Alternativa Libertaria_FdCA

Andrò in prigione di nuovo – di Jonathan Pollack

Pollak-arrestLa prigione del campo di Ofer.

Ai colleghi palestinesi non “capitano” le condizioni relativamente favorevoli dei tribunali israeliani.

Sono passati quasi nove anni dall’ultima volta che sono stato incarcerato per più di un giorno o due. Da allora sono cambiate molte cose. Dall’esterno, la realtà politica non è la stessa realtà, e nessuno dei cambiamenti sembra essere in meglio. Il mondo non è affatto interessato alla lotta di liberazione palestinese, un fatto che pone Israele in uno dei picchi storici del suo potere politico.

Non sono la persona giusta per elaborare le trasformazioni che stanno avvenendo nella società israeliana – i liberali lo fanno meglio di me perché il paese gli è caro e si sentono appartenenti a loro in un modo che io non posso e non voglio sentire. Dentro di me sono più vecchio, più stanco e per lo più meno sano. Non sono una vittima, ma il prezzo – sia fisico che mentale – non può essere ignorato nel corso degli anni.

Certo, questo è un prezzo molto più basso rispetto a quello pagato da altri membri, i palestinesi, ma non posso negare né il suo peso soggettivo nella mia vita: dalle ferite fisiche – compresa una certa irreversibilità – e da lì alla disperazione degli episodi, all’ansia, alle esperienze di impotenza, alla perdita e alla morte, e alla morsa di tutto questo nella vita di tutti i giorni.

Eppure, nel profondo, le cose sono rimaste come erano. Anche oggi, come allora, andare in prigione è la scelta migliore da affrontare. Ora sono detenuto perché mi sono rifiutato di collaborare o addirittura di comparire nel mio processo, che si tiene a Gerusalemme davanti a un giudice israeliano, nonostante le proteste in Cisgiordania.

I procuratori di questo processo penale non sono lo Stato, ma l’associazione di destra e i civili che una volta erano poliziotti e soldati. La loro identità può essere interessante a livello di pettegolezzi, ma non importa. Allo stesso modo, non sono importanti neanche le debolezze giuridiche dell’accusa. Probabilmente sarebbe arrivato al processo, sarebbe finito in prigione.

Il mio rifiuto a collaborare con il tribunale deriva da due motivi. Il primo è che i partner palestinesi non “godono” delle condizioni relativamente favorevoli dei tribunali israeliani, ma sono giudicati come soggetti svantaggiati in una farsa giuridica nei tribunali militari. Ai palestinesi non è riservata la possibilità politica di rifiutare di collaborare, poiché la maggior parte di loro viene comunque giudicata quando è in arresto fino alla fine del procedimento. Le pene loro inflitte sono anche molto più severe di quelle previste dalla legge israeliana. Così, anche qui, nonostante il rifiuto di cooperare, il prezzo che pagheranno sarà di gran lunga inferiore a quello che Israele addebita ai palestinesi.

La seconda e più fondamentale ragione è che tutti i tribunali israeliani di ogni tipo, de jure o de facto militari, non sono legittimi quando hanno a che fare con l’opposizione al regime israeliano; un regime ibrido di democrazia imperfetta e discriminatoria nei territori in cui ha applicato la sua sovranità, e una dittatura militare nei territori in cui la detiene la sovranità senza applicarla.

Di fronte alla deriva politica ancora più a destra, il sionista di sinistra sembra essere più che altro occupato a lamentarsi  dell’imminente fine della democrazia israeliana. Ma che tipo di democrazia stanno cercando di proteggere? Quella che per il primo giorno è stata espropriata e che ancora oggi priva i suoi cittadini palestinesi delle loro terre e dei loro diritti e, nella migliore delle ipotesi, li considerano cittadini di tipo D? O forse la democrazia che controlla Gaza attraverso le bombe e l’assedio brutale mentre rafforza un’eccellenza militare in Cisgiordania?

La natura del regime israeliano (e ce n’è solo uno tra il mare e il fiume) è che è impossibile scollegare tra “dentro Israele” e “i territori occupati”. Ma fa in modo che nemmeno il migliore dei liberali sia in disaccordo con la premessa stessa che sta alla base del discorso politico interno israeliano, e riconosca che Israele non è affatto una democrazia. Non c’è mai stata.

Per potersi davvero unire alla lotta per il crollo dell’apartheid israeliano, la minoranza dei cittadini israeliani che lo desiderano deve mettere fine i propri privilegi ed essere pronta a pagare il prezzo della rinuncia. La rivolta al regime va avanti da anni sotto forma di resistenza palestinese, e il prezzo pagato dai suoi membri è enorme.

Per contribuire al cambiamento, gli ebrei devono rinunciare volontariamente al desiderio di guidare e guidare la lotta, sostenendo al tempo stesso la lotta dei palestinesi, non nel cuore ma nella pratica.

Sì, dobbiamo superare i limiti e infrangere la legge; nonostante il costo, dobbiamo unirci ai bambini che lanciano le pietre e le Molotov. Dobbiamo seguirli.

Jonathan Pollack è un designer digitale alla Haaretz

Ultimo aggiornamento 23/01/2020
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli



 

Forum