Alternativa Libertaria_FdCA

Non morire di lavoro- Comunicato congiunto

L’incidente sul lavoro occorso ad un operaio durante la manutenzione di una caldaia del Carlo Urbani di Jesi, è un fatto grave sul piano umano, sul piano politico e sindacale. Al lavoratore ed alla sua famiglia va tutta la nostra solidarietà. Chi volesse liquidare l’avvenimento con i soliti pretesti legati alla fatalità o all’errore umano, sbaglia. Di fatale in un incidente sul lavoro c’è solo il sistema produttivo di questo paese che taglia la sicurezza, i tempi di lavoro, le garanzie sindacali e salariali in nome del profitto. L’unico errore umano è quello riferito alla classe dirigente di questa regione, e di questo paese, che fetta dopo fetta, privatizzazione dopo privatizzazione, in una foresta di subappalti vari, dove facilmente si insinua il malaffare e il lavoro nero, sta destrutturando il welfare italiano, la sanità pubblica, le garanzie sociali.

Dirigenti sanitari pagati profumatamente dalla collettività da un lato, e lavoratori precari lasciati soli, a gestire situazioni a rischio, dall’altro, vittime di una direzione che taglia il personale, chiude servizi, svende presidi sanitari e prestazioni ai privati. La politica, del governo, del ministero della sanità, dei sindaci, è fatta di annunci, frasi ad effetto, e tante vuote parole che lasciano spazio solo alla rabbia e alla disperazione. Gli sciacalli fascisti, presenti in ogni schieramento, in questo prosperano alimentando la guerra fra poveri, come se le lunghe ore di attesa in un Pronto Soccorso, fossero colpa di malati o migranti, pensionati o disoccupati.

La democrazia e lo stato sociale conquistati con le lotte oggi vengono attaccate: sul lavoro, nei diritti, nelle libertà individuali, nella dignità di vita, creando vittime sul lavoro e in mezzo al mare, alimentando disservizi pubblici e arricchimenti di chi è già ricco.

Tutto questo deve essere contrastato organizzando la lotta e la conquista dei diritti senza cedere alle tentazioni della violenza gerarchica o delle utopie istituzionali, ma utilizzando la solidarietà e la lotta dal basso che le donne e gli uomini di questo paese hanno sempre alimentato come strumento di miglioramento della vita e della società.

FAI – Federazione Anarchica Italiana
       sez. “M. Bakunin” – Jesi
       sez. “F. Ferrer” – Jesi

Alternativa Libertaria / FdCA
       sez. “S. Francolini” – Fano/Pesaro

Gruppo Anarchico “Kronstadt” (senza fissa dimora) – Ancona

About Author

webmistress

webmistress

Related Articles

Ultimo aggiornamento 12/12/2019
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli

  • Dalla stagione delle lotte operaie e studentesche alla strategia della tensione

    Sono passati 50 anni da quel 12 dicembre del 1969, quando a Milano in Piazza Fontana scoppiò una bomba nella Banca Nazionale dell’Agricoltura e fece una strage di vittime innocenti,

  • Eppur la nostra idea….

    La strage di Piazza Fontana arriva con alle spalle un decennio di lotte operaie e giovanili. Un decennio in cui la rabbia delle nuove generazioni operaie, costrette a spostarsi dal

  • La strage è di Stato

     Venerdì 12 dicembre 1969 il giorno della strage di Piazza Fontana. La notte del 15 dicembre l’assassinio di Pino Pinelli. Due date che segnarono in maniera indelebile la generazione che

  • Prima della bomba

    Una breve CRONOLOGIA di avvenimenti che precedono la strage e l’assassinio di Giuseppe Pinelli. 28-29-30 giugno 1960. Genova manifestazioni di protesta per impedire il congresso del Movimento Sociale Italiano, partito

  • Il foglio telematico di Alternativa Libertaria

    In questo numero parliamo di di Piazza Fontana,a 50 anni dalla strage. PER SCARICARLO  PER RICHIEDERLO   Correlati

  • Per un’ecologia radicale all’altezza dell’urgenza

    In un momento storico dove finalmente le mobilitazioni sul clima hanno assunto un carattere globale e di massa, abbiamo ritenuto importante affiancare questo quaderno alla nostra presenza nelle piazze, per

  • Bolivia – No al golpe militare

    Respingiamo l’azione golpista che si sta sviluppando in Bolivia. Sotto la pressione dell’imperialismo, dell’esercito boliviano (erede della dittatura di Hugo Banzer), della estrema destra boliviana, la rinuncia di Evo Morales

  • Sul Cile le dichiarazioni della Federazione Anarchica di Santiago

    Seconda Dichiarazione Sull’esplosione sociale nella regione cilena, la Federazione anarchica di Santiago dichiara: 1- Le crepe del modello neoliberista stanno diventando più grandi, la situazione ha superato tutti i margini

  • Il foglio telematico di Alternativa Libertaria

    In questo numero parliamo di solidarietà internazionale, e potete trovare -Con il popolo cileno, contro la stretta repressiva di Pinera -Dichiarazione di sostegno alle mobilizzazioni del popolo catalano -Contro l’aggressione

  • ANALISI DELLA SITUAZIONE LATINAMERICANA

    America latina, terra indomita e ribelle, erede di secoli di lotte e resistenze, dove la magia invade il realismo, luogo in cui stiamo attraversando una situazione critica in termini ecologici,



 

Forum