Alternativa Libertaria_FdCA

UN GESTO DI PURA FOLLIA

folliaUn gesto che non si giustifica in alcun modo viene così ammantato di un significato fino ad oggi inedito per lo scenario italiano. Un’azione che ha scatenato dei rigurgiti razzisti ingiustificati tanto quanto il dirottamento stesso.
Abbiamo vissuto in prima persona e in diretta l’attimo esatto in cui sono state rese note le generalità dell’autista ed appena saputo che si trattava di una persona di colore si sono aperte le cataratte del cielo. Da un gesto folle di una persona che ha perso il senno è divenuta una testimonianza di come gli stranieri siano un pericolo per l’occidente e la rivendicazione stessa inerente le stragi del Mediterraneo ha rafforzato nell’immaginario di persone già vocate a pensieri razzisti la loro convinzione di avere avuto ragione, di essere nel giusto quando si auguravano più barconi affondati.
E poco importa che anche i due ragazzi che sono riusciti a liberarsi e a lanciare l’allarme abbiano origini africane, come tanti che oggi frequentano le nostre scuole.
Gli esponenti del governo e i maggiorenti locali della Lega Nord hanno ovviamente soffiato sul fuoco, arrivando a scatenare all’interno del loro seguito una vera e propria tentazione di “caccia al nero”, ben sapendo che anche questo episodio terribile è figlio di un odio da loro generato e cavalcato per meri fini di potere.
Gli uomini forti del governo, Salvini e Di Maio hanno promesso la revoca della cittadinanza italiana a Sy ed il conferimento della stessa a Ramy, il ragazzo che per primo ha dato l’allarme. La cittadinanza non è e non deve essere un premio o una benemerenza per nessuno. Ramy merita di essere cittadino italiano perchè nei fatti lo è: qui è nato, qui è inserito nel tessuto sociale, esattamente come tutti i suoi compagni e tutti i ragazzi nella stessa situazione. Situazione causata dal decreto sicurezza che lo stesso Salvini ha emanato mesi fa.
Ovviamente il gesto isolato di Sy non ci smuove di un millimetro dalle nostre posizioni.

  • Riaffermiamo il diritto di qualsiasi essere umano ad essere accolto ed integrato ovunque desideri rifarsi una vita e qualunque sia il motivo che lo spinge a lasciare il proprio luogo d’origine.

  • Denunciamo la barbarie dei lager libici e la mattanza nel Mediterraneo e chiediamo una revisione delle politiche europee sui visti di ingresso, che depotenzierebbero anche il controllo delle mafie sull’immigrazione.

  • Appoggiamo i movimenti di opposizione a un potere reazionario e conservatore che anima i paesi arabi ed africani, dalle proteste contro Bouteflika in Algeria a quelle contro Assad in Siria, passando dal Sudan di Bashir.

  • Aborriamo le politiche neocoloniali in Africa, che depredano risorse e ricchezze per accentrarle in pochissime mani.

  • Combattiamo nei luoghi dove siamo presenti contro il razzismo e le sue derive fascistoidi e rigettiamo al mittente l’idea che l’immigrazione sia la causa prima di tutti i nostri mali.

  • Respingiamo l’idea eugenetica che il dirottamento del bus sia avvenuto perchè l’autista è una persona di colore.

    Alternativa Libertaria/FdCA – Federazione Cremonese

About Author

webmistress

webmistress

Ultimo aggiornamento 17/04/2019
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli

  • Migranti e lotta di classe

    Ormai immersi in una narrazione tossica di luoghi comuni sull’italianità, sul “prima gli italiani” e sul fatto che “gli immigrati rubano il lavoro”, assistiamo impotenti alla trasformazione di diritti che

  • Il rispetto del diritto alla salute è una questione politica

    1 SALUTE, UNIVERSALITÀ, ETICA 1.1 Salute. 1.1.1 Equità. 1.1.2 Universalità. 1.2 Etica della cura: diritto di libertà e obbligatorietà delle cure, nella cronicità e nelle situazioni di marginalità sociale. 1.3

  • Antimilitarismo

    Come scritto nel “Libro Bianco per la sicurezza internazionale e la difesa” redatto dal Ministero della Difesa nel 2015: “La funzione svolta dalla Difesa è prevista costituzionalmente ed è fondamentale

  • Lotte e territorio

    Negli ultimi anni le lotte ambientali e territoriali hanno assunto un carattere capillare, espandendosi in aree che magari politicamente e socialmente parlando sono da sempre dormienti. Il grado di penetrazione

  • La fase attuale, una lettura possibile

    “Il capitale finanziario, dunque, non deve in alcun modo essere considerato una degenerazione del capitalismo, dato che, al contrario, costituisce la forma più adeguata del concetto di capitale. La finanza

  • COME SI DISTRUGGE UNA COMUNITA’

    Dopo 28 anni il kampo Rom della Favorita non esiste più. Magistratura e Comune di Palermo hanno deciso di disperdere quelloche rimane della comunità Rom presente, in perfetta sintonia con

  • Sul sindacato

    La lunga crisi è stata la migliore condizione in cui il sistema capitalistico ha potuto imporre nuovi rapporti di forza con la classe e decise trasformazioni nelle condizioni sociali del

  • 103° CONSIGLIO DEI DELEGATI ALTERNATIVA LIBERTARIA/FDCA

    103° CONSIGLIO DEI DELEGATI ALTERNATIVA LIBERTARIA/FDCA Sabato  26 gennaio  2019 ore 14.00 a Cingia de Botti (CR)  presso Cascina Cingia Ordine del giorno   1- Relazione della S.N. 2- Relazione del coordinatore del

  • 102° CONSIGLIO DEI DELEGATI ALTERNATIVA LIBERTARIA/FDCA

    102° CONSIGLIO DEI DELEGATI ALTERNATIVA LIBERTARIA/FDCA Domenica 30 settembre  2018 ore 10.00 a Genova  presso il CSOA Utopia Ordine del giorno   1- Relazione della S.N. 2- Relazione del coordinatore del

  • 101° CONSIGLIO DEI DELEGATI ALTERNATIVA LIBERTARIA/FDCA

    101° CONSIGLIO DEI DELEGATI ALTERNATIVA LIBERTARIA/FDCA Domenica  10 giugno 2018 ore 10.00 a Fano presso il Centro Salomone Ordine del giorno 1. Relazione Attivo di Organizzazione 2. Analisi della situazione 3.



 

Newsletter

Forum