Alternativa Libertaria_FdCA

25 aprile –  dalla Sicilia

 Liberiamoci dal fascismo

Liberiamoci dal capitalismo

Non crediamo che la storia si possa ripetere come una fotocopia, però da essa provengono esperienze e insegnamenti utili a comprendere il presente.

Il fascismo è stato una necessità storica del capitalismo per fronteggiare la marea montante delle classi oppresse che non si limitava a chiedere miglioramenti saltuari, ma desiderava un cambiamento rivoluzionario. Alla violenza istituzionale, esercitata con gli strumenti tradizionali (esercito, polizia, magistratura) fu affiancata una violenza politica che in breve simpadronì dello Stato e schiacciò la società sotto il tallone di ferro della dittatura.

Oggi non siamo di fronte ad una minaccia rivoluzionaria, ma il sistema è spaccato e la sua componente più retriva rispolvera il fascismo, il razzismo, lintegralismo cattolico, il sovranismo, per imporre lordine padronale e la precarizzazione del lavoro e della vita.

Anni di attacco liberista alle condizioni di sussistenza della popolazione, di svendita e tradimento delle sue maggiori conquiste, hanno finito per sfiancarla, lhanno disorientata e spinta con le spalle al muro, al punto da predisporla ad accettare false soluzioni allimpoverimento crescente, alla perdita di fiducia nei partiti ma soprattutto in se stessa.

Queste false soluzioni oggi sono propinate da un governo composto da due forze complementari: Lega e Movimento 5 Stelle, che fanno dellodio verso gli immigrati, i rom, i più deboli il loro cavallo di battaglia, sbandierando provvedimenti populisti rivelatisi solo propaganda e aria fritta. Eun governo che fomenta la guerra fra poveri, difende le grandi banche, gli interessi del militarismo nazionale e internazionale, la secolare oppressione della donna, i signori del cemento e della devastazione ambientale e, la cui politica, in quanto a corruzione, furto, demagogia, non si discosta da quella dei precedenti governi. Non esistono partiti verginineanche fra quelli allopposizione del governo Conte: sono tutti complici del capitale, nemici di quel popolo in nome di cui parlano.

Con la Legge Sicurezza, il governo smantella il sistema di accoglienza verso gli immigrati e si prepara a una forte repressione delle lotte sociali (dai pastori sardi ai lavoratori della logistica e dei trasporti, dagli operai delle fabbriche ai precari, ai movimenti territoriali), oltre a intervenire pesantemente contro chi occupa case e spazi abbandonati al degrado.

A supportare questa politica reazionaria ecco il neofascismo odierno, debitamente foraggiato da centrali internazionali e da cartelli locali; esso funge da forza di sfondamento sia sul piano ideologico che sul terreno pratico: nei quartieri aizza la gente contro i più deboli, sinsinua tra le tifoserie sportive, promuove iniziative socialiper accattivarsi simpatie da utilizzare come consenso a pratiche aggressive, maschiliste, razziste, e per far da supporto alle politiche governative di restaurazione dellordine dei padroni e del capitale nella società.

Stiamo assistendo ad un accerchiamento a tenaglia di ogni fermento progressista, libertario, internazionalista, di ogni pratica di rivendicazione di diritti, di ogni spazio di resistenza. La vicenda dei cinque studenti catanesi arrestati è sintomatica di quanto avviene: manette facili per gli antifascisti, impunità per i fascisti.

Noi anarchici crediamo che la cloaca da cui fuoriescono fascismo, populismo, sovranismo e razzismo può essere murata; ogni sincero antifascista deve fare la sua parte, metterci la faccia, alzare la voce, lavorare a costruire una resistenza quotidiana ai soprusi, al patriarcato, alle menzogne della propaganda di regime. Ma soprattutto riteniamo che la lotta al fascismo per essere coerente deve essere anche lotta contro il capitalismo, lo Stato e il principio di Autorità, da sempre incubatori di tutti i fascismi.

Assemblea Anarchica Palermitana

Federazione Anarchica Siciliana

 

 

 

About Author

webmistress

webmistress

Ultimo aggiornamento 8/01/2020
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli

  • Andrò in prigione di nuovo – di Jonathan Pollack

    La prigione del campo di Ofer. Ai colleghi palestinesi non “capitano” le condizioni relativamente favorevoli dei tribunali israeliani. Sono passati quasi nove anni dall’ultima volta che sono stato incarcerato per

  • Arrestato Jonathan Pollack, attivista di Anarchici contro il Muro

    Lunedì 6 gennaio è stato arrestato  Jonathan Pollack,  attivista israeliano. Jonathan è stato uno dei primi refusenik e tra i fondatori di  Anarchici contro il muro. Era stato denunciato da

  • Nicoletta libera subito!

    Il 2019 si chiude con un atto inaccettabile ed inqualificabile come quello dell’arresto di Nicoletta Dosio, l’attivista No Tav condannata perchè durante una manifestazione in Val di Susa aveva aperto

  • RIPARTIRE DALLE LOTTE PER MIGLIORI CONDIZIONI DI VITA PER BATTERE RAZZISMO, FASCISMO, POPULISMO.

    Da sempre la politica parlamentare italiana ha riservato colpi di scena e sorprese, ma questa volta dobbiamo ammettere che il trasformismo espresso nell’ultima crisi governativa ha superato ogni previsione visto

  • Dichiarazione del rilancio del Coordinamento Anarchico Latino Americano (CALA)

    Pubblichiamo a seguire il comunicato delle nostre organizzazioni sorelle latinoamericane. Ricordiamo al pubblico italiano che l’especifismo è la denominazione dell’anarchismo latinoamericano, sviluppatosi autonomamente dalle lotte del sindacalismo rivoluzionario di inizio

  • Dalla stagione delle lotte operaie e studentesche alla strategia della tensione

    Sono passati 50 anni da quel 12 dicembre del 1969, quando a Milano in Piazza Fontana scoppiò una bomba nella Banca Nazionale dell’Agricoltura e fece una strage di vittime innocenti,

  • Eppur la nostra idea….

    La strage di Piazza Fontana arriva con alle spalle un decennio di lotte operaie e giovanili. Un decennio in cui la rabbia delle nuove generazioni operaie, costrette a spostarsi dal

  • La strage è di Stato

     Venerdì 12 dicembre 1969 il giorno della strage di Piazza Fontana. La notte del 15 dicembre l’assassinio di Pino Pinelli. Due date che segnarono in maniera indelebile la generazione che

  • Prima della bomba

    Una breve CRONOLOGIA di avvenimenti che precedono la strage e l’assassinio di Giuseppe Pinelli. 28-29-30 giugno 1960. Genova manifestazioni di protesta per impedire il congresso del Movimento Sociale Italiano, partito

  • Il foglio telematico di Alternativa Libertaria

    In questo numero parliamo di di Piazza Fontana,a 50 anni dalla strage. PER SCARICARLO  PER RICHIEDERLO   Correlati



 

Forum