Alternativa Libertaria_FdCA

L’estrema destra israeliana dietro l’arresto di Jonathan Pollack

Lunedì, gli agenti di polizia sotto copertura hanno aspettato Jonathan Pollack*  sul suo posto di lavoro, Haaretz, e lo hanno arrestato, dopo che lui non si era  presentato alle audizioni del tribunale sul suo caso,  sostenendo di  non riconoscere la legittimità di un sistema che mantiene una “dittatura militare” su ” soggetti che mancano di tutti i diritti democratici di base” in Cisgiordania e Gaza o che sono “cittadini di seconda classe “in Israele. Il suo arresto è stato causato da una denuncia penale privata presentata dall’organizzazione di destra Ad Kan.

Pollak infatti è uno dei tre israeliani citati in giudizio da Ad Kan, un gruppo di estrema destra che si è precedentemente infiltrato e registrato segretamente organizzazioni israeliane per i diritti umani. Il tentativo dell’accusa, il primo nel suo genere, si concentra sulla partecipazione del trio alle proteste contro il muro di separazione della Cisgiordania e accusa gli imputati di “attaccare soldati dell’IDF e agenti di polizia di frontiera”.adKan

L’avvocato Gaby Lasky, che rappresenta i tre imputati, ha invitato il tribunale a respingere quello che ha definito una denuncia penale senza precedenti.

Tentativi di persecuzione privata come questi, in cui un singolo cittadino può presentare una causa penale attraverso lo stato, sono estremamente rari e comportano una gamma limitata di trasgressioni: diffamazione, protezione della privacy o controversie vicine.

Mentre la denuncia di Ad Kan contro Pollak e i suoi co-imputati afferma che hanno attaccato le forze di sicurezza israeliane, non fornisce alcuna prova per dimostrare che erano coinvolti personalmente in un simile assalto. Piuttosto, afferma semplicemente che erano presenti a una manifestazione in cui altri – giovani palestinesi, osserva – hanno lanciato pietre contro i soldati.

Indipendentemente dall’intenzione, questo tipo di crimine è classificato come aggressione aggravata o aggressione a un dipendente pubblico, nessuno dei quali casi  rientra nelle competenze di procedimenti privati come quello portato da Ad Kan. Ciò vale soprattutto per la seconda categoria: solo lo stato può sporgere denuncia per un assalto a uno dei suoi dipendenti. Su questo fronte, l’accusa  di Ad Kan avrebbe dovuto essere immediatamente rigettata   sin dalla sua prima udienza, già dall’anno scorso.Inoltre, i procedimenti su querela  devono anche stabilire che esiste una parte danneggiata e una parte che ha inflitto il danno. Ad Kan non ha fornito queste prove, né ha stabilito nemmeno un tenue legame tra la presenza degli imputati alla manifestazione e le ferite ai soldati. In un’audizione dello scorso dicembre lo stesso giudice  giudice Dov Pollock ha notato la mancanza di prove su cui si basavano le accuse. che ha semplicemente  dato atto delle date in cui gli imputati avevano partecipato alle manifestazioni della Cisgiordania nel corso degli anni: fatti che tutti e tre, tutti aperti alla propria attività politica, non hanno fatto alcuno sforzo per nascondere .A parte i problemi tecnici, la causa di Ad Kan è inquietante per i modi in cui lo stato e i tribunali hanno consentito a un’organizzazione di estrema destra di intraprendere azioni legali contro attivisti di sinistra al fine di dissuadere loro e altri dal protestare contro l’occupazione.

Militanti di Ad Kan erano presenti all’arresto di Jonathan, e la pagina FB dell’associazione suggerisce che si siano coordinati con la polizia,  sostenendo che gli ufficiali avevano “raggiunto Pollak sotto le nostre indicazioni”.

Oltre ad aiutare  l’arresto, Ad Kan ha anche inviato il suo avvocato, Tzur Falk, martedì alla corte del magistrato di Gerusalemme, dove ha chiesto di presentare un ricorso. Sebbene il giudice abbia spiegato che si trattava di un’udienza di detenzione alla quale Ad Kan non aveva motivo di partecipare, Falk ha comunque insistito sul fatto che l’organizzazione voleva stabilire le condizioni di rilascio di Pollak, che possono essere stabilite solo dal giudice.

Nonostante non abbia titolo per  sporgere causa in tribunale, l’organizzazione ha presentato una richiesta scritta affinché Pollak venisse escluso dalla Cisgiordania, che la corte ha respinto mercoledì.

La pagina Facebook di Ad Kan offre un indizio sulle condizioni di rilascio che l’organizzazione sta cercando. Stanno cercando un ordine restrittivo che mantenga Pollak fuori dalla Cisgiordania, impedendogli così di partecipare alle manifestazioni. Questo è un riconoscimento della vera motivazione per questa causa: cercare di impedire agli israeliani di recarsi nei territori occupati e di essere solidali con i manifestanti palestinesi.

In pratica, il modus operandi di Ad Kan funziona in questo modo: l’organizzazione invia i propri militanti a spiare i singoli cittadini, li cita in giudizio, chiede il loro arresto, assiste gli agenti di polizia nell’esecuzione di tale arresto e quindi cerca di stabilire le condizioni di rilascio a nome della corte. Ognuno di questi passaggi  richiede il coordinamento di Ad Kan con i tribunali, la polizia e il procuratore generale, che deve ancora rispondere alla richiesta di Lasky – fatta sei mesi fa – di porre fine al processo. L’ex procuratore generale Michael Ben Yair ha persino definito l’accusa a Pollak un “oltraggio” e “un abuso assoluto dei processi criminali”.Anche se la causa contro Pollak venisse presto respinta, ciò indica comunque un nuovo livello di persecuzione di destra degli attivisti anti-occupazione. Nel momento in cui  l’accusa privata di Ad Kan cadrà, Pollak verrà liberato senza dover chiedere la cauzione o presentare un ulteriore ricorso in tribunale. Fino ad allora, sembra improbabile che si dimetta dal suo rifiuto di riconoscere l’autorità della corte e si prevede che trascorrerà un lungo periodo di tempo dietro le sbarre.

Oren Ziv

https://www.972mag.com/activist-arrest-extreme-right-state/?fbclid=IwAR3QFdpTA0twf71KJU4czV3b_pXyDxJSWDKUbTaytPrsRp58F8ZWiWCd_Oc

* Jonathan è stato uno dei primi refusenik e tra i fondatori di  Anarchici contro il muro, che proseguono ogni venerdì  dal 2003 la lotta nonviolenta contro il Muro che divide i villaggi palestinesi dai loro campi e dalle loro sorgenti a fianco  dei comitati popolari palestinesi.

 

Ultimo aggiornamento 28/03/2020
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli



 

Forum