Alternativa Libertaria_FdCA

La FAU sulla situazione venezuelana

FAUvenezuelaIl Venezuela è di nuovo sotto i riflettori e al centro del dibattito internazionale. Dichiarazioni roboanti in tutti i media che condannano il governo di Maduro, alcune riconoscendo Guaidó come Presidente, altri prendendo le distanze da entrambi, come se tutto ciò che è in gioco in Venezuela in questo momento stia nel riconoscere o no un certo governo.  Il problema è molto più profondo, e come abbiamo discusso in altre occasioni, cercheremo qui di fare un’analisi molto più complessa, ma sempre partendo dalla nostra impronta anarchica e especifista, noi che nei nei paesi latino-americani ci opponiamo ogni giorno a tutte le strutture del sistema capitalista e dell’imperialismo nordamericano, presente da quasi due secoli nella nostra regione.

Il 10 gennaio è cominciato un nuovo periodo di governo sotto la direzione di Nicolás Maduro. Nelle settimane precedenti il gruppo Lima (un gruppo creato e composto da 12 paesi nella regione al solo scopo di rovesciare il governo Maduro) ha intrapreso una campagna attiva contro quello che considera un “dittatore”, un “usurpatore” , “un governo illegittimo”, con l’obiettivo di impedire un nuovo mandato di Maduro e il PSUV (Partito socialista unificato del Venezuela). Questa nuova campagna è stata accompagnata da un’importante attività interna dell’opposizione al governo del PSUV, che includeva l’auto-proclamazione dell’ignoto Juan Guaidó come “presidente provvisorio o di transizione”.

Chi è Juan Guaidó? Da dove viene? La stessa domanda è stata posta dalla stampa internazionale che lo ha sostenuto, ovvero i grandi media internazionali che supportano(quando serve) uno sconosciuto e che lo “presentano nella società”. Questo Juan Guaidó è un deputato, presunto presidente dell’Assemblea nazionale che dal 2016 non lavora, non si riunisce, a causa dei conflitti tra l’opposizione e il governo, da quando una maggioranza dell’opposizione si è insediata in quella Assemblea o Parlamento. Un conflitto di poteri all’interno dello stato, che ora la destra usa per un nuovo colpo di stato. Ciò che colpisce in questa occasione è che Juan Guaidó è diventato il leader dell’opposizione durante la notte, con il pieno sostegno del governo degli Stati Uniti, per destabilizzare nuovamente la situazione politica e sociale venezuelana, in modo da porre fine alla cosidetta “Rivoluzione Bolivariana” e reintegrare nuovamente i partiti di destra e di destra nel governo. Gli stessi soggetti e cervelli politici della destra venezuelana hanno inizialmente criticato Guaidó per la sua “timidezza” nei primi momenti della sua apparizione pubblica, perché non si decideva a proclamarsi “presidente ad interim”, come ha alla fine fatto il 23 gennaio sotto la spinta della destra e degli Stati Uniti. Tutta la destra incita al colpo di stato puro e semplice.

Non è la prima volta

Questo nuovo attacco della destra venezuelana è stato spinto dal messaggio del vicepresidente degli Stati Uniti Mike Pence, che ha fornito il pretesto per le proteste contro Maduro che hanno avuto inizio il 21 gennaio e il picco il 23. Sono state dimostrazioni enormi, che indubbiamente sono riuscite a catturare e incanalare il malcontento e la stanchezza della popolazione rispetto alla “Rivoluzione Bolivariana”.

Questo non significa che queste mobilitazioni esprimano le aspirazioni popolari, quanto piuttosto delle classi dominanti venezuelane e dell’estrema destra. In realtà, Guaidó è il “referente”, la pedina piazzata adesso dagli Stati Uniti, perché non c’è altra scelta. I principali riferimenti della destra sono definitivamente screditati sia per la loro appartenenza di classe come Maria Corina Machado, leader di Vente Venezuela e di Sumate, imprenditrice e parte dell’oligarchia del Venezuela, a cui il regime di Chavez ha espropriato alcune delle grandi aziende, come le industrie di alluminio; Leopoldo Lopez, riferimento del partito di estrema destra popolare Will, fotografato mentre distruggeva busti di “Che” Guevara, o Hernando Capriles leader di Primero Justicia, sono ormai usurati come immagine e non possono esercitare una leadership efficace. Per questo si è ricorsi a una faccia nuova.

L’obiettivo è  farla finita con Maduro, istituire un governo di transizione e quando poi saranno sbarcati i marines americani le compagnie americane faranno i loro investimenti. Ma abbiamo detto che questa situazione non è nuova. Nell’aprile 2002, gli Stati Uniti hanno sostenuto un colpo di stato contro Chávez, piazzando al governo Pedro Carmona, presidente dell’associazione dei datori di lavoro di Fedecámaras.

Un colpo di stato con un chiaro senso di classe, se ci fossero stati dei dubbi. Dopo quel colpo di stato fallito, Chavez tornò al governo e ripartì con una serie di politiche sociali ( “Mission”) e un certo coinvolgimento dal basso, in un certo inedito potere popolare, di origine statale, certo, ma che tuttavia innescò una importante partecipazione popolare per un periodo di tempo, la creazione di cooperative di produzione, di consumo, l’organizzazione di interi quartieri in forma autogestita. Questo coesisteva con la burocrazia statale e il sempre crescente ruolo dell’esercito in un processo contraddittorio, ma in cui la gente ha iniziato ad avere un po’ di tutto ciò che per secoli gli era stato negato: cibo adeguato, i servizi sociali, una certa dignità e partecipazione sociale e politica.

Era stata una ventata di novità anche il “Caracazo” del 1989, quella immensa esplosione popolare contro le politiche neoliberiste di Carlos Andrés Pérez, che aveva creato l’iperinflazione e la fame, e la feroce repressione che seguì e causò 3.000 morti. Chavez apparì nel 1992 in un tentativo di colpo di stato fallito, per ricomparire qualche anno più tardi con l’avvio di un movimento politico che ha riunito la sinistra venezuelana, tra cui diversi ex membri della guerriglia degli anni ’60. Un militare con trascorsi nazionalisti, che a poco a poco è passato a sinistra, circondato da persone e partiti in un ampio arco da sinistra… una di quegli strani esperimenti politici dei Caraibi, che ci ha fatto ricordare il “populismo ” degli anni ’40 e ‘ 50. La verità è che questo ha suscitato la paura della borghesia venezuelana e della destra.

Un chiaro istinto di classe e – e di razzismo- è stato messo sul tavolo: per la borghesia il fatto era che neri e mulatti, indios, i poveri, i più deboli, avevano accesso a “qualcosa” e quel “qualcosa” sarà sempre troppo per chi ha il potere. Quel “qualcosa” apparteneva ai ricchi, ai proprietari del Venezuela, e loro non erano – né lo sono – disposti a perderlo. Quindi il colpo di stato di Cramona del 2002 golpe di FEDECAMARAS, la Confederazione dei Lavoratori del Venezuela (sindacato giallo finanziato dagli Stati Uniti) e dai tradizionali partiti politici COPEI e Azione Democratica. Fallito questo colpo di stato, gli USA – e più direttamente la CIA- hanno investito risorse ingenti (centinaia di milioni di dollari) per finanziare nuovi partiti di opposizione politica (Volontà Popolare, con tra gli altri Guaidó , Primero Justicia e altri), finanziando anche varie ONG e organizzazioni che promuovono “l’educazione dei cittadini” e “diritti umani”.

Lo scopo della CIA era – ed è – indebolire il regime di Chavez per riportare il governo a destra.Come non importa. Che sia per via elettorale o per destabilizzazione e colpo di stato non è rilevante né per gli Stati Uniti né per l’opposizione venezuelana. La morte di Chávez è stato un duro colpo per il regime. Chavez aveva nominato Maduro come suo “delfino”, sapendo che all’interno del PSUV sarebbero incrudelite le lotte per quote di potere e la corruzione e la venalità sarebbero cresciute, come poi è successo. La popolazione non ha seguito Maduro con lo stesso entusiasmo con cui aveva seguito Chavez. Un processo che aveva un’alta quota di “leadership personale”,  un certo “populismo del 21 ° secolo”, trovava lì uno dei suoi punti deboli. In risposta, la destra e gli Stati Uniti hanno intensificato i loro attacchi.

Le varie mobilitazioni si sono moltiplicate nel 2013, dopo la morte di Chávez. E’ stata usata come punta di lancia il movimento studentesco, di cui un settore aveva una forte infiltrazione dalla destra. Ben presto i partiti di opposizione hanno superato gli studenti universitari e hanno guidato le proteste. I fascisti in abiti “democratici”, Leopoldo López e Hernando Capriles, sono diventati famosi. Le telecamere della stampa internazionale erano lì per mostrare come sono stati arrestati questi reazionari ribelli, ma non hanno mai mostrato la resistenza popolare per la strada, come non lo avevano fatto nel 2002. E’ stato dimostrato che i membri dell’opposizione erano armati con un sacco di soldi che scorre dai vari tentacoli della CIA, come NED e IRI (piani di finanziamento di varie organizzazioni di destra).Da lì fino ad ora, manifestazioni di piazza di destra, a partecipazione non sempre massiccia, di solito nei quartieri poveri, alternate con manifestazioni nelle zone ricche di Caracas , e con la partecipazione elettorale.

Ma le elezioni, quel banale stratagemma borghese liberale, sono utili se danno il risultato che vuole la borghesia. E visto che il chiavismo si era specializzato nel vincere le elezioni liberali borghesi, la borghesia venezuelana e americani, e la maggior parte delle borghesie del mondo, sono pronte a dichiarare che non sono elezioni valide, che “il Venezuela è una dittatura” e che “Maduro è un usurpatore.” Elementare dimostrazione che le elezioni sono valide se vincono quello che vogliono i potenti.

Questa è una nuova ondata di attacchi, ma ce ne sono stati diversi, e in tutte finora sono state sconfitte la destra e gli Stati Uniti. Tuttavia, il regime Maduro si è via via indebolito, appaiono divisioni all’interno, vari gruppi e individui hanno espresso il loro malcontento senza peraltro rivolgersi all’opposizione, il tutto in un quadro che ha peggiorato l’assedio economico e la difficoltà nella distribuzione di cibo e medicine in negli ultimi anni. Nel campo della distribuzione non sono stati attaccati monopoli importanti come quello del gigante commerciale Polar, e a questo è necessario aggiungere l’inerzia, la corruzione, la burocrazia del governo e “il mercato nero” che cresce in queste situazioni di disperazione.

Il petrolio

Tutti sanno che l’obiettivo principale degli Stati Uniti è quello di riprendere il controllo del petrolio venezuelano. Il Venezuela è un lago di petrolio, letteralmente. Ci sono le più grandi riserve di petrolio del pianeta con oltre 300 miliardi di barili. È la prima riserva di petrolio al mondo. Il secondo è l’Arabia Saudita, ma essendo un “carnale” alleato degli Stati Uniti, questi non osano invaderla o attaccarla in nessun modo, nonostante sia governata da una Monarchia teocratica che finanzia il terrorismo salafita (come Stato islamico), nonostante sia il paese del Medio Oriente con un livello più alto di repressione nei confronti delle donne, della stampa, ecc. Lì gli USA non rivendicano la “democrazia”. La casa reale Saudita – ora con Bin Salmán – è fedele alleata del potere “democratico” del pianeta. Per questo motivo, Venezuela e Iran, tra gli altri paesi, sono nella lista dei “nemici” degli Stati Uniti e questi intendono prenderne il controllo con qualsiasi mezzo. Lo hanno già fatto in Libia, per mano della “Democratica” Hillary Clinton e hanno cercato di farlo in Siria. Gli USA non si preoccupano di decimare intere popolazioni, di ridurre ainteri paesi allo stremo, di farli fallire, come è stato fatto in Libia o in Iraq. Il petrolio: questo è l’obiettivo degli Stati Uniti e delle multinazionali del settore.

In realtà, l’inasprimento delle sanzioni economiche contro il Venezuela nei giorni scorsi, hanno avuto come assi le azioni Citgo, la compagnia petrolifera venezuelana negli Stati Uniti, una filiale di PDVSA. Per queste sanzioni, gli Stati Uniti bloccano 7 miliardi di dollari e 11 miliardi di dollari di esportazioni di petrolio per questo 2019. Questo ammonta a circa un terzo del PIL dell’Uruguay. Citgo possiede anche tre raffinerie, 48 terminal di stoccaggio e 6.000 stazioni di servizio negli Stati Uniti, un capitale non trascurabile, ma che vende e distribuisce carburante ad un costo inferiore rispetto al petrolio degli Stati Uniti guidata dal Rockefeller, Bush, etc. Così si strozza Citgo in materia creditizia a livello internazionale.

Fu proprio attraverso il petrolio che il regime chavista fu in grado di finanziare le politiche sociali (“le missioni”) e una certa redistribuzione negli anni di Chavez; come controparte di quel petrolio a valori elevati nel mercato mondiale, il Venezuela ha aumentato la sua dipendenza economica e non si è industrializzato. Ma ciò ha consentito un’interessante politica internazionale e il sostegno ai paesi dell’America Latina, creando Petrocaribe. Cuba e diverse piccole Antille hanno beneficiato di questa politica di petrolio a buon mercato e di legami diplomatici più stretti. È stata questa stessa politica e alleanza a rendere possibile la sconfitta degli Stati Uniti e del gruppo di Lima all’OAS negli ultimi giorni. Però fu questa politica che spinse gli USA a sostenere il golpe in Honduras contro il governo di Zelaya, perché si stava avvicinando timidamente politica estera venezuelana. Gli USA non potevano permettere a una delle proprie “pedine” di uscire dal cartello. L’Honduras era la base militare del “contras” nicaraguensi negli anni ’80 e di tutte le contro-insurrezioni di quegli anni. Anche da lì iniziò il colpo di stato contro la “rivoluzione guatemalteca” di Arbenz nel 1954. Inoltre ha condotto la politica insieme con l’Arabia Saudita per abbassare i prezzi internazionali del petrolio e indebolire le capacità di di Venezuela e Iran e le loro rispettive politiche estere.

Una lunga storia di aggressioni

E’ la nostra America Latina il territorio che ha subito le più sanguinose aggressioni dell’imperialismo USA. E i nostri popoli hanno sofferto e sopportato le conseguenze di tali aggressioni. Questa storia criminale è lunga, ma citiamo alcuni dei casi più famosi. L’invasione in Messico nel 1845 e dichiarazione di guerra. Risultato: il Messico perde metà del suo territorio, che attualmente è l’area petrolifera degli Stati Uniti.

Cuba e Porto Rico nel 1898. Attraverso l’emendamento Platt (emendamento aggiunto dagli Stati Uniti nella Costituzione cubana), l’isola divenne una colonia americana. Gli interessi delle compagnie dello zucchero, della banca e del gioco degli yankee, così come la prostituzione, erano predominanti. A quel tempo, la rivoluzione cubana interruppe questa situazione e distrusse queste relazioni coloniali. Tuttavia, Porto Rico rimane sotto il pieno controllo dell’aquila nordamericana.

In entrambi i casi, come in Nicaragua (già invaso nel 1855), gli Stati Uniti applicano lo stesso schema: sostegno ai governi “fantoccio”, costante frode elettorale e colpi di stato. Se necessario, alla fine, lo sbarco dei marines. Invasione. Contro cui lottò Augusto César Sandino in Nicaragua insieme alla sua guerriglia popolare .

Nel 1914 invasione di Haiti, saccheggio del paese. In precedenza, nel 1903, gli USA si arrogano il diritto di inventare un paese: Panama.

Hanno finanziato e sostenuto un “movimento per l’indipendenza” in quella zona che faceva parte della Colombia. Cioè, rimosse parte della Colombia per costruirvi il famoso Canale Interoceanico, che divenne territorio degli Stati Uniti, custodito dai suoi marines. Ecco perché Omar Torrijos, che ha negoziato con gli Stati Uniti il ritorno del Canale in mani panamensi, è stato assassinato in un attacco nel 1981.

Più vicino , il sostegno diretto della CIA e dell’ambasciata statunitense al colpo di stato di Pinochet in Cile nel 1973, è stato ben documentato. Allo stesso modo, la loro partecipazione attiva al Piano Condor che ha ucciso e fatto scomparire decine di migliaia di compagni nel Cono Sud.

E poi il supporto degli Stati Uniti negli innumerevoli colpi di stato in Argentina, Brasile, Bolivia, nel Paraguay di Stroessner, il loro sostegno al golpe del 1973 in Uruguay. L’invasione a Granada nel 1983. L’invasione dei marines a Panama di nuovo nel 1989, per “liberare” quel paese da Noriega, un crudele dittatore. Naturalmente, che gli USA non erano disposti ad ammettere era che Noriega fosse “il loro uomo” a Panama. Aveva lavorato per la CIA e la DEA, ma gli venne in mente di “aggirare” gli Yankees nel traffico di cocaina dalla Colombia attraverso Panama negli Stati Uniti. Peccato imperdonabile e il governo USA punì il popolo panamense. Hanno raso al suolo il paese e lasciato 3.000 assassinati.

Gli esempi abbondano. Migliaia di crimini. I nastri rossi della bandiera sono di sangue, di gente uccise dai loro meschini interessi. Per gli interessi di una borghesia che crede di essere la proprietaria del mondo. Inoltre, il piano di aggressione contro il Venezuela nei suoi inizi è stato molto simile a quello utilizzato in Cile nel 1973. In questa ultima fase sono stati curati “dettagli” di rilevanza: evidentemente prevedendo di invadere il paese senza molto sotterfugi.

Il contesto internazionale

La scena internazionale gioca molto nella crisi venezuelana. Maduro prima di assumere il suo nuovo mandato è andato in Russia per incontrare Putin e garantirsi il suo sostegno in tutti i campi. Il ruolo della Cina è anche importante. Sia la Russia che la Cina hanno importanti investimenti in Venezuela e in America Latina in generale. Ciò rende questa regione al centro delle dispute inter-imperialiste del mondo.

Ma c’è del vero nel fatto che è finita la fase “unipolare” post-Guerra Fredda. Gli USA non possono imporre la propria piena volontà al mondo senza intoppi, anche se mantengono una potenza militare travolgente. E’ finita con la Libia. In Siria, hanno già sentito il freno della Cina e della Russia in campo diplomatico, nelle alleanze molto abili che il governo russo ha schierato ma anche nel campo militare. In Venezuela succede lo stesso, solo che succede nella “zona di influenza” diretta degli USA. In quelle che reputano le proprie riserve di petrolio . E non sono disposti a tollerarlo.

Abbiamo detto che gli Stati Uniti hanno perso terreno nell’OAS (Unione Stati Americani) grazie a una politica venezuelana a lungo termine. Quanto durerà il sostegno delle piccole Antille? Gli Stati Uniti invaderanno qualcuno di questi piccoli paesi? La verità è che il ruolo dell’uruguaiano Almagro è stato disgustoso. Una progenie di progressismo, un rene di Mujica, spinto da lui nell’arena internazionale e collocato nella Segreteria Generale dell’OAS (che nell’ambito delle sue funzioni ha caldeggiato la cacciata di Maduro con ogni mezzo, incluso l’intervento militare -ndt). O Almagro ha due facce, e serve chi dà “lavoro” o siamo di fronte a un’infiltrazione di altissimo livello, degna dei migliori romanzi di spionaggio. I servizi segreti venezuelani e cubani hanno dichiarato di aver sospettato sin dal tempo del governo di Mujica che Almagro lavorava per la CIA. La verità è che lo fa ora e lo fa direttamente per Trump.

Ed è nello scenario internazionale che si gioca una buona parte del conflitto, perché gli USA non possono permettere ad un paese nella propria “zona di influenza” di avere una politica estera indipendente e per di più, di cercare di modificare l’ordine del proprio “cortile di casa”.

Verranno tempi molto complessi

Mentre gli Stati Uniti e Almagro alla guida dell’OAS e del gruppo di Lima stanno preparando un’invasione del Venezuela, non dicono nulla contro altri regimi che sono senza dubbio democratici. Non dicono nulla sul governo dell’Honduras, eletto con brogli elettorali comprovati, dopo aver deposto con un golpe Zelaya nel 2009 e riordinato la situazione interna, con una feroce repressione che ha causato morti e dispersi. Non dicono nulla del “golpe gentile” di Temer e dell’ascesa di quel nazista di Bolsonaro, dal momento che, naturalmente, è loro produzione. Una creazione nordamericana opportuna per questi tempi.

Uno degli elementi necessari per scatenare questo nuovo colpo di stato e l’ondata interventista in Venezuela è stato il sostegno necessario del governo brasiliano e di un governo chiaro e forte. Lo stesso si può dire della Colombia. Con le FARC già impegnate nel gioco elettorale borghese, gli USA possono usare a loro piacimento l’esercito colombiano e i paramilitari. Diventa rilevante in questo caso il ruolo del ELN (Esercito di Liberazione Nazionale) di stampo camilista-guevarista, che non si arrende e sta cercando di resistere e ha aumentato la propria presenza nel confine colombiano -venezolana. Potrebbe verificarsi un conflitto regionale se intervengono il Brasile e la Colombia e l’ELN vi è coinvolto.

Per il momento, gli Stati Uniti non temono di buttare il Venezuela nel caos, pur di riprendere il controllo del petrolio e distruggere quel piccolo antagonismo all’interno della propria zona di controllo capitalista nel loro emisfero, estromettendo ogni influenza di Russia, Cina l’Iran.

Ma questo intervento mette le popolazioni latinoamericane di fronte a una scena di lotta. Un’aggressione americana nel continente deve avere una risposta popolare: massicce manifestazioni di strada, diffuso rifiuto popolare. Sarebbe l’inizio di una nuova fase nel nostro continente. Sarebbe lo sbarco diretto delle truppe yankee nel territorio di un popolo fraterno e aumenterebbe il grado di aggressività dell’imperialismo USA nei confronti dei nostri popoli.

Pertanto, l’unica cosa che si adatta a tutti i figli di questa terra è la condanna unanime e assoluta di qualsiasi tipo di interferenza, di qualsiasi intervento economico, diplomatico o militare nel nostro continente.

Gli Stati Uniti non sono i benvenuti, vengono a massacrare il popolo venezuelano oggi e domani continueranno con gli altri.

L’America Latina è ad un punto di rottura.

È compito nostro resistere, rafforzare le organizzazioni popolari che permettono di affrontare qualsiasi aggressione o tentativo di destabilizzazione dei diritti.

Le classi popolari troveranno la propria strada e il popolo venezuelano ha dimostrato una combattibilità esemplare.

Per l’autodeterminazione dei popoli,
Fuori gli Yankee assassini dell’America Latina
Per il socialismo e la libertà
ARRIBA LOS QUE LUCHAN!!
FEDERACIÓN ANARQUISTA URUGUAYA

Traduzione a cura di AL

Ultimo aggiornamento 11/03/2019
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli

  • Per un’ecologia radicale all’altezza dell’urgenza!

    Nell’anno 2019 il degrado globale dell’ambiente è una scoperta ormai consolidata e supportata da sempre più studi. Con i “raduni per il clima”, si pone concretamente e urgentemente la questione

  • Sgomberato il Centro sociale anarchico a Torino…

    Sgomberato il Centro sociale anarchico a Torino… …e arrestati anarchici a Trento e dintorni. Sbandierate conferenze stampa dell’allerta del Viminale sul pericolo terrorismo di anarchici e centri sociali. Difficile star

  • La FAU sulla situazione venezuelana

    Il Venezuela è di nuovo sotto i riflettori e al centro del dibattito internazionale. Dichiarazioni roboanti in tutti i media che condannano il governo di Maduro, alcune riconoscendo Guaidó come

  • Solidarietà ai compagni e alle compagne dell’ex Asilo di Torino

    Antonio, Silvia, Larry, Giada, Niccolò, Beppe, Antonello, Irene, Giulia, Fulvio, Giulia, Caterina, Martina, Carlo, Francesco e Andrea Liberi! Tutti liberi, tutte libere! Correlati

  • SUGLI SCONTRI DEL 9 FEBBRAIO -COMUNICATO   DI ALTERNATIVE LIBERTAIRE LIONE

    Il ripristino della verità rispetto alle mistiificazioni dei media! Sabato  9 febbraio a Lione  sono avvenuti scontri tra il corteo di gilet giallo antirazzista  che ha riunito centinaia di persone,

  • Sovranismo

    Quanti equivoci e quante parole non meditate su questo lemma,si nasconde in questo modo la vera natura di una risposta politica, non solamente ambigua, ma oltremodo pericolosa, il sovranismo non

  • la legittima collera delle donne in giallo

    Dall’inizio del movimento dei giubbotti gialli, le donne sono al centro dell’azione. Più fortemente colpite dalla precarietà, portano affermazioni di trasformazione sociale. Eppure il sessismo non è assente dal movimento,

  • No all’ingerenza imperialista in Venezuela e in America Latina

    Sono tempi convulsi in America Latina, e il processo che sta attraversando il Venezuela è un caso emblematico di un nuovo periodo storico. In questo senso, senza fare analisi importanti,la

  • Decreto INsicurezza, i sindaci, la folla, i migranti in mare.

    Senza nessuna falsa illusione, ma profondamente attaccati con realismo alla fase attuale che vede crescere sempre più la deriva fascista e razzista, non possiamo che guardare con attenzione la presa

  • A-infos: la torcia accesa per il 24 ° anno

    Tutto è nato nel nel 1994, quando Class War organizzò un raduno anarchico internazionale a Londra dal titolo  “10 days the look the world”. Un posto che ha riunito un



 

Newsletter

Forum