Alternativa Libertaria_FdCA

Sovranismo

sovranismo_wikimediaQuanti equivoci e quante parole non meditate su questo lemma,si nasconde in questo modo la vera natura di una risposta politica, non solamente ambigua, ma oltremodo pericolosa, il sovranismo non è che il nazionalismo di questo tempo. Ancora più pericoloso perché si pensava, fino a qualche anno fa, superato, o comunque non più sostenibile in quanto ad opzione politica e culturale.

Anche qualcuno della sinistra sgangherata pensa che l’ipotesi sovranista sia una risposta praticabile ai mali del capitalismo liberista, condendola semmai con altre parole, usate anche in questo caso malamente, patria, socialismo, indipendenza. Differiscono dalla destra storica e dalla reazione attuale solamente per l’uso di questi sostantivi, fossero anche dio, patria e famiglia, il risultato non cambierebbe.

Non solo si cerca di ammantare e di ridisegnare, abbellendoli, schemi culturali reazionari, si pensa anche chel’utilizzo e lo scopo del sovranismo siano quelli di rimettere al centro del dibattito e dell’azione il “popolo”, defraudato da oligarchie e potentati vari della possibilità di contare, aumentando così la confusione, sovrapponendo cause ad effetti, per cadere nuovamente nella costruzione di un mito che riporta la storia ad anni che pensavamo esserci lasciati alle spalle.

In questi anni un ceto politico reazionario e completamente stordito dagli effetti del turbocapitalismo (al di là delle fuffe) ha pensato bene di costruirsi fortune politiche sui miti del passato, ma avendo i piedi ben ancorati all’oggi, si sono sperticati nella diffusione di paure inutili quanto redditizie, hanno capitalizzato l’iniziativa politica e culturale, facendo credere che questo sia il senso del tempo che viviamo, semplificando una situazione complessa e rendendola apparentemente accessibile ad una ignoranza diffusa e necessaria al potere.

Il sovranismo è senza sovrano da un pezzo, dalla testa di Luigi XVI caduta in un cesto, alla fucilazione dei Romanov, con tutto il pathos che queste ricostruzioni assumono, anche esteticamente, fino all’opera di Gaetano Bresci, si è dimostrato alla storia che dei sovrani si può anche farne a meno .

E allora si sostituisce al sovrano un indistinto popolo, che esiste e si autorappresenta solamente nella mente e nell’immaginario indotto dal potere statuale di turno. L’ideologia del presente come vettore del controllo sociale.

Si mette insieme la dittatura della maggioranza con simulacri di democrazia diretta basati sul populismo, sul sentimento comune spesso condizionato dalla propaganda sulla base della più eccessiva semplificazione. Poco importa che quella che da noi è contrabbandata come democrazia diretta nasca, nella Russia putiniana, come “democrazia gestita”(cfr Vladislav Surkov). Gestita dal potere, ovviamente.

Nessun soggetto intermedio, nessuno spazio di discussione e elaborazione collettiva: un premier che incarna “l’autentica anima del paese”. Ecco la Democrazia sovrana.

Per fare questo occorre terminare di scardinare la dicotomia tra destra e sinistra, già logorata da decenni di riposizionamento, in nome del pragmatismo, in chiave gestionale neo-liberista. E se che la “vera destra” è quella sociale e la “vera sinistra” è quella identitaria ecco servita la sintesi rossobrunista che ci sta ammorbando. Quella che addita il buonismo, il radicalchic, le lobby gay e gender a cui opporre una società “globale (ma non globalizzata) “autenticamente” postliberale e differenziata sulla base della storia, delle tradizioni e della memoria di ciascun popolo”.

E così il ritorno del nazionalismo, il razzismo strumentale costruito sulla paura del diverso prima ancora dello straniero. Tornare alle frontiere chiuse, a recinti, per lo più psicologici e psicotici, per salvaguardare qualcosa che non esiste. Il non senso di un dibattito che non dovrebbe nemmeno esistere.

Pensare che con il controllo di una banca centrale, privatizzata ormai quarant’anni fa nell’indifferenza più totale, così come sono state privatizzate scuole, ospedali, servizi energetici, si possa dare una risposta sociale è una menzogna. E tutte le strutture che avevano mantenuto aperto lo spazio politico e sulle quali si innestava una partecipazione collettiva, che dava un senso a forme sociali performanti di una società seppur capitalista, tutte queste forme sociali sono entrate in collisione con il sistema di accumulazione evolutivo del capitalismo.

Nei rapporti di forza esistenti è impensabile che si possa tornare ad un controllo sociale delle risorse, anche i sovranisti della sinistra sgangherata non hanno colto questo aspetto, senza lotta di classe, o meglio ancora, con la lotta delle classi ricche contro le classi povere nessun tentativo di recupero collettivo di prassi economiche democratiche è possibile.

Questo ancor di più se lo si legge attraverso le dinamiche imperialiste, alle lotte per l’egemonia finanziaria, economica e tecnologica, vero spartiacque tra comprendere le dinamiche del capitale in corso ed il non senso politico espresso dalla reazione fascistoide che attanaglia il mondo, attraverso la semplificazione di messaggi, falsi, ai quali i cittadini sudditi di questa nuova epoca possono solo rispondere con un like.  🙁

Il sovranismo è una malattia di questo tempo, come fu il nazionalismo. Le strutture economiche transazionali, la finanziarizzazione portata alle sue estreme conseguenze, l’accumulazione del capitale che si sposta sullo sfruttamento degli aspetti più intimi e personali, sui sentimenti, attraverso l’uso degli strumenti digitali, che ne favoriscono il controllo e l’orientamento, politico e culturale: tutti aspetti che aumentano il senso di impotenza e di alienazione delle persone. E agiscono come un detonatore sulle classi sociali più povere e meno attrezzate a respingerne l’attacco, la nostra classe.

Per noi, l’unico spazio di una azione politica e culturale resta quello europeo: è su questo terreno che si può articolare una lotta, di classe, che riparta dai diritti dei lavoratori, che combatta il dumping sociale e che unifichi regole e comportamenti, a partire dalla leva fiscale, rivendicando il diritto alla democrazia nei luoghi di lavoro, e pensando ad un sindacato europeo. Trasformare un continente per toglierlo dalle mani dell’oligarchia finanziaria.

Il capitalismo è e resta un rapporto sociale, tra sfruttati e sfruttatori, tra dominati e dominanti, tra chi ha il potere e chi lo subisce: questo deve essere il paradigma di ogni discussione, e non saranno nè il sovranismo e nè  il nazionalismo a metterlo in discussione.

Internazionalisti, perché ci riconosciamo nella nostra classe,in tutto il mondo, con le sofferenze e l’alienazione che contraddistingue vite spese a servire all’accumulazione del capitale, di profitti per pochi, che resterebbero tali anche in una ipotesi sovranista e nazionale. Alla faccia dei muri e delle frontiere.

Gli esempi non mancano, i governi reazionari, da Salvini e i pentastellati, ad Orban in Ungheria, Bolsonaro in Brasile, Trump, Putin: quasi in tutto il mondo governa una destra violenta, che si vanta di combattere i più miserabili ed i più poveri, caratterizzando le classi sociali subalterne come pericolose: per il loro potere, e per i loro servi.

Tutti questi governi, fascistoidi e sovranisti, nazionalisti rispondono ad una logica che li accomuna, tentano di servire il capitale contraendo ulteriormente le condizioni sociali dei lavoratori, tagliando diritti e vendendo a buon mercato la “loro” manodopera per attirare capitali ed investimenti.

Il sovranismo, così come il nazionalismo, non può essere la soluzione al disastro compiuto da decenni di liberismo capitalista: ne sono stati tra i promotori, ne sono causa, e non effetto, il disastro compiuto per arrivare ad una società liquida ed atomizzata, fatta da individui soli e ricattabili è figlia del nazionalismo e del sovranismo che si è evoluto dal liberismo per favorire nuovi processi di accumulazione, e non il contrario.

Per quanto riguarda la nostra azione, di anarchici e di comunisti libertari, non verrà meno il nostro impegno per combattere queste nuove derive politiche e sociali, così pericolosamente sbandierate, così come non smetteremo mai di lottare contro il capitalismo, sia quello liberista che quello che si vorrebbe nazionale e sovrano, lavoriamo per ricomporre la nostra classe di appartenenza , consapevoli che solamente la lotta di classe, l’agire collettivo degli oppressi, sarà in grado di trasformare la società, per noi comunista e libertaria.

26 gennaio 2019, documento finale del 103 CdD

About Author

webmistress

webmistress

Ultimo aggiornamento 12/12/2019
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli

  • Dalla stagione delle lotte operaie e studentesche alla strategia della tensione

    Sono passati 50 anni da quel 12 dicembre del 1969, quando a Milano in Piazza Fontana scoppiò una bomba nella Banca Nazionale dell’Agricoltura e fece una strage di vittime innocenti,

  • Eppur la nostra idea….

    La strage di Piazza Fontana arriva con alle spalle un decennio di lotte operaie e giovanili. Un decennio in cui la rabbia delle nuove generazioni operaie, costrette a spostarsi dal

  • La strage è di Stato

     Venerdì 12 dicembre 1969 il giorno della strage di Piazza Fontana. La notte del 15 dicembre l’assassinio di Pino Pinelli. Due date che segnarono in maniera indelebile la generazione che

  • Prima della bomba

    Una breve CRONOLOGIA di avvenimenti che precedono la strage e l’assassinio di Giuseppe Pinelli. 28-29-30 giugno 1960. Genova manifestazioni di protesta per impedire il congresso del Movimento Sociale Italiano, partito

  • Il foglio telematico di Alternativa Libertaria

    In questo numero parliamo di di Piazza Fontana,a 50 anni dalla strage. PER SCARICARLO  PER RICHIEDERLO   Correlati

  • Per un’ecologia radicale all’altezza dell’urgenza

    In un momento storico dove finalmente le mobilitazioni sul clima hanno assunto un carattere globale e di massa, abbiamo ritenuto importante affiancare questo quaderno alla nostra presenza nelle piazze, per

  • Bolivia – No al golpe militare

    Respingiamo l’azione golpista che si sta sviluppando in Bolivia. Sotto la pressione dell’imperialismo, dell’esercito boliviano (erede della dittatura di Hugo Banzer), della estrema destra boliviana, la rinuncia di Evo Morales

  • Sul Cile le dichiarazioni della Federazione Anarchica di Santiago

    Seconda Dichiarazione Sull’esplosione sociale nella regione cilena, la Federazione anarchica di Santiago dichiara: 1- Le crepe del modello neoliberista stanno diventando più grandi, la situazione ha superato tutti i margini

  • Il foglio telematico di Alternativa Libertaria

    In questo numero parliamo di solidarietà internazionale, e potete trovare -Con il popolo cileno, contro la stretta repressiva di Pinera -Dichiarazione di sostegno alle mobilizzazioni del popolo catalano -Contro l’aggressione

  • ANALISI DELLA SITUAZIONE LATINAMERICANA

    America latina, terra indomita e ribelle, erede di secoli di lotte e resistenze, dove la magia invade il realismo, luogo in cui stiamo attraversando una situazione critica in termini ecologici,



 

Forum