Alternativa Libertaria_FdCA

#Palestina Israele, report dalla lotta popolare novembre 2019 – gennaio 2020

Bil’in, venerdì 15 novembre 2019, 767° settimana di protesta non violenta contro l’occupazione, il muro di separazione e i coloni.

In un bel mezzogiorno d’autunno 6 israeliani con gli anarchici contro il muro si sono uniti agli attivisti del villaggio.bil'in dicembre 2019
Si sono avvicinati al bosco di quercie di Abu Lamun e hanno marciato da lì cantando verso il cancello nel muro di separazione.
Hanno cantato al cancello, aspettando che i soldati si avvicinassero, ma invano; infatti hanno mantenuto la loro posizione molto lontana sulla collina dall’altra parte del muro e si sono astenuti dal confrontarsi con noi. Dopo un po’abbiamo marciato lungo il muro (cantando di più) fino al punto vicino all’insediamento per affrontare i coloni. Dopo una prolungata discussione con giovani coloni, siamo tornati al villaggio.

Bil’in, venerdì 22 novembre 2019, 768° settimana di protesta non violenta contro l’occupazione , il muro di separazione e i coloni.

In un caldo mezzogiorno d’autunno 6 israeliani con gli anarchici contro il muro e un attivista internazionale si sono uniti agli attivisti del villaggio. Si sono avvicinati al bosco di quercie di Abu Lamun e hanno marciato da lì cantando verso il cancello nel muro di separazione. Al cancello hanno cantato come al solito prima di marciare lungo il muro (cantando di più) fino al punto vicino all’insediamento per affrontare i coloni. Dopo una prolungata comunicazione unilaterale con i coloni lontani, sono tornati al villaggio.

Bil’in, venerdì 6 dicembre 2019, 770° settimana di protesta non violenta contro l’occupazione, il muro di separazione e i coloni.

In un bel mezzogiorno d’autunno 6 israeliani con gli anarchici contro il muro e un attivista internazionale si sono uniti agli attivisti del villaggio. Si sono avvicinati al bosco di quercie di Abu Lamun e hanno marciato da lì cantando verso il cancello nel muro di separazione. Alla porta non c’era nemmeno un soldato, quindi dopo aver cantato come al solito hanno marciato lungo il muro (cantando di più) fino al punto vicino all’insediamento per affrontare i coloni. Dopo una breve comunicazione unilaterale con i coloni lontani sono tornati al villaggio.  Qui il video della manifestazione 

 

Kafr Qaddun, 13 dicembre 2019 771° settimana di protesta non violenta contro l’occupazione, il muro di separazione e i coloni.

Karf QaddunVideo della manifestazione 

Bil’in, venerdì 27 dicembre 2019773° settimana di protesta non violenta contro l’occupazione, il muro di separazione e i coloni.

In un piovoso mezzogiorno invernale 3 israeliani con gli anarchici contro il muro si sono uniti agli attivisti del villaggio.  Si sono avvicinati al bosco di quercie di Abu Lamun e hanno marciato da lì cantando verso il cancello nel muro di separazione. Alla porta, come nelle poche settimane precedenti, i soldati erano assenti, quindi dopo aver cantato un po’ come al solito, hanno marciato lungo il muro (cantando di più) fino al punto più vicino all’insediamento per affrontare i coloni. Sulla loro strada, un’auto blindata con un soldato ha preso posizione sulla collina dietro il muro per monitorarli ma senza riuscire a comunicare.
Dopo una breve comunicazione unilaterale con i coloni lontani sono tornati al villaggio.

 

Bil’in, venerdì 3 gennaio 2020, la 774° manifestazione non violenta settimanale contro l’occupazione, il muro di separazione e i coloni.
Questa protesta di venerdì è stata dedicata in memoria di Zahawir Abu Rahmah, assassinata nella protesta del venerdì di 9 anni fa. bil'in3gennaio
In un soleggiato mezzogiorno invernale 4 israeliani degli anarchici contro il muro si sono uniti agli attivisti del villaggio. Si sono avvicinati al bosco di quercia di Abu Lamun e hanno marciato da lì cantando verso il cancello nel muro di separazione.
Alla porta, i soldati erano di nuovo assenti, quindi hanno fatto un “falò” e hanno cantato per un po ‘. Quindi, come al solito, hanno marciato lungo il muro (cantando di più) fino al punto vicino all’insediamento per affrontare i coloni.
Dopo una comunicazione unilaterale con i coloni lontani sono tornati al villaggio.

 

Bil’in, venerdì 31gennaio 2020, la 778a manifestazione settimanale non violenta contro l’occupazione, contro il  Muro di  separazione e i coloni.

In un  mezzogiorno soleggiato d’inverno 20 attivisti israeliani si sono uniti agli attivisti del villaggio e alle “forze dell’ordine” della regione. Abbiamo raggiunto il centro del villaggio e dopo la preghiera abbiamo marciato verso il cancello del muro di separazione – cantando come al solito ma aggiungendo  richieste di libertà per Jonathan Pollack e slogan contro il piano di Tramps. Abbiamo visto soldati marciare in fila  sulla collina dall’altra parte del muro. Al cancello, siamo rimasti sorpresi che l’apertura non fosse ancora chiusa e dal fatto che i soldati si tenessero defilati  nonostante la grande partecipazione alla manifestazione. Dopo un presidio abbastanza  lungo, l’accensione di un grande falò di auto usate, alcuni che si arrampicano con le bandiere sul muro e pietre lanciate dai bambini, i soldati hanno fatto la loro comparsa, hanno lanciato granate sonore e persino qualche  bomboletta di gas lacrimogeno. Mentre il vento portava la grande nuvola di fumo nero a sud lungo il muro, non potevamo andare come al solito per affrontare i coloni. Dopo di che noi e le due dozzine di operatori dei media abbiamo raccolto il materiale e siamo tornati al villaggio.  https://youtu.be/9U0mi8nVdk8

 

 

Ultimo aggiornamento 28/03/2020
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli



 

Forum