Alternativa Libertaria_FdCA

Sindacalisti, ecologisti, libertari nel movimento dei giubbotti gialli: quattro questioni

gilets jaunesIl giorno del 4 dicembre è stato in Francia il giorno del panico del potere: ha perso terreno, si è contraddetto, ha perso unità. Quali sono le loro opzioni? Un rimpasto di governo? Non sarebbe risolutivo. Uno scioglimento  dell’Assemblea nazionale? Sarebbe la grande speranza dell’opposizione parlamentare. E sarebbe una falsa soluzione perché, come nel maggio 1968, ciò porterebbe solo a seppellire il movimento sotto la legalità istituzionale. Ostinarsi a tirare dritto? Si continuerà così a spingere sui rapporti di forza, in attesa che il potere ceda.

La polizia reprime a tutt’andare, il numero di detenuti, feriti e mutilati sta crescendo. Più un potere è illegittimo, più colpisce forte.
L’amnistia generale dei manifestanti arrestati deve diventare una richiesta fondante per la solidarietà del movimento.

Il movimento dei giubbotti gialli è, fondamentalmente, una rivolta contro la vita costosa.

Anche se denunciamo posizioni razziste che sono espresse localmente, le motivazioni di coloro che combattono sono soprattutto sociali. Ciò è espresso spesso in modo confuso, ma questo è ciò che accade in ogni movimento popolare spontaneo.

Va anche notato che la questione del prezzo del carburante non è più al centro: ciò che emerge è la denuncia della crescita del precariato, è la denuncia dello stigma sociale. In questa lotta, è il nostro campo sociale che si mobilita e la sfida per i rivoluzionari è di diffondere proposte e orientamenti che sfidano la legge del denaro e dei padroni.

Prima questione: fare prevalere un orientamento sociale o addirittura rivoluzionario
Il movimento dei giubbotti gialli esprime un rifiuto globale del sistema attuale, delle sue disuguaglianze
 sociali e territoriali, del governo Macron, identificato con la dittatura delle classi padronali. Dietro questo rifiuto globale, che è condiviso da tutto il movimento, le richieste concrete sono talvolta molto diverse, e vanno dalle false soluzioni nazionaliste e anti-tasse alle richieste di giustizia fiscale (reintegrazione della tassa sul patrimonio, tassazione del cherosene per aerei, ecc.). .) e il ripristino dei servizi pubblici locali.

Logicamente, ogni forza politica cerca di proporre una via per il movimento: la destra e l’estrema destra vogliono limitarla a una palude poujadista e xenofoba; la sinistra riformista sostiene richieste progressive e chiede elezioni anticipate; la sinistra rivoluzionaria, tra cui AL, cerca di collegare l’essere “stufo del sistema” con una consapevolezza chiaramente anticapitalista ed ecologista.

Dovremmo gridare “Macron dimissioni”? Se il Presidente della Repubblica si dimettesse, sarebbe certamente un evento storico: la piazza avrebbe fatto cadere il potere. Tuttavia, questo non può essere fine a se stesso, dal momento che il sistema che ha prodotto Macron rimarrebbe in vigore.

La questione è cambiare l’intera società, ed è su questo che dobbiamo insistere. Marginalizzare i datori di lavoro, la destra e l’estrema destra in questo movimento popolare è il primo problema in questo movimento, e riguarda tutte le forze di sinistra e estrema sinistra.

Seconda questione: conciliare la protesta sociale e l’imperativo ecologico

Deve essere chiaro: la transizione ecologica è una necessità. Il riscaldamento globale minaccia la civiltà umana con una catastrofe. La produzione mondiale di petrolio è destinata a declinare. Il modello della centralità dell’automobile individuale e delle lunghe distanze tra casa e lavoro è quindi condannato a breve. Dobbiamo quindi accompagnare questo declino. Ma non con una “‘ecologia punitiva” che strangola i lavoratori costretti a consumare carburante. La riconquista del trasporto pubblico e dei servizi pubblici locali, metodicamente smantellati per decenni, deve diventare uno slogan centrale. Il popolo deve avere accesso alle risorse e ai servizi di base, senza dover pagare per viaggi lunghissimi, noiosi e rovinosi.Combinare la rivolta sociale e gli obiettivi ecologisti è la seconda questione in questo movimento, e riguarda tutti coloro che sono consapevoli dell’urgenza della questione climatica.

Terza questione: fare fronte contro il governo e il padronato
Dopo il fallimento degli scioperi del 2016 e del 2017 contro le leggi sul lavoro, questa rivolta popolare che utilizza mezzi d’azione diretti per essere ascoltata – compresi i blocchi economici – apre una formidabile opportunità per il sindacalismo di lotta (CGT, SUD-Solidaires , ecc.).

L ‘opportunità di trovare il percorso di azione, fornire logistica e know-how per organizzare i blocchi e proporre un orientamento sociale e solidarietà. L’opportunità, in particolare, di aggiungere forze nella battaglia e consolidare la sua base di classe, la chiamata allo sciopero, compresa la riconquista dei servizi pubblici, gradualmente demolita negli ultimi trent’anni. L’opportunità, infine, di affermare che la vera opposizione sociale non è istituzionale e parlamentare: si gioca per strada, nell’azione diretta, e sarà opera del proletariato in tutta la sua diversità.Lo sciopero e il blocco dell’economia sono il modo migliore sia per far cadere il potere che per mettere in difficoltà l’estrema destra, che sarà riluttante a danneggiare gli interessi del capitalismo francese. Lo sciopero generale, se avrà successo, sarà il mezzo per vincere la vittoria. è il momento giusto, ora o mai più, per diffondere questa idea. Basti dire che la riluttanza che finora ha prevalso sul versante della CGT della Confederazione è catastrofica. C’è da sperare che l’azione di Union Syndicale Solidaires e delle federazioni CGT più combattive sposti le linee già dall’8 dicembre, e quindi durante la mobilitazione interprofessionale del 14 dicembre.Portare avanti questa convergenza tra una rivolta popolare spontanea e il movimento sindacale organizzato è la terza sfida in questo movimento, e riguarda tutti i sindacalisti coinvolti nella lotta per il clima.

Quarta questione: che il movimento si strutturi per progredire
Questo è il prezzo della mancanza di organizzazione: se i giubbotti gialli non si doteranno di una squadra di portavoce incaricati e controllati dalla base, altri lo faranno al loro posto. I media selezioneranno alcune “grandi bocche” telegeniche e riserveranno loro il microfono. Il governo cercherà di scegliere una manciata di “rappresentanti” su misura per negoziati senza legittimità.Ma i giubbotti gialli possono avere, a livello nazionale, un portavoce rappresentativo? A questo punto, è difficile da dire. Stati generali del movimento? Perché no? Ma sicuramente non un alto governo di massa “Grenelle” per cullare tutti in un “dialogo” eterogestito . Gli Stati generali sì, se sono auto-organizzati e indipendenti, e servono a costruire, di fronte al potere dello stato, un potere popolare.Tuttavia, ciò non sarà possibile finché il movimento non sarà strutturato localmente, con assemblee generali in ciascuna località. Questo è ciò che gli/le attivisti/e di Alternative Libertarie stanno incoraggiando dove sono impegnati.
La presa di parola, la riflessione collettiva, gli scambi costruttivi sono il modo più sicuro per elaborare insieme affermazioni coerenti, persino per avere una carta egualitaria (né sessismo, né razzismo, né omofobia …).

Cristallizzare una tendenza anticapitalista, di base e e autogestionaria nei giubbotti gialli, fondata sull’auto-organizzazione, questa è la quarta questione fondamentale di questo movimento, e riguarda in primo luogo i comunisti libertari.

Testo di orientamento dalla conferenza straordinaria di organizzazione di Alternative Libertaire del 6 dicembre 2018

http://www.alternativelibertaire.org/?Syndicalistes-ecologistes-et-libertaires-dans-le-mouvement-des-gilets-jaunes

(traduzione a cura di Alternativa Libertaria/fdca)

Related Articles

Ultimo aggiornamento 26/12/2018
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli

  • Decreto INsicurezza, i sindaci, la folla, i migranti in mare.

    Senza nessuna falsa illusione, ma profondamente attaccati con realismo alla fase attuale che vede crescere sempre più la deriva fascista e razzista, non possiamo che guardare con attenzione la presa

  • A-infos: la torcia accesa per il 24 ° anno

    Tutto è nato nel nel 1994, quando Class War organizzò un raduno anarchico internazionale a Londra dal titolo  “10 days the look the world”. Un posto che ha riunito un

  • Sicurezza si, ma per chi?

    Il primo problema del decreto sicurezza è proprio il nome, che rispecchia in sé tutti i suoi contenuti, in perfetta assonanza con le motivazioni di chi lo ha scritto e

  • MACRON DISTRIBUISCE LE BRICIOLE

    Il 10 dicembre, Macron ha parlato nel suo palazzo, davanti alla sua grande scrivania di legno verniciato e dorato. Il suo obiettivo era quello di calmare la rabbia sociale che

  • Sindacalisti, ecologisti, libertari nel movimento dei giubbotti gialli: quattro questioni

    Il giorno del 4 dicembre è stato in Francia il giorno del panico del potere: ha perso terreno, si è contraddetto, ha perso unità. Quali sono le loro opzioni? Un

  • Il nuovo foglio di Alternativa Libertaria

    In questo numero parliamo di –Prima le donne e  i bambini – note sul decreto Pillon -1918-2018 Guerre di oggi guerre di ieri PER SCARICARLO PER RICHIEDERLO Correlati

  • Note sul corrente stato della lotta di classe in Brasile

    L’attuale scenario politico brasiliano richiede molta lucidità e distacco per gi attivisti/e sociali e la loro analisi della realtà. Noi, il Coordinamento Anarchico Brasiliano (CAB), cerchiamo modestamente di dare il

  • Prima le donne e i bambini

    L’offensiva ideologica del Governo rende manifesta la volontà di riportare il paese indietro di decenni, è esplicita la modalità che attacca ogni conquista ottenuta con rabbia e fatica, talvolta con

  • 1918-2018 Guerre di oggi guerre di ieri

     Gorizia 3 novembre ore 15 manifestazione antimilitarista Ci stiamo avviando verso la chiusura ufficiale delle celebrazioni del centenario della prima guerra mondiale, avviate già dal Governo Renzi nel 2014, che

  • Il foglio telematico di Alternativa Libertaria

    In questo numero potete trovare: -Privatizzazioni e nazionalizzazioni, a quando l’autogestione? -Governo giallo-verde nel paese dei balocchi -Riace e la legge PER SCARICARLO Correlati



 

Newsletter

Forum