Alternativa Libertaria_FdCA

Come associazioni, sindacati, realtà politiche e sociali del territorio che hanno a cuore i valori della pace, della giustizia, della solidarietà, uniamo le nostre voci a quanti oggi chiedono l’immediata sospensione dell’aggressione  portata da Erdogan alle popolazioni e all’Amministrazione Autonoma del Nord della Siria. Le milizie popolari curde sono state in prima linea nella difesa contro l’ISIS, ma sono state ripagate con l’esclusione dai tavoli di trattative e ora queste popolazioni vengono abbandonate alla mercè di un regime razzista e autoritario, di cui è stata provata la connivenza con le stesse armate jihadiste.

Erdogan, convinto di poter ricattare i governi europei con il proprio ruolo di carceriere del mediterraneo nei confronti dei rifugiati che i patti scellerati dell’UE gli hanno garantito, sta programmando un genocidio e creando le premesse per l’ennesima catastrofe umanitaria, dopo avere incassato il beneplacito di Trump. Così viene definitivamente tradito quell’alleato scomodo ma a suo tempo fondamentale nello scacchiere medioorientale. Perché il Kurdistan orientale è in questo momento uno straordinario laboratorio sociale dove sta prendendo forma un sistema di autogoverno fondato sul federalismo e sulla democrazia dal basso, sulla pacifica convivenza interreligiosa, una rivoluzione laica, femminista, ecologista e autogestionaria che rappresenta una speranza di pace e sviluppo per i popoli del Medio Oriente e non solo.

E la mano insanguinata del regime turco è armata dalla nostra stessa mano: la Turchia è uno dei maggiori clienti delle armi italiane. Ci uniamo pertanto all’appello della Rete per il disarmo nel chiedere l’immediata sospensione di tutte le forniture di armamenti e sistemi militari al regime di Ankara.

Difendere le comunità del nord della Siria è difendere i nostri valori, le nostre speranze, la nostra dignità civile.

Per questo partecipiamo alle mobilitazioni internazionali di solidarietà contro l’invasione turca e la pulizia etnica contro i curdi nel nord della Siria indette per sabato 12 ottobre.

Rete Jin in solidarietà con le donne curde – Allp – Alternativa Libertaria – Anpi – CGIL Pesaro Urbino e SPI Pesaro Urbino – Comunisti per Pesaro – Donne in Nero – Ass. Giustizia e pace – MIR – Potere al Popolo – UNICOBAS

12 ottobre a Fano  dalle 17 in piazza XX settembre

vol fano 12 ott

About Author

webmistress

webmistress

Ultimo aggiornamento 12/12/2019
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli

  • Dalla stagione delle lotte operaie e studentesche alla strategia della tensione

    Sono passati 50 anni da quel 12 dicembre del 1969, quando a Milano in Piazza Fontana scoppiò una bomba nella Banca Nazionale dell’Agricoltura e fece una strage di vittime innocenti,

  • Eppur la nostra idea….

    La strage di Piazza Fontana arriva con alle spalle un decennio di lotte operaie e giovanili. Un decennio in cui la rabbia delle nuove generazioni operaie, costrette a spostarsi dal

  • La strage è di Stato

     Venerdì 12 dicembre 1969 il giorno della strage di Piazza Fontana. La notte del 15 dicembre l’assassinio di Pino Pinelli. Due date che segnarono in maniera indelebile la generazione che

  • Prima della bomba

    Una breve CRONOLOGIA di avvenimenti che precedono la strage e l’assassinio di Giuseppe Pinelli. 28-29-30 giugno 1960. Genova manifestazioni di protesta per impedire il congresso del Movimento Sociale Italiano, partito

  • Il foglio telematico di Alternativa Libertaria

    In questo numero parliamo di di Piazza Fontana,a 50 anni dalla strage. PER SCARICARLO  PER RICHIEDERLO   Correlati

  • Per un’ecologia radicale all’altezza dell’urgenza

    In un momento storico dove finalmente le mobilitazioni sul clima hanno assunto un carattere globale e di massa, abbiamo ritenuto importante affiancare questo quaderno alla nostra presenza nelle piazze, per

  • Bolivia – No al golpe militare

    Respingiamo l’azione golpista che si sta sviluppando in Bolivia. Sotto la pressione dell’imperialismo, dell’esercito boliviano (erede della dittatura di Hugo Banzer), della estrema destra boliviana, la rinuncia di Evo Morales

  • Sul Cile le dichiarazioni della Federazione Anarchica di Santiago

    Seconda Dichiarazione Sull’esplosione sociale nella regione cilena, la Federazione anarchica di Santiago dichiara: 1- Le crepe del modello neoliberista stanno diventando più grandi, la situazione ha superato tutti i margini

  • Il foglio telematico di Alternativa Libertaria

    In questo numero parliamo di solidarietà internazionale, e potete trovare -Con il popolo cileno, contro la stretta repressiva di Pinera -Dichiarazione di sostegno alle mobilizzazioni del popolo catalano -Contro l’aggressione

  • ANALISI DELLA SITUAZIONE LATINAMERICANA

    America latina, terra indomita e ribelle, erede di secoli di lotte e resistenze, dove la magia invade il realismo, luogo in cui stiamo attraversando una situazione critica in termini ecologici,



 

Forum