Alternativa Libertaria_FdCA

MACRON DISTRIBUISCE LE BRICIOLE

macronIl 10 dicembre, Macron ha parlato nel suo palazzo, davanti alla sua grande scrivania di legno verniciato e dorato. Il suo obiettivo era quello di calmare la rabbia sociale che si è accumulata in strada per quattro settimane. Ma il presidente dei capitalisti non è pronto per lasciare e sarà necessario aumentare la pressione, dallo sciopero e dai blocchi, per fare in modo che finisca per piegarsi.

Gli annunci fatti da Macron hanno lo scopo di calmare la mobilitazione ma non è sufficiente. Non è cedendo qualche briciola e sollevando polvere che spingerà i gilet gialli ad andare a casa.

Il primo annuncio è l’aumento dello SMIC (Minimo Salariale intercategoriale). O meglio, è così che voleva presentarlo. Perché in realtà non ci sarà alcun aumento dei salari. Ci sarà solo un aumento del premio di produzione che ricevono alcuni dipendenti Smic. E ancora, questo aumento include gli aumenti del premio di produzione che erano già stati annunciati per il 2020 e il 2021. La ragione di questa fumosità è che Macron non vuole ridurre i profitti dei padroni o tagliare il patrimonio dei ricchi. Ecco perché questo piccolo aumento non sarà pagato dai padroni ma dalla spesa pubblica, aumentando le tasse altrove (ma soprattutto non sulla ricchezza, sarebbe troppo ingiusto per i ricchi: è difficile essere ricco) o distruggendo ulteriormente i servizi pubblici.

Un Sarkozysmo riciclato

Seconda misura annunciata: la detassazione degli straordinari. Quindi è ancora più  fantastico: per cercare di calmare la rabbia, Macron ricicla un “regalo” di Sarkozy. E naturalmente è un amore a doppio taglio perché spinge a lavorare ancora di più in modo da assumerne ancora meno. La vera soluzione sarebbe la riduzione dell’orario di lavoro senza una riduzione del salario.

Infine, Macron annuncia una soppressione dell’aumento del CSG (contributi sociali) per le pensioni più basse. Ma non restituisce i soldi già rubati nel 2018. Ed è una misura che probabilmente sarà anche finanziata da aumenti delle tasse altrove o da nuove riduzioni di posti di lavoro.

In breve, nulla sull’ISF (Imposta di solidarietà sul patrimonio), nulla su aumenti salariali, niente sul tempo di lavoro, niente sui servizi pubblici, niente sull’età pensionabile o sulla rivalutazione delle pensioni.

I padroni e i ricchi possono continuare a dormire tranquilli, Macron si prende cura di loro.

In ogni caso, anche se continua a fraintendere i lavoratori in lotta, questi nuovi annunci mostrano che Macron comincia a sudare freddo mentre il suo potere scricchiola. Questo è il momento di alzare il tiro, aumentando la mobilitazione e  bloccando l’economia con lo sciopero.

Alternative Libertaire, 11 dicembre 2018

http://www.alternativelibertaire.org

Traduzione TC

Tags

Related Articles

Ultimo aggiornamento 11/03/2019
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli

  • Per un’ecologia radicale all’altezza dell’urgenza!

    Nell’anno 2019 il degrado globale dell’ambiente è una scoperta ormai consolidata e supportata da sempre più studi. Con i “raduni per il clima”, si pone concretamente e urgentemente la questione

  • Sgomberato il Centro sociale anarchico a Torino…

    Sgomberato il Centro sociale anarchico a Torino… …e arrestati anarchici a Trento e dintorni. Sbandierate conferenze stampa dell’allerta del Viminale sul pericolo terrorismo di anarchici e centri sociali. Difficile star

  • La FAU sulla situazione venezuelana

    Il Venezuela è di nuovo sotto i riflettori e al centro del dibattito internazionale. Dichiarazioni roboanti in tutti i media che condannano il governo di Maduro, alcune riconoscendo Guaidó come

  • Solidarietà ai compagni e alle compagne dell’ex Asilo di Torino

    Antonio, Silvia, Larry, Giada, Niccolò, Beppe, Antonello, Irene, Giulia, Fulvio, Giulia, Caterina, Martina, Carlo, Francesco e Andrea Liberi! Tutti liberi, tutte libere! Correlati

  • SUGLI SCONTRI DEL 9 FEBBRAIO -COMUNICATO   DI ALTERNATIVE LIBERTAIRE LIONE

    Il ripristino della verità rispetto alle mistiificazioni dei media! Sabato  9 febbraio a Lione  sono avvenuti scontri tra il corteo di gilet giallo antirazzista  che ha riunito centinaia di persone,

  • Sovranismo

    Quanti equivoci e quante parole non meditate su questo lemma,si nasconde in questo modo la vera natura di una risposta politica, non solamente ambigua, ma oltremodo pericolosa, il sovranismo non

  • la legittima collera delle donne in giallo

    Dall’inizio del movimento dei giubbotti gialli, le donne sono al centro dell’azione. Più fortemente colpite dalla precarietà, portano affermazioni di trasformazione sociale. Eppure il sessismo non è assente dal movimento,

  • No all’ingerenza imperialista in Venezuela e in America Latina

    Sono tempi convulsi in America Latina, e il processo che sta attraversando il Venezuela è un caso emblematico di un nuovo periodo storico. In questo senso, senza fare analisi importanti,la

  • Decreto INsicurezza, i sindaci, la folla, i migranti in mare.

    Senza nessuna falsa illusione, ma profondamente attaccati con realismo alla fase attuale che vede crescere sempre più la deriva fascista e razzista, non possiamo che guardare con attenzione la presa

  • A-infos: la torcia accesa per il 24 ° anno

    Tutto è nato nel nel 1994, quando Class War organizzò un raduno anarchico internazionale a Londra dal titolo  “10 days the look the world”. Un posto che ha riunito un



 

Newsletter

Forum