Alternativa Libertaria_FdCA

Ogni tempo è di lotta

“Il primo maggio dovrebbe essere un simbolo di solidarietà internazionale, di solidarietà non limitata ai quadri dello Stato nazionale che corrisponde sempre agli interessi delle minoranze privilegiate del Paese. Tra i milioni di lavoratori che sopportano il giogo della schiavitù, c’è un’unità di interesse, indipendentemente dalla lingua che parlano e dalla condizione sotto la quale sono nati. Ma tra gli sfruttatori e gli sfruttati dello stesso Paese c’è una guerra ininterrotta che non può essere risolta da nessun principio di autorità e si radica negli interessi contraddittori delle varie classi. Tutto il nazionalismo è un travestimento ideologico di fatti veri: può in un dato momento trascinare le grandi masse di persone dietro suoi rappresentanti menzogneri, ma non è mai riuscito ad abolire la brutale realtà delle cose in questo mondo”( Rudolf Rocker, 1936 )

1.-Situazione globale

La pandemia COVID-19 scoppia in un momento di certo indebolimento dell’ultimo periodo della globalizzazione, con forti disfunzioni dei meccanismi di finanza, gestione e comunicazione del sistema capitalistico, una generale messa in discussione dei criteri di gestione del governo, e una crisi di egemonia imperialista con tensioni sempre più profonde tra i grandi blocchi geostrategici.
Nel periodo precedente la crisi sanitaria, i grandi movimenti popolari in alcune aree del mondo si stavano affermando contro il sistema e mettevano in discussione la gestione politica dei blocchi di classe dominanti in ogni formazione sociale insieme alle loro strategie operative. La crisi sanitaria ha colpito molto duramente il sistema di dominio. Questo, essendo un fattore esterno al funzionamento del sistema globale, rivela le prevedibili debolezze e carenze strutturali, strategiche e funzionali del capitalismo globalizzato e accelera il degrado della governance dei popoli.

Per questo motivo, diversi paesi hanno visto i governi, come la Gran Bretagna e gli Stati Uniti, ritrattare il loro piano iniziale: consentire la diffusione dell’infezione e delle morti di massa, al fine di raggiungere l’immunità di gruppo nella popolazione. Questa strategia, insieme al degrado dei sistemi sanitari pubblici e ai colpi più duri inferti ai settori più svantaggiati, avrebbe potuto diventare un vero e proprio genocidio sociale. Rinunciando a questo, si può considerare che le borghesie britanniche e statunitensi hanno fatto politicamente un passo indietro di fronte a ciò che avrebbe potuto provocare un certo grado di disordine sociale.
La crisi sanitaria agisce quindi come un fattore che espone e accresce le debolezze, gli squilibri e i fattori di collasso del sistema e allo stesso tempo costituisce una possibile innovazione sistemica, un nuovo fattore centrale di disfunzione e di blocco. Insomma, la pandemia approfondisce un ciclo di crisi economiche e sociali che stavano già per scoppiare, con una sequenza differenziata nella gestione e nell’uscita dalla crisi sanitaria.

La capacità dei vari blocchi geostrategici di affrontare la situazione e superare questo momento – che può portare alla paralisi dell’economia mondiale – sembra essere diversa. Infatti, l’accelerazione del confronto tra Cina e Stati Uniti e la configurazione del rapporto di forze all’interno del nuovo ciclo potrà portare un attacco senza precedenti, in tutto il pianeta, contro le condizioni di vita delle classi popolari, contro i loro diritti sociali e politici, contro tutti gli elementi di emancipazione che sono stati conquistati e rafforzati, o almeno conservati e mantenuti, durante l’ultimo periodo storico.

Gli interventi per sbloccare e rilanciare l’economia mondiale comportano un’enorme mobilitazione di risorse finanziarie che genererà debito, politiche di austerità, nuove offensive contro il servizio pubblico e un tentativo strategico di aumentare lo sfruttamento, il controllo e il dominio contro le classi popolari.

Va notato come il mercato globale sia chiaramente influenzato da questa crisi economica (sia sul piano materiale che ideologico) e non dobbiamo sorprenderci della regionalizzazione economica di vari Stati e potenze. Nonostante ciò, è necessario considerare che la globalizzazione continuerà ad essere un fattore importante nell’economia mondiale e che la radicalizzazione dello sfruttamento sarà un elemento decisivo della sua configurazione nel prossimo ciclo.

Per quanto riguarda il continente europeo, se si intravede da parte  dell’Eurogruppo un tentativo pur parziale  di allentare le rigidità di bilancio questo avviene all’interno  della cornice consueta, tramite l’aumento del debito e la socializzazione dei costi   (scoporando le spese sanitarie e quelle più direttamente legate all’emergenza COVID 19) per mitigare  gli effetti della crisi economica provocata da quella sanitaria con interventi a sostegno delle economie nazionali. Un intervento tutto all’interno del quadro capitalistico.

Bisognerà contrastare  il prevedibile attacco alle condizioni di vita, ai salari e al reddito delle classi popolari, con l’attuazione di modelli politici di controllo, inquadramento e restrizione degli spazi e modelli di azione degli apparati statali e degli apparati di comando capitalistici. Occorrerà anche contrastare derive autoritarie  e di controllo sociale che stanno pericolosamente avanzando sull’onda dell’emergenza sanitaria e che riducono gli spazi agli interventi sociali  e rivendicativi.

Come in altre parti del mondo, così in Turchia lo scoppio del coronavirus, contestualmente al funzionamento del sistema capitalista e alle errate politiche dello Stato, sta diventando una grave crisi. In questo periodo, in cui tutti i settori della vita sociale sono colpiti, lo Stato ignora coloro che sono a rischio e oppressi a causa dell’epidemia, mentre la sua “lotta” contro l’epidemia consta principalmente di misure indirizzate ai settori più privilegiati della società

A seguito della chiusura di aziende in quarantena e della cessazione delle attività economiche, centinaia di migliaia, milioni di persone vengono licenziate o collocate in ferie non pagate, come risultato della chiusura del commercio nell’ambito delle misure di lockdown e della discontinuità delle attività economiche.

La maggior parte dei lavoratori del mercato che continuano a lavorare durante  l’epidemia e gli operatori sanitari, che hanno un notevole carico di lavoro in questo periodo e devono affrontare la malattia in prima linea, non dispongono di sufficienti dispositivi medici di protezione.

Ancora una volta, ai poteri politici ed economici non importa se le sezioni impoverite sono in grado di soddisfare anche i loro bisogni più elementari. Le campagne lanciate dallo Stato per far sembrare che si preoccupi dei poveri sono finanziate dalle tasse pagate per anni da questi settori sociali. Naturalmente, il lavoro di “carità” non soddisfa i bisogni reali: serve per riprodurre e mantenere le relazioni di dipendenza piuttosto che per eliminare le ingiustizie economiche.

In tali condizioni, affrontando uno Stato ingombrante e ignorante, l’autorganizzazione popolare dal basso, dalle comunità locali, entra in gioco per soddisfare i bisogni vitali durante la crisi pandemica e combattere contro le politiche del governo.

Su scala globale, il livello di indebitamento è più del doppio della produzione mondiale. Questa crisi potrebbe anche servire a liquefare o a rinviare i debiti, o a ridisegnare il grande casinò finanziario internazionale.

L’America Latina sta attraversando una situazione particolare. Paesi con precedenti crisi economiche (come nel caso dell’Argentina), o con rivolte sociali come il Cile, e altri in cui si sono recentemente insediati nuovi governi di destra, come l’Uruguay, hanno tutti caratteristiche comuni. Esempi: l’aumento della precarietà, licenziamenti, domande di assicurazione contro la disoccupazione e la fame che affligge una parte significativa della popolazione. Il Cile e l’Argentina sono in totale quarantena e militarizzazione della vita sociale, così come il Perù e il Paraguay dove si applica il coprifuoco. In Uruguay si applica l’isolamento sociale, anche se non esiste una quarantena obbligatoria e a poco a poco si prevede di riprendere l’attività economica.

In Brasile la situazione si complica ogni giorno di più. Ci troviamo in uno scenario in cui, da un lato, le condizioni di vita diventano sempre più precarie, con la disoccupazione in aumento, il costo della vita in aumento e migliaia di lavoratori informali e autonomi che non possono garantire il loro sostentamento quotidiano e, dall’altro, un governo che si è attivato per rendere più flessibili le misure di isolamento sociale e mettere a rischio la vita di migliaia di lavoratori. Il motivo è che l’economia non può fermarsi, come in diversi paesi della regione.

La formula è semplice. Senza una politica di reddito minimo che garantisca veramente il sostentamento dei disoccupati, dei lavoratori informali e dei lavoratori autonomi in modo che tutti possano rimanere in isolamento sociale, Bolsonaro garantisce alle persone le condizioni per poter scegliere tra rischiare la propria salute o soffrire la fame. Così, è esente da ogni responsabilità, attacca i governatori che difendono la quarantena come misura per evitare il collasso del Sistema Sanitario Unico e crea lo scenario perfetto per continuare con il suo progetto conservatore ultra-liberale. Nella lotta di potere tra i vertici, Bolsonaro promuove il caos e la crisi come tecnica di governo. Per lui la salute e i diritti garantiti non contano neanche un po’, così come non conta il crollo del sistema sanitario pubblico. Non agisce per evitare una crisi sanitaria, sociale o economica, la promuove per governare in modo più efficace e imporre un progetto ultraliberale, conservatore e razzista.

In termini generali, questa crisi ha lasciato il posto a diverse misure populiste da parte di diversi governi, ma quasi tutti applicano una forte politica di destra di repressione e di controllo sociale. In generale, gli utili delle imprese non vengono toccati e inoltre vengono proposte misure che permettono alla borghesia di “riattivare” l’economia nella logica neoliberale. Il debito estero dei Paesi dell’America Latina è destinato ad aumentare, a cui si aggiunge il calo del prezzo internazionale del petrolio che sta colpendo diversi Paesi della regione, tra cui Venezuela, Ecuador, Colombia, Messico, Brasile, ecc. Alcuni di questi paesi hanno già fatto smantellare seriamente il loro settore petrolifero o stanno attraversando vari tipi di difficoltà. Ma in generale i prezzi delle materie prime scenderanno sul mercato mondiale e questo avrà un impatto negativo sulle economie latinoamericane e la crisi ricadrà sulle classi popolari.

D’altra parte, gli Stati Uniti, che con questa crisi hanno gravi problemi interni, non vogliono perdere il controllo del loro “cortile” e cercano di generare e mantenere una certa instabilità politica, economica e sociale nella regione per mantenere la coesione e il controllo sociale. Naturalmente, questo serve anche a diversi governi locali, per lo più allineati con gli Stati Uniti.

È importante osservare quanto sta accadendo in Asia, soprattutto nel caso della Cina e della Corea del Sud, dove vengono applicati meccanismi di controllo sociale estremo, basati sulla tecnologia. Queste società sono diventate immensi panottici, ma dove la sorveglianza è efficace e costante e dove la disciplina sociale è ricercata su larga scala. Questo modello di controllo sociale sembra essere “esportato” nel mondo sotto il titolo “sappiamo come contenere la pandemia”. In realtà, è una ricetta per contenere le popolazioni.

Questa offensiva diffusa è già in corso. Se si confermano elementi di socializzazione delle perdite, essa non potrebbe essere contenuta e regolata, ma più brutale e densa. Tuttavia, l’offensiva sarà dispiegata e con essa la lotta sociale sarà una delle possibili figure che determineranno la situazione. Molte cose dipendono da come il nucleo egemonico delle classi dirigenti valuta il rischio sistemico e le possibilità di esplosione sociale che esso può comportare.

2.-Le sinistre

All’interno di questo quadro prospettico, dobbiamo contemplare la complessità del momento per la sinistra e le possibilità di una certa regressione, sia riformista, sia di intenzione rivoluzionaria, o almeno di conseguenza radicale. Ma senza dubbio si possono aprire possibilità per lo sviluppo di una pratica combattiva militante con un tono liberatorio a livello sociale e una critica radicale del sistema.

Senza caricatura, le forze dominanti nell’ancora cosiddetto spettro della sinistra sono social-liberali / “progressiste”. Ciò non significa che siano semplicemente forze dirette di inquadramento e di intervento al servizio del capitale. Hanno un margine di manovra tattico (o di breve durata) combinato con un ruolo subordinato, con una sottomissione strategica ai movimenti delle classi dirigenti.

Queste forze sanno che se considerano di mantenere permanentemente l’integrazione all’interno dell’apparato statale, all’interno dei centri di potere, compresa la presenza del governo anche se subordinato al diritto, possono scomparire o diventare emarginati all’interno dello spettro politico. Questo è il dilemma della socialdemocrazia europea e dei progressisti latinoamericani, per esempio. Per questo motivo sono in costante accomodamento tra la loro subordinazione strategica e una breve ma obbligatoria sensibilità ai movimenti sociali e all’azione delle diverse forze che superano il social-liberalismo e il progressismo, comprese quelle che rappresentano un progetto di tipo più riformista, dato che intendono mantenere il loro elettorato.

Un’altra caratteristica centrale dell’equilibrio di potere in Europa è l’evoluzione generale della sinistra riformista, che era già in crisi o almeno in squilibrio, prima della comparsa del coronavirus. Queste forze, che vanno da Jeremy Corbyn del partito laburista nel Regno Unito a Pablo Iglesias del partito Podemos in Spagna, sono caratterizzate da un taglio culturale, politico e strategico di tipo statale e governativo. Hanno una concezione politica che vede i mezzi concentrati nell’apparato statale e le possibilità di azione elettorale pubblica come elemento centrale del contropotere contro i blocchi dominanti.

Già prima dell’emergenza COVID appare evidente  la  tendenza alla loro neutralizzazione, assorbimento e disintegrazione da parte dei nuclei del social-liberismo.

Queste sinistre hanno tra l’altro dimostrato di non essere in grado, né sostanzialmente  interessate, a contrastare le  varie formazioni di estrema destra e  il loro  sventurato avanzare nei consensi sociali, neanche da un punto di vista culturale. Non è una novità se si comprende che il fascismo è stato storicamente uno strumento del capitalismo per la sua perpetuazione in tempi di crisi. Per non parlare di proposte di opposizione al neo-liberismo, per non dire rivoluzionarie, completamente dimenticate dal campo di gioco, se non in rare occasioni. È nostro compito ricostruire questo spazio, sia a livello politico che sociale.al.

3.- Elementi di resistenza

Nella situazione attuale, c’è un campo di resistenza, che è complesso, ha forti contraddizioni interne e radici sociali, culturali e politiche diverse. Questo campo integra una diffusa resistenza popolare che sfugge all’apparato politico, sindacale o associativo, che a volte si stabilizza in nuove organizzazioni popolari, in processi di rivitalizzazione di organizzazioni di tradizioni precedenti. Il campo della resistenza comprende correnti e forze provenienti da orizzonti molto diversi da quella che potremmo definire una dinamica libertaria, basata sulla preminenza dell’azione politica popolare.

Il campo di resistenza che confina con la sinistra riformista – con tutte le ambiguità che questo comporta – comprende correnti e organizzazioni di matrice statalista il cui orientamento combattivo (a volte con una base autogestita, autoemancipativa, democratica) è tattico, fragile, e suscettibile di muoversi verso l’autoritarismo.

Siamo una forza di lotta nell’arcipelago delle resistenze e siamo, allo stesso tempo, un patrimonio significativo della proposta di potere popolare, di autogestione e di democrazia diretta, cioè del processo politico di avanzamento permanente verso il comunismo/socialismo libertario. In questa situazione, in cui convergiamo con altre forze in lotta, cerchiamo la costruzione e la dinamizzazione di processi di lavoro politico sempre a partire dalle basi sociali popolari nelle loro pratiche, nelle loro richieste e nelle loro aspirazioni.

Dalle organizzazioni popolari, in base alla nostra capacità di orientare la lotta, promuovendo tutto ciò che accumula l’indipendenza e l’autonomia di classe, costruiamo il potere emancipatorio e promuoviamo il potere popolare che sfugge agli apparati e alle strategie di tipo governativo e capitalistico.

4.- Assi di risposta

-Promuovere e rafforzare gli spazi di solidarietà e di sostegno reciproco delle classi popolari dal livello di vicinato agli spazi internazionali, per rompere la logica che lo Stato ci proteggerà e per generare organizzazione popolare.

-Ristabilire e rafforzare le alleanze strategiche e le lotte con altre organizzazioni politiche e anche a livello sociale. Soprattutto a quest’ultimo livello, con anarco-sindacalismo e sindacalismo alternativo e movimenti per la casa, per i servizi pubblici (salute, istruzione, servizi sociali), antirazzista, femminista, diritti dei migranti, ecologista.

-Preparare, con queste organizzazioni, piani di conflitto a favore delle classi popolari e piani per la lotta di classe  dopo la quarantena (lockdown). Nel frattempo, promuovere azioni che vanno dalle “caceroladas” agli scioperi degli affittuari e altri. Difendere gli spazi di agibilità politica e di autorganizzazione contro le derive autoritarie e liberticide portate avanti sull’onda dell’emergenza sanitaria

-Richiedere le massime condizioni di protezione sul lavoro, in particolare nei settori della salute, dell’alimentazione, dei trasporti e dei servizi pubblici, ecc. Procedere con la denuncia o la paralisi dell’attività.

-Contrastare i discorsi del potere criticando le loro decisioni sbagliate o contrarie alle libertà, ai diritti sociali e alla vita, e i tagli ai servizi pubblici (soprattutto alla salute) che ci rendono più vulnerabili al virus e ne aumentano la mortalità.

-Contrastare il discorso dell’odio delle forze dell’estrema destra, che cercano di dividere le classi popolari attraverso meccanismi di manipolazione di massa.

-Mettere in discussione lo sviluppo produttivista, la devastazione ecologica, il maltrattamento degli animali e l’agricoltura estensiva e industriale In breve, il sistema capitalista.

-Generalizzare il diritto all’astensione dal lavori  in caso di pericolo (oggi) sanitario, utilizzo del diritto di sciopero quando necessario

-Socializzazione dell’industria farmaceutica e del sistema sanitario e di tutti i servizi essenziali

-Riportare nell’orizzonte politico la riorganizzazione della produzione sotto il controllo dei lavoratori

-Rafforzare il coordinamento, il dibattito e il lavoro comune dell’anarchismo organizzato a livello politico, e attraverso il nostro inserimento sociale, promuovere il sindacalismo di classe e altri progetti rivoluzionari a livello internazionale.

PER LE CLASSI LAVORATRICI, TUTTI I TEMPI SONO TEMPI DI LOTTA!

CONTRO L’AUSTERITÀ, COSTRUIAMO POTERE POPOLARE!

PER IL COMUNISMO ANARCHICO, LA VITA E LA LIBERTÀ!

Coordenação Anarquista Brasileira – CAB Federación Anarquista Uruguaya – FAU Federación Anarquista Rosario – FAR (Argentina) Organización Anarquista de Córdoba – OAC (Argentina) Federación Anarquista Santiago – FAS (Cile) Grupo Libertario Vía Libre (Colombia) Union Communiste Libertaire (Francia) Embat – Organización Anarquista (Catalogna) Alternativa Libertaria – AL/fdca (Italia) Die Plattform – Anarchakommunistische Organisation (Germania) Devrimci Anarşist Faaliyet – DAF (Turchia) Organization Socialiste Libertaire – OSL (Svizzera) Libertaere Aktion (Svizzera) Melbourne Anarchist Communist Group – MACG (Australia) Aotearoa Workers Solidarity Movement – AWSM (Aotearoa / Nuova Zelanda) Zabalaza Anarchist Communist Front – ZACF (Sudafrica)primo maggio

Ultimo aggiornamento 18/05/2020
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli

  • A sostegno delle richieste di Grup Yorum

    Per – la  fine delle incursioni della polizia nel Centro Culturale İdil – la cancellazione dalla lista dei ricercati dei membri del Grup Yorum – la rimozione del divieto dei

  • Ogni tempo è di lotta

    “Il primo maggio dovrebbe essere un simbolo di solidarietà internazionale, di solidarietà non limitata ai quadri dello Stato nazionale che corrisponde sempre agli interessi delle minoranze privilegiate del Paese. Tra

  • Dichiarazione di solidarietà con il Rojava di fronte alla guerra e alla pandemia globale!

      COVID-19, che ha messo in quarantena un numero innumerevole di città e ha paralizzato interi settori economici, non ha ancora fermato la continua guerra sporca della Turchia e del

  • Il foglio telematico di Alternativa Libertaria

    In questo numero a tema 25 Aprile parliamo di: -Antifascismo anarchico nella figura di Silvano Fedi -Storie degli anarchi in Spagna biografia di Carlo Castagna -Pandemia capitalista e solidarietà tra

  • I mantovani libertari nella guerra civile spagnola: l’esempio di Carlo Castagna

    Diverse decine di mantovani, negli anni dal 1936 al 1939, decisero di lasciare le famiglie per accorrere alla difesa della Repubblica Spagnola contro il Colonnello Francisco Franco e contro l’espansione

  • Silvano Fedi, un comunista libertario, un partigiano

    Nel 1939 per un giovane liceale non era facile maturare ideali di giustizia e libertà. Il regime fascista era oramai saldamente al potere da 17 anni, sostenuto con un entusiasmo

  • #iorestocittadina/o – 4 punti sulla libertà del gregge.

    #Marche: screening Covid capillare subito # limitazioni prolungate al movimento rischiano ledere diritti civili. #Pianopandemico partecipato, via delega al governatore. #Nodeportazione“100letti” #Ridestinare i fondi agli ospedali ed ai servizi territoriali.

  • Il foglio telematico di Alternativa Libertaria

    In questo numero a tema coronavirus parliamo di: -Sicurezza e lavoro -Capitalismo della sorveglianza -Lotta di classe ai tempi del coronavirus PER SCARICARLO  PER RICHIEDERLO     Correlati

  • EDDI NON SARÀ MAI SOLA

    In questi giorni dominati dal Covid19, è arrivata una notizia che non avremmo voluto ricevere. Maria Edgarda Marcucci, una donna che nel 2017 è andata in Rojava per sostenere la

  • Pandemie, capitalismo e sorveglianza

    Questi ultimi mesi hanno segnato un drastico e assolutamente imprevisto cambiamento di abitudini e innescato scenari inediti con cui tutte e tutti noi stiamo cercando faticosamente di fare i conti.



 

Forum