Alternativa Libertaria_FdCA

Solidarietà con il popolo cileno, contro  la stretta repressiva di Piñera!

75388144_446135009360503_713768709272895488_nCome è accaduto negli ultimi anni in diversi paesi della regione, a seguito della crescente e repressiva ondata che colpisce diversi settori delle classi oppresse, vediamo nelle strade  una grande resistenza attiva e popolare.
L’ondata repressiva sembra rispondere, come spesso accade, all’allineamento dei governi con interessi imperialisti. Oltre all’aumento del costo della vita, dell’insicurezza lavorativa, abitativa, della salute e dell’istruzione, del saccheggio di beni comuni, un altro comune denominatore è la repressione selvaggia che gli Stati attuano per frenare le mobilitazioni di massa, in molti casi con l’uso della forza militare.
Oggi possiamo dire che questo è anche il caso del Cile.
Veniamo da decenni di lotta per l’accesso all’istruzione, all’edilizia abitativa, in difesa di stipendi e accordi, per il recupero di territori ancestrali, che hanno visto il protagonismo  di studenti, giovani, portuali, del  movimento delle donne, delle assemblee ambientali e comunità mapuche, tra gli altri.
Oggi la ribellione esplode in modo massiccio contro l’aumento dei trasporti pubblici, contro le misure del governo di Piñera, che non ha esitato a inviare le forze repressive sulla strada – le stesso della dittatura di Pinochet – e limitare ulteriormente i diritti di protesta e la partecipazione politica, imponendo il coprifuoco e portando  morti e feriti in questi giorni di repressione.
Ma anche la resistenza è aumentata e dobbiamo riconoscere come un risultato il fatto che Piñera abbia dovuto cambiare passo.
Proprio come è successo in Ecuador, Haiti, Portorico, dove l’esprimersi del potere popolare è riuscita a frenare l’assalto delle classi dirigenti, speriamo che lo stesso accada in Cile, dove i settori popolari hanno una ricca traiettoria di lotte e resistenza  nel corso della storia.
Riteniamo che questa mobilitazione  avviata da studenti, residenti e altri settori popolari metterà un freno sia alla falce neoliberale che alla persecuzione e repressione che il governo scatena sui poveri.
Come anarchismo organizzato riteniamo che sia di vitale importanza moltiplicare la nostra partecipazione e promuovere attivamente questi processi di resistenza popolare, nati dall’accumulo di tensioni e richieste popolari, orientati a generare obiettivi, strategie e alleanze con diversi settori della classe oppressa.
È una priorità andare oltre e ostacolare qualsiasi tentativo di guidare gli elettori, a cui siamo abituati dai settori del riformismo istituzionalista (che spostano gli interessi della classe oppressa da quelli della borghesia), come hanno provato a fare in Ecuador, dove erano chiaramente esposti e disorientati.E’ all’orizzonte la necessità di uno sciopero generale e una grande mobilitazione per rovesciare la normalizzazione  e la repressione di Piñera. La solidarietà attiva delle organizzazioni popolari in tutto il continente deve essere immediatamente espressa nelle ambasciate, nei consolati e nelle multinazionali cilene con sede nei paesi della regione.
Viva la lotta del popolo cileno!
Abbasso la stretta  repressiva  di Piñera!
Arrivano  quelli che lottano!

¡Viva la lucha del pueblo chileno!
¡Abajo el ajustazo y la represión de Piñera!
¡Arriba los/as que luchan!

ORGANIZZAZIONE ANARCHISTA DI CÓRDOBA
FEDERAZIONE ANARCHISTA DEL ROSARIO
COORDINAMENTO ANARCHISTA BRASILIANO
FEDERAZIONE ANARCHISTA DI SANTIAGO
FEDERAZIONE  ANARCHISTA URUGUAYA
Tags
Ultimo aggiornamento 14/10/2021
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli

  • La pandemia ha accresciuto le disuguaglianze e l’ingiustizia sociale

    «Dove andare, cosa fare con quel bisogno di assoluto, quel desiderio di combattere, quella sorda volontà di evadere malgrado tutto dalla città e dalla vita senza evasione possibile? Ci occorreva

  • il Cantiere

    Numero di settembre de “il Cantiere” raccolta di materiali di intervento dei comunisti anarchici nella lotta di classe In questo numero si parla (titoli in grassetto direttamente leggibili sul sito

  • Indietro nel tempo? non ci provate !!

    Nel 1920 l’ aggressioni squadristiche alle Camere del Lavoro e ai picchetti dei lavoratori in presidio davanti i cancelli delle fabbriche,oggi l’attacco a Roma alla sede della CGIL e a

  • Le donne afghane e i talebani

    RAWA risponde alla presa del potere dei talebani[i] È una stupidità dire che valori come “diritti delle donne”, “democrazia”, “costruzione della nazione” ecc. facessero parte degli obiettivi USA/NATO in Afghanistan!

  • Riduzione dell’orario

       “Venne infine un tempo in cui tutto ciò che gli uomini avevano considerato come inalienabile divenne oggetto di scambio, di traffico, e poteva essere alienato; il tempo in cui

  • il Cantiere

    “Il Cantiere” con questo numero avvia un nuovo percorso. Da aperiodico solo in formato on-line, grazie alla disponibilità del direttore responsabile e alla necessaria registrazione in Tribunale,   prenderà il via

  • Il foglio telematico di Alternativa Libertaria

    In questo numero parliamo di: -85 anni dalla Rivoluzione Spagnola –Costruiamo lo sciopero generale nazionale -G8 di Genova 20 anni dopo PER SCARICARLO  PER RICHIEDERLO     Correlati

  • G8 venti anni dopo

    G8 venti anni dopo La linea d’ombra, questo ha rappresentato il G8 di Genova 2001. Con esso si sancisce apicalità e cesura tragica, almeno in Italia, dell’esperienza costituita dai movimenti

  • 85 ANNI DOPO LA RIVOLUZIONE SPAGNOLA. LE SUE LEZIONI E LA SUA EREDITÀ.

    Il 19 luglio 1936 il popolo  ottenne una vittoria storica contro un colpo di stato militare che si stava sollevando contro il governo e la Repubblica spagnola. L’insurrezione fu un

  • Costruiamo lo sciopero generale nazionale

    Venerdì 9 luglio 2021. La multinazionale GKN comunica via mail alle lavoratrici e ai lavoratori la chiusura dello stabilimento di Campi Bisenzio (Fi). La chiusura comporta 422 licenziamenti in tronco



 

Forum