Alternativa Libertaria_FdCA

Pandemia e crisi economica hanno scosso violentemente il sistema. I dati sono noti, morti, sofferenze che investono larghe fasce di popolazione e una situazione economica che richiama alla memoria i peggiori anni del dopo guerra. Eppure c’è chi parla di virtuosa risposta italiana alla pandemia, e chi a fronte del Recovery Plan disegna una Europa che ha riscoperto il valore sociale della solidarietà.

La memoria è corta e il gran parlare che si è fatto nei primi mesi dell’epidemia, dei tagli alla sanità pubblica operati con zelo bipartisan dai governi di centro destra e di centro sinistra, sono spariti dal dibattito politico. L’aziendalizzazione della sanità pubblica, la ridefinizione degli ospedali secondo fasce di specializzazione, la riduzione dei posti letto, l’assenza di una efficace medicina di prevenzione, hanno trovato nelle forze politiche che alternativamente hanno governato in Italia negli ultimi decenni, gestori burocratici che nel migliore dei casi hanno privilegiato il “profitto” aziendale, quando non hanno operato direttamente al potenziamento della sanità privata o peggio alimentato il malaffare. Una autocritica che non sentiamo e che là dove viene evidenziata si limita ad essere evocata. Emblematico lo stesso atteggiamento delle grandi organizzazioni sindacali che da un lato hanno condiviso la riorganizzazione degli ospedali in base alla intensità di cura e dall’altro si sono limitati a petulare ai governi succedutesi in questi anni una riorganizzazione della sanità territoriale. Come saggiamente suggerisce l’arguzia popolare, tra il dire e il fare…..

Se si fa una scelta di campo, ovvero se la difesa delle condizioni di vita delle lavoratrici, dei lavoratori e dei ceti impoveriti dalla crisi economica è l’obiettivo dell’agire politico e sociale, non basta elencare i problemi, né basta scaricare le responsabilità sui sovranisti, sull’Europa, sul capitale, etc….; occorre rispondere organizzando le forze disponibili e agire con determinazione e intransigenza mettendo in campo iniziative e lotte unitarie e incisive.

Significa per esempio uscire dall’ambiguità di chi sostiene la centralità della sanità pubblica e contemporaneamente sostiene l’utilizzo del privato sociale in questo settore, o di chi, come ad esempio le organizzazioni sindacali confederali, non solo non contrasta il diffondersi della sanità integrativa, ma attraverso la contrattazione sindacale ne fa un asse dei rinnovi contrattuali (welfare aziendale).

Analogamente sulla risposta che l’Europa sta dando sul terreno delle risorse economiche da mettere in campo per rispondere alla crisi economica che il blocco della produzione ha determinato, si assiste ad un florilegio di entusiasmi che tendono ad accreditare un’Europa solidaristica che archivia il rigorismo monetario degli ultimi decenni. La realtà ha ben altri contorni: la pandemia è probabile che abbia accelerato alcuni processi già in atto che investono la ridefinizione delle sfere di controllo dei mercati e in sostanza acuiscono lo scontro interimperialista in cui l’Europa cerca di giocare la propria partita per inserirsi nel bipolarismo Usa – Cina.

In questa situazione complessa e drammatica si inserisce la crisi di governo.

Una ennesima occasione, per chi ancora a parole si posiziona nella sinistra o più genericamente nel campo progressista, per trovare alibi alle proprie inadeguatezze e alle proprie alchimie di mediazione politica.

Dopo decenni di anti-berlusconismo, non vorremmo davvero assistere ad un periodo di anti-renzismo. L’appello che forze politiche e sindacali hanno sottoscritto a sostegno del governo Conte precede e riecheggia quello che il Presidente del Consiglio ha sostenuto alla camera dei deputati e al senato nella comunicazione per la richiesta di fiducia. Un appello alle forze liberali, popolari e socialiste che stanno alla base della repubblica costituzionale, quelle stesse forze che hanno governato dal dopo guerra ad oggi; partiti e componenti ideali che hanno permesso la continuità della burocrazia fascista, la liberazione dei gerarchi e l’arresto dei partigiani, che hanno permesso decine di eccidi per mano della polizia di operai e contadini che lottavano per i loro diritti, che ha permesso lo stragismo degli anni 70 e 80 attraverso gli apparati dello stato e foraggiando la mano d’opera fascista, le stesse forze che sono responsabili della crescente divaricazione sociale che condanna alla povertà assoluta circa cinque milioni di persone di cui oltre un milione e centomila minori.

Il presidente Conte, nella sua prolusione al dibattito sulla fiducia, incorniciata dalla “migliore” retorica riformista ha evocato l’uguaglianza nella duplice veste formale e sostanziale, richiamando peraltro un concetto che è espressamente enunciato nell’articolo tre della Costituzione, ovvero un concetto che dovrebbe guidare da oltre settanta anni l’azione economica e sociale nel nostro paese.

Il problema sta proprio qui: l’uguaglianza sostanziale è un concetto che se  posto all’orizzonte dell’agire assume il ruolo feticcio, da utilizzare come carota davanti all’asino.

Difatti ad ulteriore conferma del vuoto programmatico che sta dietro queste enunciazioni c’è  l’assenza di qualsiasi provvedimento che provi a ridisegnare la redistribuzione della ricchezza in Italia, tant’è  che nell’ultima discussione sul bilancio annuale 2021 è stata accantonata anche la timida proposta di bandiera di patrimoniale fatta da LEU unitamente all’intera questione dell’evasione fiscale.

Nella attuale situazione politica e sociale è urgente ridefinire gli schieramenti.

Il liberismo, il cattolicesimo popolare e il socialismo, quando non sono stati i padrini di avventure autoritarie, e lo sono stati ripetutamente, hanno espresso nella migliore delle ipotesi un umanitarismo fatto di sostegno caritatevole e alimentato l’illusione di un capitalismo capace di far coesistere profitto e politiche sociali, profitto e difesa dell’ambiente in un compromesso a tutto vantaggio per il capitale. La storia e la cronaca mostrano il fallimento di queste soluzioni. Questo  terreno, sia che si definisca di sinistra o che si definisca progressista, non è il nostro terreno né la nostra prospettiva.

Noi lavoriamo e lottiamo per una prospettiva di superamento del capitalismo e per la prospettiva di superamento dello Stato come apparato di gestione politica della società. Nell’immediato lottiamo per garantire migliori condizioni di vita alle lavoratrici e ai lavoratori, agitando parole d’ordine unitarie, chiare e non equivoche. Riteniamo che in questa fase sia necessario creare un vasto movimento, anche di carattere internazionale, per la riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario, rivendicare aumenti salariali significativi, organizzare e sindacalizzare le nuove ed emergenti figure lavorative, sia i nuovi “schiavi” della logistica e del delivery, sia le tante figure del lavoro intellettuale frammentato e artificiosamente assimilati alle libere professioni.
Con chi ha queste discriminanti siamo disponibili al confronto e all’azione comune.

Ultimo aggiornamento 20/02/2021
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli

  • Agroecologia e anarchismo organizzato: Un’intervista con la Federazione Anarchica di Rio de Janeiro (FARJ)

    In risposta al modello industriale e capitalista di produzione alimentare che ha decimato i modi di vita rurali e la nostra madre terra, i movimenti sociali di tutto il mondo

  • Recovery Fund in salsa lombarda

    A fine novembre 2020, il consiglio regionale lombardo ha emanato una risoluzione – la 40/2020 – avente come oggetto la “Risoluzione concernente il Recovery Fund: proposte per la definizione del

  • Gruppo Stellantis

    A fronte dei processi  di ristrutturazione capitalistica a garanzia e difesa del loro profitto, necessita sempre più la lotta internazionalista della classe lavoratrice.  di Cristiano Valente Articolo de “il Cantiere”

  • il Cantiere

    Numero di gennaio de “il Cantiere” raccolta di materiali di intervento dei comunisti anarchici nella lotta di classe In questo numero si parla –Anno passato -Un appello da respingere –Gruppo

  • Gli anarchici e l’occupazione delle fabbriche del 1920

    Evento on line in collaborazione con Il venerdì Libertario  venerdì 29 GENNAIO 2021 alle 18:00 Per seguire https://www.gotomeet.me/Movimento13Gennaio   – Incontro con Adriana Dadà Nella primavera/estate del 1920 si combatte in molte

  • Stati Uniti: Il sistema ha funzionato? Conseguenze delle elezioni del 2020

    Liberali e altri dichiarano che la sconfitta di Donald Trump e dei suoi tentativi di colpo di stato dimostrano che “il sistema funziona”, che gli Stati Uniti hanno una “democrazia”

  • Ci lasciamo alle spalle un anno drammatico

    Pandemia e crisi economica hanno scosso violentemente il sistema. I dati sono noti, morti, sofferenze che investono larghe fasce di popolazione e una situazione economica che richiama alla memoria i

  • Il Capitalismo della sorveglianza

    Rimandato a venerdì 5 febbraio 2021 sempre alle ore 18.30 Incontro Online di approfondimento 22 gennaio 2021, ore 18.30 https://www.gotomeet.me/Movimento13Gennaio Ora più che mai sono evidenti i risultati politici e

  • Il foglio telematico di Alternativa Libertaria

    In questo numero parliamo di: -Pandemia e mutualismo -Risposta di lotta alla crsi -Solidarietà a Abtin Parsa PER SCARICARLO  PER RICHIEDERLO     Correlati

  • 108° CONSIGLIO DEI DELEGATI ALTERNATIVA LIBERTARIA/FDCA

    si è tentuto 20 dicembre alle ore 10.30, in via telematica, il 108° Consiglio dei delegati di Alternativa Libertaria/FdCA con all’odg: 1) Relazione della Segreteria Nazionale 2) Relazione della Commissione



 

Forum