Alternativa Libertaria_FdCA

Stati Uniti Elezioni

dicembre 15
23:36 2020

Una tesi fondamentale che, un tempo, tutte le varietà di socialisti rivoluzionari e anarchici hanno generalmente
accettato: questo Stato non può essere usato per creare socialismo (comunismo o anarchismo). Deve essere
rovesciato, distrutto e sostituito da forme sociali alternative.
Ora che le elezioni nazionali del 2020 negli Stati Uniti sono passate, penso che sia giunto il momento di
ripercorrere una tesi fondamentale che, un tempo, tutte le varietà di socialisti rivoluzionari e anarchici hanno
generalmente accettato: questo Stato non può essere usato per creare socialismo (comunismo o anarchismo).
Ma prima un commento sulle elezioni presidenziali. Come ho scritto prima delle votazioni: “Anche se sarà bello
vedere andar via il vile Donald Trump, l’elezione di Joe Biden non risolverà davvero “il problema”. “(Price 2020.)
Non uno dei problemi della società capitalista-industriale, che ha portato a Trump in primo luogo.
Supponiamo di pensare che si voglia una nuova società post-capitalista, che non ci accontentiamo di cercare di
migliorare il sistema sociale attuale. Questo può essere per ragioni morali, perché pensiamo che questa società
capitalista sia oppressiva e impedisca il pieno, libero ed equo sviluppo di tutti gli esseri umani. O forse per una
convinzione di necessità, che se non viene sostituita, questa società porterà al collasso economico, a guerre che
porteranno alla guerra nucleare e a catastrofi ecologiche mortali, comprese le pandemie e il riscaldamento globale.
Per una di queste due ragioni, o per entrambe, vogliamo un nuovo sistema sociale, quello che è stato definito
socialismo o comunismo (con una “c” minuscola) o anarchismo. (Non ho intenzione di discutere questa ipotesi in
questo momento).
Affermo qui una tesi fondamentale della rivoluzione e dello Stato (la struttura di base del governo): lo stato –
l’esistente, capitalista, patriarcale, imperialista, statale – non può essere usato per creare una società socialista. Se si
vuole raggiungere il socialismo, questo stato deve essere rovesciato e smantellato e deve essere sostituito con
strutture diverse; nel linguaggio antico, non c’è una strada parlamentare (elettorale) verso il socialismo.
Con “stato” non mi riferisco ad ogni possibile forma di coordinamento sociale, di risoluzione dei conflitti e di
protezione sociale. Lo stato è l’istituzione burocratico-militare-poliziesca della nostra società capitalista, che si erge
al di sopra della società, alienata dalla massa delle persone, e mantiene la struttura gerarchica della “legge e
dell’ordine”. Un tale sistema è esistito attraverso tutte le forme di società di classe, compresa la schiavitù e il
feudalesimo. È stato perfezionato sotto il capitalismo industriale. È un’istituzione per mantenere il dominio dei
pochi, che drenano la ricchezza dal lavoro dei molti. Non può essere usata altrimenti. (Per la discussione sulla
natura dello Stato, cfr. Price luglio 2018; settembre 2018).
Questo non per negare che le riforme possano essere vinte dallo Stato. Soprattutto in tempi di prosperità, i
lavoratori e gli altri possono fare pressione sullo Stato affinché garantisca miglioramenti nella loro vita, salari più
alti, meno discriminazione, la fine di guerre specifiche, un rallentamento del cambiamento climatico, ecc. È per dire
che il cambiamento fondamentale dal capitalismo a una nuova società più umana non è possibile attraverso
l’acquisizione di questo stato.
In una prefazione al Manifesto comunista del 1872, Marx ed Engels scrissero che (contrariamente al loro parere
originale del 1848), “Una cosa in particolare è stata dimostrata dalla Comune [1871 Parigi], cioè che “la classe
operaia non può semplicemente impossessarsi della macchina statale già pronta ed esercitarla per i propri scopi”. ”
(Bender 2013; 48).
L’obiezione riformista alla tesi fondamentale
L’obiezione a questa tesi è che lo stato non è monolitico. Esso ha parti e sottosistemi in conflitto; questi riflettono
gli scontri nel resto della società.
I liberali e i socialisti riformisti sostengono che la classe operaia e gli oppressi possono usare queste contraddizioni
interne per promuovere i loro interessi. Questo è particolarmente vero, presumibilmente, sotto il sistema della
democrazia
rappresentativa. Il popolo può usare la sua forza numerica per votare i rappresentanti e le politiche che vuole.
Usando i loro numeri, possono votare per cambiamenti che vanno nella direzione del socialismo. Infatti, i governi
hanno (sotto la pressione popolare) concesso riforme alle classi lavoratrici e agli oppressi – come ho ammesso io
stesso -. Questo dimostra che la classe operaia può esercitare la macchina statale già pronta per i propri scopi?
In risposta, si può sottolineare che la gestione di qualsiasi impresa capitalista ha conflitti interni.

Tra questi vi sono differenze tra i top manager su come trattare i loro lavoratori. Se i lavoratori
chiedono, ad esempio, una retribuzione o condizioni migliori, alcuni manager potrebbero essere disposti a
concedere concessioni. Altri saranno inclini a combattere contro di loro, con le unghie e con i denti. I lavoratori
possono fare pressione sui capi, con scioperi, boicottaggi o altri mezzi. A volte i lavoratori possono riuscire ad
ottenere le loro richieste. Questo non minimizza il ruolo del management di agente del capitale e nemico dei
lavoratori. Lo Stato dovrebbe essere visto come la gestione capitalistica collettiva della società, non come neutrale
tra i lavoratori e i ricchi dell’azienda.
Nel frattempo, coloro che tentano di cambiare lo stato dall’interno, correndo alle elezioni e ricoprendo posizioni di
governo, ne saranno colpiti – corrotti. Il solo fatto di correre per vincere alle elezioni significa che non si può
sollevare un chiaro programma rivoluzionario. Tentare di conquistare la maggioranza degli elettori richiede di fare
appello a persone che sono ancora sotto l’influenza della propaganda e dell’ideologia capitalista (tranne che durante
una situazione rivoluzionaria vera e propria). Il programma rivoluzionario dovrà essere modificato e compromesso.
E una volta eletti al potere, i rivoluzionari dovranno gestire uno stato capitalista e
gestire un’economia capitalista. Come potrebbero farlo senza compromettere il loro attuale programma?
Anche lo Stato più democratico, controllato dal popolo (che non sono gli Stati Uniti!) esiste nel contesto di
un’economia capitalista. Questa economia non è affatto democratica, né pretende di esserlo (la sua
razionalizzazione ideologica è che esprime “libertà”). Dai negozi più piccoli alle semi-monopolistiche
multinazionali, queste sono istituzioni autoritarie, con controlli che vengono solo dall’alto. I dipendenti seguono gli
ordini. Il popolo può eleggere chiunque voglia al governo,
ma non ha alcun controllo reale sulle decisioni prese dall’industria automobilistica, dai produttori di acciaio, dagli
imprenditori della Silicon Valley, dai produttori di computer, dalle compagnie aeree, dall’agroalimentare, ecc.
Questi, a loro volta, si può dire che sono dominati dal mercato, che nessuno controlla.
I due partiti americani si muovono su fiumi di denaro. Senza soldi non possono fare appelli “democratici” agli
elettori. Immaginare che anche il politico più “progressista” possa candidarsi ad alte cariche, senza un sacco di
soldi, da parte dei grandi donatori (insieme a tutto quello che possono ottenere dai piccoli donatori) è assurdo.
Questi grandi donatori potrebbero essere dell’ala più “progressista” della classe capitalista (per il diritto all’aborto e
per un ragionevole programma di immigrazione, per esempio) ma sono comunque per… il capitalismo e non
sosterranno un programma di espropriazione.
Ma supponiamo che un partito rifiuti tutti i grandi donatori e riesca comunque a farsi eleggere (come è successo in
altri paesi con i partiti socialisti)? Una volta eletti, hanno il compito di gestire uno stato in un’economia capitalista.
Se sono troppo benevoli verso la classe operaia, i capitalisti si opporranno. Non solo verseranno denaro nelle casse
dei partiti conservatori, ma faranno uno “sciopero del capitale”. Smetteranno di investire, manderanno i loro soldi
all’estero, licenzieranno un gran numero di lavoratori e saboteranno l’economia. Grandi parti dello Stato saranno
dalla parte del grande capitale: burocrati, funzionari pubblici, agenzie di intelligence, forze di polizia e militari.
Questi saboteranno anche le politiche dei socialisti.
Allora il governo socialista eletto si troverà in un dilemma. Se proseguiranno con il loro programma di riforma
socialista, i capitalisti faranno sì che l’economia si inaridisca. Allora gli elettori si rivolteranno contro di loro, non
solo la classe media ma anche i lavoratori. Potrebbero andare oltre e socializzare le imprese private, ma questo è per
entrare in politiche rivoluzionarie
per le quali non sono preparati. Potrebbero perdere le prossime elezioni. Oppure possono tirarsi indietro, di fronte a
tale ostruzione. Se rimangono fedeli alle proprie idee, i capitalisti potrebbero sentirsi spinti a liberarsi della
democrazia rappresentativa per un certo periodo: creare bande fasciste, scatenare l’isteria di massa per motivi
sessuali, razziali o nazionalisti, cancellare le elezioni e chiudere i media socialisti. Infine, possono invitare una
qualche combinazione di fascisti e militari a fare un colpo di stato.
È tutto frutto della mia immaginazione? Tutte queste cose sono state fatte e rifatte, dalla fondazione del movimento
socialista ad oggi. Mi stupisce quanto spesso leggo teorici socialisti (non nuovi attivisti ma radicali di lunga data)
che non sembrano aver considerato la storia del riformismo socialista.
Anche nel periodo più recente c’è stata l’elezione dei socialisti di Mitterand in Francia nel 1981.
Questa si concluse dopo che i capitalisti fecero uno “sciopero”, costringendo il governo ad adottare un programma
di austerità – e alla fine ad essere bocciato senza creare “socialismo”. O considerare
il governo di unità popolare di Allende del 1970 in Cile. Con l’aiuto dell’imperialismo statunitense, i militari
rovesciarono e uccisero Allende, creando una dittatura terroristica. Oppure l’elezione del 2003 del Partito dei
lavoratori di Lula in Brasile, che alla fine è stato costretto a lasciare il suo incarico attraverso il sistema giudiziario e
le elezioni. O il governo SYRIZA in Grecia del 2015, che avrebbe evitato tutti gli errori dei riformisti
socialdemocratici. Finì per essere travolto dalle banche e dai governi europei, fino a quando capitolò a destra e poi
perse le elezioni. Potrei fare molti altri esempi. In un modo o nell’altro, i tentativi dei partiti socialisti di farsi
eleggere per gestire governi ed economie capitaliste non hanno funzionato.
Correre alle elezioni?

Dalla tesi fondamentale, gli anarchici traggono la logica conclusione di non partecipare alle elezioni. Nel 1910,
Peter Kropotkin scrisse: “Gli anarchici si rifiutano di essere un partito dell’attuale organizzazione statale e di
sostenerla infondendovi sangue fresco. Non cercano di costituire e invitano i lavoratori a non costituire partiti
politici nei parlamenti. Di conseguenza… si sono sforzati di promuovere le loro idee direttamente tra le
organizzazioni sindacali e di indurre questi sindacati a una lotta diretta contro il capitale… .”. (Kropotkin 2014; 165)
Questa non è stata la conclusione di Marx. Dopo la Comune di Parigi del 1871 (e la citazione sullo Stato citata in
precedenza), Marx ed Engels raddoppiarono i loro sforzi per far sì che la Prima Internazionale formasse partiti
operaio in ogni paese europeo, si candidasse alle elezioni e cercasse di prendere il controllo dei loro governi. In
realtà, la scissione della Prima Internazionale, tra Marx e gli anarchici di Michael Bakunin, era su questo punto.
A quanto pare Marx non si aspettava che questi partiti operai si impadronissero pacificamente e legalmente della
maggior parte degli Stati capitalisti europei (che a quei tempi erano anche semifeudali).
Ma pensava che sarebbero stati in grado di fare propaganda rivoluzionaria e di costruire la forza dei lavoratori
organizzati e dei loro alleati. Il problema era che in pratica era impossibile tenere separate queste due prospettive:
costruire partiti elettorali con l’obiettivo di prendere il controllo degli stati capitalisti e costruire partiti elettorali con
l’obiettivo di rovesciare questi stati.
In realtà, Marx ed Engels ipotizzavano che i partiti operai potessero legalmente prendere il controllo di alcuni stati,
in particolare la Gran Bretagna e gli Stati Uniti. Di solito aggiungevano che si aspettavano che ciò fosse seguito da
tentativi di controrivoluzione da parte dei capitalisti,
come era successo negli Stati Uniti, quando Lincoln fu eletto e gli schiavisti si erano ribellati, scatenando una
feroce guerra civile. Tali credenze rendevano difficile distinguere tra l’elettoralismo “rivoluzionario” e quello
riformista.
Il marxista David Fernbach scrive: ” …I marxisti rivoluzionari e i riformisti ‘politici’ erano uniti dall’accordo sulla
priorità tattica immediata – la necessità di costruire il movimento operaio nell’arena elettorale. L’etichetta di ‘Social
Democracy’ ha così nascosto fin dall’inizio la questione cruciale che divideva i rivoluzionari dai riformisti, e né
Marx né Engels si sono mai resi pienamente conto della natura dei partiti a cui davano la loro benedizione”.
(Fernbach1992; 58)
Come sappiamo, i partiti socialdemocratici che si ispirarono a Marx ed Engels diventeranno burocratici e riformisti,
sostenendo per lo più i “propri” governi imperialisti nella prima guerra mondiale, opponendosi in seguito alle
rivoluzioni russa e tedesca, non resistendo all’ascesa del fascismo, e sostenendo gli imperialisti occidentali nella
guerra fredda. Dopo la seconda guerra mondiale hanno abbandonato ogni pretesa di sostenere una nuova società
chiamata “socialismo”.
(Percorsi simili possono essere tracciati per i partiti euro-comunisti e anche per i partiti verdi).
Cosa sostituirebbe questo stato?
Implicita nella tesi fondamentale sullo Stato e la rivoluzione è la questione di cosa sostituirebbe lo Stato. Quali
sarebbero le “istituzioni alternative” che una rivoluzione stabilirebbe quando si rovescia lo Stato capitalista?
Coloro che oggi si considerano marxisti rivoluzionari, l’alternativa che di solito propugnano è un nuovo Stato che si
suppone rappresenti il governo della classe operaia. Si tratterebbe di un regime centralizzato, burocratico, dall’alto
verso il basso, con polizia e militari specializzati. Sarebbe gestito da un unico partito politico centralizzato, dall’alto
verso il basso, la cui ideologia diventerebbe l’idea ufficiale di tutta la società. Questo Stato centralizzato sarebbe
proprietario delle parti principali del commercio, dell’industria e della terra. Qualunque siano le loro intenzioni
soggettive, in pratica la leadership diventerebbe una nuova classe dirigente e l’economia sarebbe meglio descritta
come capitalista statale. Dubito che questo sia ciò che Marx aveva previsto. Ma finora è stato il risultato di ogni
rivoluzione marxista di successo (fino a quando i capitalismi di stato non sono crollati di nuovo nelle forme
capitalistiche tradizionali).
Gli anarchici vogliono sostituire lo Stato con una federazione di consigli di lavoro, assemblee comunitarie, industrie
autogestite e altre associazioni di volontariato. Ci sarebbe una popolazione armata (il significato originale di
“milizia”) finché ce ne sarà bisogno. Alcuni marxisti di tendenza libertaria e umanistica propongono anche un
sistema simile alla Comune di Parigi, estremamente democratica, o ai Soviet originari (consigli) della rivoluzione
russa. In ogni caso, più e più volte le rivoluzioni hanno lanciato tali forme popolari di democrazia diretta e le hanno
associate come alternative allo Stato.
“Dalle guerre contadine in gran parte medievali della Riforma del XVI secolo alle moderne rivolte dei lavoratori
industriali e dei contadini, i popoli oppressi hanno creato le proprie forme popolari di associazione comunitaria –
potenzialmente l’infrastruttura popolare di una nuova società – per sostituire gli stati oppressivi che li hanno
dominati… Nel corso delle rivoluzioni, queste associazioni hanno assunto la forma istituzionale di assemblee locali,
come le assemblee cittadine, o i consigli rappresentativi di deputati con mandato revocabile… [con sede in] reti di
comitati e assemblee… .”. (Bookchin 1996; 4-5).

Riformismo anarchico
Tutti gli anarchici rifiutano di usare lo Stato per cercare di creare una nuova società. Vogliono che lo Stato se ne
vada e che al suo posto ci sia un nuovo sistema di associazione volontaria. Ma molti anarchici possono ancora
essere considerati “riformisti”. Non accettano tutte le tesi fondamentali.
Non credono che uno degli obiettivi principali della strategia anarchica debba essere quello di rovesciare,
distruggere e liberarsi attivamente dello Stato; che questo richieda uno scontro rivoluzionario, a un certo punto, con
le forze dello Stato.
Per esempio, l’anarchico Kevin Carson scrive: “Vogliamo costruire una contro-economia… lasciando le
multinazionali morire sulla vite insieme allo stato… . La soluzione non è quella di impadronirsi dello stato, di
prendere il controllo delle gerarchie… né di spostare la classe dirigente esistente… . L’unica soluzione è quella di
staccarsi dal loro dominio, di scavalcarli, … di costruire una nuova società in cui non sono più necessari”.
(Massimino & Tuttle 2020; i-ii) C’è anche una tendenza tra certi marxisti libertari-autonomi per una strategia di
“esodo”. Si tratta di una proposta simile per “ritirarsi” dal capitalismo, dallo statalismo, dalla società e creare un
mondo nuovo.
Carson e altri socialisti libertari di questo tipo hanno offerto preziose intuizioni sulla società capitalista-industriale e
su ciò che potrebbe sostituirla. Ma sottovalutano la misura in cui lo stato e l’economia capitalista sono intrecciati.
Sanno che non possono prendere il controllo dello Stato, anche il più democratico. È un’istituzione del sistema
capitalista e profondamente radicata in esso.
Ma pensano di potersi organizzare all’interno del mercato esistente, costruire una “controeconomia”, e “bypassare”
l’economia aziendale. Ahimè, il mercato è anche un’istituzione capitalista (!). Ha molti modi per far sì che le piccole
imprese alternative “appassiscano sulla vite”.
Inoltre, ha molti modi per cooptare imprese alternative e per integrare quelle di successo nell’economia esistente.
Questo è stato fatto ripetutamente con le cooperative di produttori e consumatori, che sono state portate nel sistema,
ma ai margini. Non sono mai una minaccia per le grandi imprese. E se lo fossero, lo Stato interverrebbe, mettendo
fuori legge le imprese “pericolose”, magari aggiungendo nuove norme e tasse per schiacciarle. Non sono contro
l’organizzazione della comunità, né contro la costruzione di cooperative e attività alternative, che possono essere
buone di per sé e non hanno bisogno di essere giustificate. Ma come strategia per “costruire una nuova società” da
sola, è una fantasia. No, non vogliamo “impadronirci dello Stato”, ma rovesciarlo e smantellarlo. Non c’è alternativa
alla rivoluzione.
(Sostenere la rivoluzione non è un appello alla violenza e allo spargimento di sangue, come spesso si accusa.
Quanto violenta o non violenta sia stata – o sarà – una rivoluzione dipende da molti fattori. Sarebbe meno violenta
se la maggioranza della popolazione fosse unita e impegnata, se i ranghi delle forze armate – figli e figlie del popolo
– fossero stati convinti, se la minoranza al potere fosse isolata, e se fosse demoralizzata da rivoluzioni riuscite
altrove e incline ad arrendersi).
Conclusione
Quella che ho chiamato una tesi fondamentale è, per ripetere, che questo stato capitalista non può essere usato dagli
sfruttati e dagli oppressi per creare una nuova società non capitalista. Deve essere rovesciato e distrutto, e sostituito
da istituzioni alternative.
In alcune versioni, questa tesi è stata centrale nei programmi degli anarchici rivoluzionari, da Bakunin e Kropotkin
ai comunisti-anarchici e agli anarcosindacalisti. È stata sostenuta da Marx e dai primi marxisti, e cresciuta da V.I.
Lenin (soprattutto nel suo Stato e Rivoluzione) e da Leon Trotsky. Fu sostenuta dai marxisti libertari-umanisti-
autonomi (che respinsero l’elettoralismo di Lenin).

Naturalmente i liberali non accettano la tesi, poiché non credono che sia necessaria una società totalmente nuova.
Sono contenti di tentare di usare lo Stato per migliorare le condizioni della gente – cosa che sta diventando sempre
più difficile man mano che il capitalismo continua il suo declino a lungo termine. Anche i socialdemocratici (o
“socialisti democratici” – più precisamente i socialisti riformisti dello Stato) non accettano la tesi. Essi credono che
lo Stato esistente possa essere trasformato in uno strumento della classe operaia e degli oppressi – nonostante i
ripetuti fallimenti di tali tentativi. Diversi anarchici, da Proudhon ad oggi, hanno anche respinto la necessità di
affrontare e rovesciare lo Stato. Essi pensano di poter creare una controsocietà che possa sostituire pacificamente e
gradualmente il capitalismo e lo Stato. Sottovalutano l’ubiquità dello Stato nella società.
Ciò che è più strano è il modo in cui i militanti che si definiscono socialisti rivoluzionari (marxisti, leninisti, maoisti
o trotzkisti) “dimenticano” la tesi non appena alcuni radicali vengono eletti al governo. In Grecia esultano per
SYRIZA, insistendo sul fatto che non è come i partiti socialdemocratici. Si sono scatenati per il regime venezuelano
di Hugo Chavez, anche se gestiva uno Stato capitalista con le sue forze armate non riformate (il che non significa
negare la necessità di difendere il popolo venezuelano dall’aggressione degli Stati Uniti).

Quando i “socialisti democratici” statunitensi hanno avuto successo nel Partito Democratico e nel governo nazionale (Bernie Sanders,
Alexandra Ocasio-Cortez e altri), sono diventati soldati di fanteria del Partito Democratico capitalista. Sono stati
coinvolti nell’organizzazione interna di uno dei due partiti dell’imperialismo statunitense.
La loro motivazione principale è la mancanza di fiducia nella classe operaia – la possibilità di una rivoluzione da
parte della classe operaia e di altre persone oppresse. Tale scetticismo è comprensibile, soprattutto negli Stati Uniti
conservatori. Tuttavia, raramente c’è stato un periodo in cui la società fosse più instabile, in cui le credenze
politiche accettate fossero così messe in discussione e in cui la popolazione fosse meno quieta. Le persone di
colore, le persone della classe operaia, le donne, i giovani, le persone LGBTQ e molti altri sono insoddisfatti e
cercano risposte.
Non si fa loro alcun favore promuovere la menzogna che le elezioni in questo Stato possano portare a una società
migliore.

About Author

Orange Themes

Orange Themes

Related Articles

Ultimo aggiornamento 24/01 /2021
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli

  • Gruppo Stellantis

    A fronte dei processi  di ristrutturazione capitalistica a garanzia e difesa del loro profitto, necessita sempre più la lotta internazionalista della classe lavoratrice.  di Cristiano Valente Articolo de “il Cantiere”

  • il Cantiere

    Numero di gennaio de “il Cantiere” raccolta di materiali di intervento dei comunisti anarchici nella lotta di classe In questo numero si parla –Anno passato -Un appello da respingere –Gruppo

  • Gli anarchici e l’occupazione delle fabbriche del 1920

    Evento on line in collaborazione con Il venerdì Libertario  venerdì 29 GENNAIO 2021 alle 18:00 Per seguire https://www.gotomeet.me/Movimento13Gennaio   – Incontro con Adriana Dadà Nella primavera/estate del 1920 si combatte in molte

  • Stati Uniti: Il sistema ha funzionato? Conseguenze delle elezioni del 2020

    Liberali e altri dichiarano che la sconfitta di Donald Trump e dei suoi tentativi di colpo di stato dimostrano che “il sistema funziona”, che gli Stati Uniti hanno una “democrazia”

  • Ci lasciamo alle spalle un anno drammatico

    Pandemia e crisi economica hanno scosso violentemente il sistema. I dati sono noti, morti, sofferenze che investono larghe fasce di popolazione e una situazione economica che richiama alla memoria i

  • Il Capitalismo della sorveglianza

    Rimandato a venerdì 5 febbraio 2021 sempre alle ore 18.30 Incontro Online di approfondimento 22 gennaio 2021, ore 18.30 https://www.gotomeet.me/Movimento13Gennaio Ora più che mai sono evidenti i risultati politici e

  • Il foglio telematico di Alternativa Libertaria

    In questo numero parliamo di: -Pandemia e mutualismo -Risposta di lotta alla crsi -Solidarietà a Abtin Parsa PER SCARICARLO  PER RICHIEDERLO     Correlati

  • 108° CONSIGLIO DEI DELEGATI ALTERNATIVA LIBERTARIA/FDCA

    si è tentuto 20 dicembre alle ore 10.30, in via telematica, il 108° Consiglio dei delegati di Alternativa Libertaria/FdCA con all’odg: 1) Relazione della Segreteria Nazionale 2) Relazione della Commissione

  • Tre linee di risposta

    A quasi un anno dall’inizio ufficiale della pandemia ormai è evidente che l’emergenza assume caratteri cronici, e che le modifiche che il nostro modo di vivere subirà diventeranno strutturali. Come

  • Pandemia e Mutualismo

    Sono ormai nove mesi che le vite quotidiane di ognuno di noi sono scandite dai numeri di decessi, di ospedalizzati e di positivi causati dal Covid-19. Mesi terribili durante i



 

Forum