Alternativa Libertaria_FdCA

la legittima collera delle donne in giallo

femme2-9f0d4Dall’inizio del movimento dei giubbotti gialli, le donne sono al centro dell’azione. Più fortemente colpite dalla precarietà, portano affermazioni di trasformazione sociale. Eppure il sessismo non è assente dal movimento, e  degli  eventi non misti sono  stati organizzati da gennaio.
Le prime vittime della precarietà
Noi, le donne, siamo le più colpite dalla precarietà: le donne rappresentano il 52,1% della popolazione povera (secondo l’osservatorio della disuguaglianza). Le donne si vedono imporre un lavoro part-time, sono pagate meno degli uomini (il 34,4% in meno a parità di qualifiche) e assumono spesso maggiori responsabilità familiari (in media le donne dedicano 1 ora e mezza al giorno a prendersi cura delle faccende domestiche).
Le donne al centro della lotta
Il movimento dei Gilet gialli ha permesso alle donne di lottare, di esprimere collettivamente la propria rabbia. Donne lavoratrici, donne  disoccupate, operaie, commercianti.  … Noi donne precarie, ci siamo unite alle rotonde, ci siamo incontrate e raccontate e abbiamo ripreso conoscenza della nostra classe sociale. Tre mesi dopo la nascita dei Gilet gialli le donne sono sempre presenti e animano il movimento. Dall’inizio dell’anno sono anche le promotrici  di eventi separati  e nei Gilet gialli! Eppure, nei Gilet gialli come ovunque nella società francese, è difficile passare una giornata senza ascoltare osservazioni o insulti sessisti (“troia”, “Puttana”, “Io non sono una donna / ragazza …”). Tutte queste parole ci ricordano che nel 2018 una donna vale sempre meno di un uomo.
Giubbotti gialli e femminismo
Dopo tre mesi di lotta, siamo ancora arrabbiate. Non accetteremo più queste misure che interessano solo i ricchi e i capi. Combattiamo contro la riforma dei sussidi per la disoccupazione che attacca le più precarie di noi! Abbiamo diritto a una pensione dignitosa! Reclamiamo  la giustizia sociale! Ma non indietreggeremo.  Vogliamo che le cose cambino anche per noi donne, per vivere finalmente in un mondo più giusto.
Liberiamoci dalla dominazione maschile!
Siamo donne, siamo orgogliosi, siamo femministe, siamo arrabbiate!
Volantino femminista di Alternative Libertaire, 18 gennaio 2018

About Author

webmistress

webmistress

Related Articles

Ultimo aggiornamento 12/12/2019
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli

  • Dalla stagione delle lotte operaie e studentesche alla strategia della tensione

    Sono passati 50 anni da quel 12 dicembre del 1969, quando a Milano in Piazza Fontana scoppiò una bomba nella Banca Nazionale dell’Agricoltura e fece una strage di vittime innocenti,

  • Eppur la nostra idea….

    La strage di Piazza Fontana arriva con alle spalle un decennio di lotte operaie e giovanili. Un decennio in cui la rabbia delle nuove generazioni operaie, costrette a spostarsi dal

  • La strage è di Stato

     Venerdì 12 dicembre 1969 il giorno della strage di Piazza Fontana. La notte del 15 dicembre l’assassinio di Pino Pinelli. Due date che segnarono in maniera indelebile la generazione che

  • Prima della bomba

    Una breve CRONOLOGIA di avvenimenti che precedono la strage e l’assassinio di Giuseppe Pinelli. 28-29-30 giugno 1960. Genova manifestazioni di protesta per impedire il congresso del Movimento Sociale Italiano, partito

  • Il foglio telematico di Alternativa Libertaria

    In questo numero parliamo di di Piazza Fontana,a 50 anni dalla strage. PER SCARICARLO  PER RICHIEDERLO   Correlati

  • Per un’ecologia radicale all’altezza dell’urgenza

    In un momento storico dove finalmente le mobilitazioni sul clima hanno assunto un carattere globale e di massa, abbiamo ritenuto importante affiancare questo quaderno alla nostra presenza nelle piazze, per

  • Bolivia – No al golpe militare

    Respingiamo l’azione golpista che si sta sviluppando in Bolivia. Sotto la pressione dell’imperialismo, dell’esercito boliviano (erede della dittatura di Hugo Banzer), della estrema destra boliviana, la rinuncia di Evo Morales

  • Sul Cile le dichiarazioni della Federazione Anarchica di Santiago

    Seconda Dichiarazione Sull’esplosione sociale nella regione cilena, la Federazione anarchica di Santiago dichiara: 1- Le crepe del modello neoliberista stanno diventando più grandi, la situazione ha superato tutti i margini

  • Il foglio telematico di Alternativa Libertaria

    In questo numero parliamo di solidarietà internazionale, e potete trovare -Con il popolo cileno, contro la stretta repressiva di Pinera -Dichiarazione di sostegno alle mobilizzazioni del popolo catalano -Contro l’aggressione

  • ANALISI DELLA SITUAZIONE LATINAMERICANA

    America latina, terra indomita e ribelle, erede di secoli di lotte e resistenze, dove la magia invade il realismo, luogo in cui stiamo attraversando una situazione critica in termini ecologici,



 

Forum