Alternativa Libertaria_FdCA

Ancora una volta il popolo catalano è nelle strade. Due anni fa, questo stesso popolo è sceso in strada per difendere una convocazione al plebiscito popolare sull’indipendenza con importanti mobilitazioni. La risposta dello Stato spagnolo è stata la repressione. La reazione popolare: lo sciopero generale indetto da CSC, IAC, CGT, CNT, Solidariphoto_2019-10-27_02-43-06 (1)dad Obrera e altre organizzazioni sociali. Un insieme di organizzazioni anarchice emisero in quei giorni una dichiarazione molto lucida e chiara di questo processo di lotta.

Ora, due anni dopo, lo Stato spagnolo condanna i principali referenti del governo borghese della Catalogna. La repressione è stata la molla che ha mobilitato il popolo catalano contro il governo della monarchia costituzionale spagnola, che ha risposto con una feroce repressione da parte della polizia catalana, i Mossos de Esquadra, noti per la loro brutalità. Le condanne a 12 politici catalani generano inoltre un quadro giuridico repressivo completamente nuovo applicabile a livello generale, dal momento che sono condannati per “sedizione” e in questo modo qualsiasi manifestazione pubblica può rientrarci, pertanto, un regime autoritario è imposto in Catalogna – e in tutta la Spagna – per contenere le proteste sociali. Ecco perché è stata generata una vera situazione di disobbedienza popolare e le strade sono state prese massicciamente dalla gente.

Il problema non è esclusivamente l’Indipendenza della Catalogna o la Costituzione del 1978 e il Patto di la Moncloa, per il quale si creò un ordine politico, giuridico ed economico che ha lasciato intatte le principali sorgenti della dittatura di Franco e ha garantito l’impunità ai genocidi, con il sostegno e l’approvazione della sinistra elettorale. Le mobilitazioni di questi giorni, che mettono ancora una volta sul tavolo le esigenze di lavoro, una migliore istruzione, salute, contro gli sfratti delle case e tutte le affermazioni popolari che sono state sostenute in questo momento, mostrano la stanchezza delle classi oppresse a tanta espropriazione e disprezzo soprattutto dello stato spagnolo – ma anche della borghesia catalana – alle rivendicazioni popolari. A tali affermazioni e mobilitazioni rispondono con la repressione, come sta avvenendo anche in America Latina in questi stessi giorni.

È nell’ambito di questa lotta che i nostri compagni di EMBAT, e buona parte dei militanti di CGT Catalunya, CNT e Solidaridad Obrera di quella stessa regione sono protagonisti e promuovono le mobilitazioni, ponendo al centro della scena temi sociali e popolari e promuovendo lo sviluppo di organizzazioni popolari forti e la mobilitazione di quelli che provengono dal basso. Tutto il nostro supporto e appoggio alle compagne e compagni anarchici, anarcosindicalisti e libertari della Catalogna!

Quella stessa Catalogna protagonista della gloriosa Rivoluzione spagnola e che l’ha espansa attraverso altre regioni di quel territorio attraverso il passaggio della Colonna Durruti, è viva oggi e dice Presente!

Tutta la nostra solidarietà e sostegno al popolo catalano e a tutti i popoli che resistono agli oltraggi, dovunque provengano e combattano per una società diversa.

PER L’AUTODETERMINAZIONE DEI POPOLI

PER LA COSTRUZIONE DEL POTERE POPOLARE !!
PER IL COMUNISMO ANARCHICO !!

¡ARRIBA LOS QUE LUCHAN!

FEDERACIÓN ANARQUISTA URUGUAYA (FAU)

FEDERACIÓN ANARQUISTA DE ROSARIO (FAR) – ARGENTINA

ALTERNATIVA LIBERTARIA/FDCA- ITALIA

UNION COMMUNISTE LIBERTAIRE(UCL) -FRANCIA

GRUPO LIBERTARIO VÍA LIBRE -COLOMBIA

ORGANIZACIÓN ANARQUISTA DE CÓRDOBA -ARGENTINA

COORDENAÇãO ANARQUISTA BRASILEIRA (CAB) – BRASILE

FEDERACIÓN ANARQUISTA SANTIAGO -CHILE

ORGANISATION SOCIALISTAE LIBERTAIRE (OSL)- SVIZZERA

LIBERTÄRE AKTION -SVIZZERA

Ultimo aggiornamento 8/01/2020
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli

  • Andrò in prigione di nuovo – di Jonathan Pollack

    La prigione del campo di Ofer. Ai colleghi palestinesi non “capitano” le condizioni relativamente favorevoli dei tribunali israeliani. Sono passati quasi nove anni dall’ultima volta che sono stato incarcerato per

  • Arrestato Jonathan Pollack, attivista di Anarchici contro il Muro

    Lunedì 6 gennaio è stato arrestato  Jonathan Pollack,  attivista israeliano. Jonathan è stato uno dei primi refusenik e tra i fondatori di  Anarchici contro il muro. Era stato denunciato da

  • Nicoletta libera subito!

    Il 2019 si chiude con un atto inaccettabile ed inqualificabile come quello dell’arresto di Nicoletta Dosio, l’attivista No Tav condannata perchè durante una manifestazione in Val di Susa aveva aperto

  • RIPARTIRE DALLE LOTTE PER MIGLIORI CONDIZIONI DI VITA PER BATTERE RAZZISMO, FASCISMO, POPULISMO.

    Da sempre la politica parlamentare italiana ha riservato colpi di scena e sorprese, ma questa volta dobbiamo ammettere che il trasformismo espresso nell’ultima crisi governativa ha superato ogni previsione visto

  • Dichiarazione del rilancio del Coordinamento Anarchico Latino Americano (CALA)

    Pubblichiamo a seguire il comunicato delle nostre organizzazioni sorelle latinoamericane. Ricordiamo al pubblico italiano che l’especifismo è la denominazione dell’anarchismo latinoamericano, sviluppatosi autonomamente dalle lotte del sindacalismo rivoluzionario di inizio

  • Dalla stagione delle lotte operaie e studentesche alla strategia della tensione

    Sono passati 50 anni da quel 12 dicembre del 1969, quando a Milano in Piazza Fontana scoppiò una bomba nella Banca Nazionale dell’Agricoltura e fece una strage di vittime innocenti,

  • Eppur la nostra idea….

    La strage di Piazza Fontana arriva con alle spalle un decennio di lotte operaie e giovanili. Un decennio in cui la rabbia delle nuove generazioni operaie, costrette a spostarsi dal

  • La strage è di Stato

     Venerdì 12 dicembre 1969 il giorno della strage di Piazza Fontana. La notte del 15 dicembre l’assassinio di Pino Pinelli. Due date che segnarono in maniera indelebile la generazione che

  • Prima della bomba

    Una breve CRONOLOGIA di avvenimenti che precedono la strage e l’assassinio di Giuseppe Pinelli. 28-29-30 giugno 1960. Genova manifestazioni di protesta per impedire il congresso del Movimento Sociale Italiano, partito

  • Il foglio telematico di Alternativa Libertaria

    In questo numero parliamo di di Piazza Fontana,a 50 anni dalla strage. PER SCARICARLO  PER RICHIEDERLO   Correlati



 

Forum