imposta sula scena a colpi di toga, con la Lava Jato [l’operazione anti-corruzione simile a Mani Pulite, NdT] era schierata con l’imperialismo attraverso la strategia della guerra giuridica. Anche il controllo dei settori delle infrastrutture, delle energie rinnovabili, dei servizi, della sanità e dell’educazione da parte delle compagnie cinesi e statunitensi sta aumentando. Per quanto riguarda il petrolio, 13 multinazionali si sono già appropriate del 75% degli strati “pre-salt”, guidate dalla Shell e dalla BP, di cui le ultime aste hanno avuto luogo nell’ottobre di quest’anno. Da un punto di vista politico, l’azione dell’imperialismo consiste nel disorganizzare ogni possibilità dello scenario brasiliano – anche sotto un governo riformista di centro-sinistra – che rappresenti qualsiasi minaccia ai suoi interessi a livello continentale. È importante chiarire che il corso della disputa elettorale in Brasile avrà chiari sviluppi sulla crisi del regime venezuelano. Alla fine di questo processo, il contributo alla destabilizzazione politica del paese, o anche la possibilità di un intervento militare, potrebbe divenire operativa.

La nuova Dottrina della Sicurezza Nazionale: i militari fanno politica e minacciano

Si dovrebbe sottolineare che pochi anni fa, anche nel governo del PT, con il generale Etchegoyen venne inaugurata una nuova Dottrina della Sicurezza Nazionale (DNS) nelle forze armate brasiliane.

Una dottrina che equipara gruppi legati al traffico di droga, ONG ambientaliste o per i diritti umani, agenzie governative di natura “ideologica” e movimenti sociali legati a una visione di sinistra come nuovi nemici interni. Uno degli elementi di questa dottrina è svuotare del proprio ruolo università e ricerca, l’inasprimento del codice penale, la continuazione e l’espansione del super imprigionamento e l’adozione di misure di contro-spionaggio. La dottrina usa il controllo dei social media, la diffusione di dicerie, lo screditamento degli accusatori e l’uso di documenti falsi. La promozione di scioperi, blocchi stradali, occupazioni di terre ed edifici e la lotta per i diritti sociali per le minoranze politiche sono ora caratterizzati come “azioni terroristiche”.

È stata la nuova dottrina responsabile  a spingere con un’azione di lobby la legge anti-terrorismo promulgata da Dilma. Il suo proposito era creare un nuovo patto, una nuova democrazia, dove i militari giocano un ruolo attivo nella nuova geopolitica del continente e nella politica nazionale.

Per riassumere, lo stato liberal-democratico, costruito sull’esclusione delle “classi pericolose” , si sta  riconfigurando in un gioco di potere delle classi dominanti (che in in alcuni posti comprende anche l’uso del narco-stato), e esalta le comnmistioni tra   le ragioni di stato e le  relazioni con gli interessi dell’imperialismo. Così le forze della reazione operano nel contesto come uno stato di polizia. Le politiche di austerità, che tagliano così in profondità nella carne del popolo e causano, prima o poi, l’esplosione delle ambizioni della classe capitalista e dei suoi lacchè, reclamano sicurezza in proprio favore ed estendono lo spazio di esclusione per ridefinire la norma del sistema.

Il centro-sinistra scommette tutto sulle elezioni

La sinistra e il centro-sinistra brasiliana scommettono tutto sulle lezioni come se aspettassero che la democrazia borghese venga in loro aiuto, protegga i loro diritti, limiti la garrota e sconfigga l’imperialismo. Mentre il sistema tiene saldo il suo fine e indossa una toga o un’uniforme per esercitare il potere, sempre con il supporto del governo USA.

I movimenti di opposizione di sinistra emersi dopo il colpo di stato parlamentare e che scesero in piazza purtroppo sono entrati in questa logica pragmatica, delle ragioni di stato e di governo, dove il nemico di estrema destra sarebbe presumibilmente sconfitta dalle elezioni e dal voto.

Il centro-sinistra si sforza nel convogliare questi sforzi nell’accumulazione elettorale, spendendo tutte le sue energie nella disputa istituzionale e nel gioco marcio dei partiti elettorali, a danno della lotta di classe. La scena politica brasiliana è offuscata dalla frode della rappresentanza, che per i liberali borghesi è stata sempre un meccanismo per legittimare l’usurpazione delle forze collettive e dei beni comuni da parte della potente volontà delle minoranze. Ma sappiamo che il sistema distorce la costituzione e dissolve lo stato di diritto quando si tratta di difendere gli interessi delle sue classi dominanti.

Dobbiamo sforzarci di costruire un progetto di lungo termine che punti verso i sindacati, le organizzazioni popolari come la più corretta alternativa per il popolo di difendere i suoi diritti e partecipare alla vita politica, intensificare la democrazia diretta, ripudiando la conciliazione di classe e combattendo il proto-fascismo senza tregua.

Il Proto-fascismo come super-dosaggio del programma dei potenti

Questa configurazione del potere politico è anche aiutata dalle tattiche di propaganda e dall’azione diretta dei settori reazionari e dei gruppi ideologicamente affini all’estrema destra, che sono generalmente sostenuti dagli apparati legali di polizia. Un fattore che ha un impatto sulle strade e che tutto lascia supporre che crescerà, aprendo uno spazio per i loro agenti per spingere la scena politica nazionale e per allinearsi con quello che sta accadendo a livello continentale.

Questo non è tutto. È anche in sintonia con la frustrazione economica, il fallimento delle soluzioni politiche della rappresentanza e la destabilizzazione dei valori associati con le posizioni di potere nella cultura familiare e nell’educazione. Una soggettiva produzione conservativa che ha un vettore di diffusione negli evangelici e nella loro base popolare. Questa nuova destra transitata dal discorso PT al radicalismo del discorso dell’anti-politica e anti-sistema, si configura come una destra che parla non solo alle élite, ma anche ai settori popolari e periferici. E agiscenel vuoto sociale lasciato dal centro-sinistra, che si schiera solo per la difesa della democrazia borghese.

La spregevole figura di Bolsonaro si inserisce in questo tentativo di aumentare la violenza patriarcale contro le donne, il popolo LGBT, gli indigeni, le persone di colore e quilombolas1 e la distruzione dei diritti sociali. La violenza materializzatasi in parecchi attacchi compiuti dai suoi sostenitori in giro per il Brasile, tra cui quello che è risultato nel brutale assassinio di Mestre Moa do Katendê in Salvador.

Lontano dal minimizzare la barbarie che Bolsonaro rappresenta, è necessario inserire ciò in una logica funzionale dell’applicazione delle politiche di austerità, di colonizzazione imperialista del paese a un grado più veloce di come sarebbe sotto un governo di centro-sinistra.

Le elezioni non sconfiggeranno l’imperialismo, l’austerità e il proto-fascismo

Il risultato delle elezioni, pertanto, non risolve il complesso contesto posto dalla correlazione negativa delle forze della classe lavoratrice. Tutti gli scenari vanno verso un rafforzamento dell’oppressione di classe e l’oppressione. Il voto utile contro la lista di Bolsonaro causerà al massimo un’estensione, portando a un molto complicato terzo turno, che non sarà deciso alle elezioni. La lotta è di lungo termine, per la costruzione di un’alternativa di classe e di massa che non si arrende alle ragioni di stato, alla governabilità e agli accordi subordinati all’impero, ma che si costituisce come una forza sociale capace di sconfiggere la borghesia, l’imperialismo e i suoi attacchi. I nostri striscioni devono essere alzati verso l’alto in questo momento di attacco proto-fascista e ultra-liberale. Non possiamo arrenderci al panico che smobilita e alla paura provocata dalle élite reazionarie. Il nostro ruolo è di resistere attivamente, rafforzare la solidarietà di classe, per assicurare la lotta nelle strade e la permanente mobilitazione di coloro al fondo della società!

Noi quindi sosteniamo:

  • unità per l’anti-fascismo oltre le elezioni, dal basso e sulle strade. La lotta definirà quello che verrà. L’unità sarà in azioni, mobilitazioni contro gli attacchi neo-liberali e la barbarie promossa da Bolsonaro e dai sui correligionari;

  • lotta per la difesa dei diritti sociali. Lotta contro le privatizzazioni e gli attacchi sugli oppressi. Lotta contro gli attacchi all’educazione, alla riforma delle pensioni, lotta contro l’aumento del costo della vita, la criminalizzazione dei movimento sociali e il processo di genocidio delle persone di colore, indigene e marginali;

  • costruire uno sciopero generale contro l’avanzata del fascismo e gli attacchi contro i diritti dei lavoratori e delle lavoratrici, che è il programma dell’imperialismo nel prossimo periodo, delle élite politiche e imprenditoriali, indipendente dalle elezioni

Un popolo forte per fermare il fascismo!

Lotta e organizzazione contro la barbarie neo-liberale!

Coordinamento Anarchico Brasiliano – Coordenação Anarquista Brasileira (CAB)

Link esterno: https://anarquismo.noblogs.org/?p=974

1Un quilombola è un residente di un quilombo in Brasile. Essi sono i discendenti degli schiavi afro-brasiliani che scapparono dalle piantagioni di schiavi che esistevano in Brasile fino all’abolizione nel 1888

About Author

webmistress

webmistress

Related Articles

Ultimo aggiornamento 23/03/2021
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli

  • A 45 Anni dal Golpe in Argentina

    Intervista alla Federazione Anarchica di Rosario Qual è la percezione di queste giornate di rimembranza per la società? Come vengono ricordati quei momenti, i militari, Perón, i rivoluzionari? 45 anni

  • quando i papi avevano la coda…

    Ministoria dei meeting anticlericali1984-2003 Tra il 1984 e il 2000 i meeting anticlericali sono stati un punto di riferimento nella battaglia italiana per il rispetto delle diversità culturali e della

  • Il foglio telematico di Alternativa Libertaria

    In questo numero parliamo di: -Consultori e interruzione volontaria della gravidanza -Lotte dei lavorotari precari -Comune di Parigi PER SCARICARLO  PER RICHIEDERLO     Correlati

  • Solidarietà con il movimento No Tap! Si va avanti nonostante tutto.

    Il 19/3/2021 è giunto a  sentenza di primo grado il maxi processo contro un centinaio di attivisti No Tap: sessantasette condanne (a pene comprese tra i 6 mesi e i

  • Le vittorie del futuro fioriranno dalle lotte del passato! Viva la Comune di Parigi!

    Quest’anno ricorre il 150° anniversario della prima rivoluzione sociale moderna nella gloriosa storia della lotta dei popoli oppressi, la Comune di Parigi del 1871. Per 72 giorni, il proletariato della

  • Unificare le lotte

    E-commerce e gig-economy: terminologie inglesi, moderne e legate al mondo tecnologico per descrivere modelli d’impresa che in realtà basano il loro successo, e i loro faraonici profitti, su un concetto

  • Autorevolezza: di chi e per chi?

    L’era di Draghi Mario Draghi è certamente una figura“autorevole e utilissima”: proprio come lo è stato Mario Monti e come lo fu Aurelio Ciampi del quale, per altro, può essere

  • il Cantiere

    Numero di gennaio de “il Cantiere” raccolta di materiali di intervento dei comunisti anarchici nella lotta di classe In questo numero si parla -Governo Draghi -8 Marzo -Salario Minimo -Metalmeccanici

  • Consultori familiari: promesse e fantasie su (e contro) i diritti delle donne.

    Brutto gioco bipartisan, a qualche mese dalle elezioni, sui Consultori familiari nella Regione Marche. Tra Ciccioli, con le sue fantasie persiane sul posto dove dovrebbero stare le donna, e Mangialardi,

  • CONTRO L’OPPRESSIONE PATRIARCALE E LO SFRUTTAMENTO CAPITALISTA: NESSUNA E’ SOLA

    Oggi, 8 marzo, commemoriamo la Giornata Internazionale delle Donne Lavoratrici, una data storica in cui si rilancia la lotta per i diritti politici, sociali, economici e sessuali di donne, lesbiche



 

Forum