Alternativa Libertaria_FdCA

La partnership AUKUS annunciata il 16 settembre è un grande passo verso la guerra contro la Cina. Il fulcro della sua prima iniziativa è l’annuncio da parte del governo australiano che acquisterà otto sottomarini nucleari dagli Stati Uniti o dal Regno Unito. Le reazioni a questo annuncio sono significative quasi quanto l’acquisto dei sottomarini stessi.

L’approvvigionamento militare australiano dalla fine della guerra del Vietnam è stato una debacle in corso, caratterizzata da indecisione, tardivi cambi di direzione, enormi sforamenti dei costi e notevoli ritardi nelle consegne. Questi fattori sono stati un imbarazzo permanente per i successivi governi australiani e per generazioni di ufficiali militari, ma non sono solo il prodotto di una semplice incompetenza. Risultano anche dal dilemma dell’imperialismo australiano: essere un avamposto europeo ai margini dell’Asia ed essere un’economia sviluppata con economie asiatiche in rapida crescita per i vicini. Il relativo declino dell’Australia significa che deve affrontare una crescente contraddizione tra le sue ambizioni e la sua capacità. Il tentativo di massimizzare la propria capacità tramite appalti militari è estremamente rischioso e si traduce in una diminuzione dell’autonomia strategica dell’esercito australiano.

Decidendo di acquistare questi sottomarini, il governo ha rinunciato a pretendere che l’Australia “non debba scegliere tra la sua storia e la sua geografia”. Ha deciso con decisione di schierarsi con gli Stati Uniti contro una Cina in ascesa e di farlo in modo ostentatamente aggressivo. I sottomarini hanno una missione così ovvia per l’establishment della sicurezza che gli esperti militari la descrivevano apertamente il giorno dell’annuncio. Devono aggirarsi in stretti e canali tra le isole in quella che viene chiamata la prima catena di isole, una serie di isole grandi e piccole che separa il Mar Cinese Meridionale e il Mar Cinese Orientale dall’Oceano Pacifico. Lì, aiuteranno a imbottigliare la marina cinese e impedirle di avere libero accesso all’oceano aperto.

Tuttavia, mantenere la Cina in questa posizione subordinata è più facile a dirsi che a farsi. Da oltre quattro decenni si sviluppa con una velocità straordinaria. Sebbene sia leggermente rallentato negli ultimi anni, la sua crescita è ancora molto più forte di quella degli Stati Uniti o di qualsiasi altro paese sviluppato. Si prevede che il suo PIL supererà gli Stati Uniti intorno al 2030, in un paio d’anni a seconda di quale sfera di cristallo verrà consultata. Gli Stati Uniti hanno superato le precedenti sfide al loro dominio, con i suoi aspiranti rivali che si sono fermati a circa due terzi del PIL pro capite degli Stati Uniti.

La Cina, però, è un altro paio di maniche. La sua popolazione è quattro volte quella degli Stati Uniti, quindi anche se il suo sviluppo si ferma alla metà del PIL pro capite degli Stati Uniti , sarà comunque il doppio del PIL degli Stati Uniti in totale . Il vantaggio militare degli Stati Uniti sulla Cina e il suo dominio globale più in generale diventerebbero completamente insostenibili per allora, se non molto prima. Il continuo dominio degli Stati Uniti richiede che lo sviluppo della Cina venga fermato, o con lo strangolamento economico o, in mancanza, con la guerra. In effetti, un recente numero di The Diplomat, una rivista d’élite per la regione dell’Asia Pacifico, ha dichiarato:

” Probabilmente vale la pena pensare a come e cosa potrebbero fare gli Stati Uniti per ridurre la crescita economica cinese, compreso il disaccoppiamento aggressivo e l’uso rigoroso di sanzioni finanziarie e tecnologiche”.

Gli Stati Uniti e i suoi alleati più stretti (nessuno è più vicino dell’Australia) stanno tentando di minare la Belt and Road Initiative della Cina, che è un progetto del cosiddetto Partito “comunista” cinese per portare lo sviluppo della Cina al livello successivo e riorientare il economica della regione circostante. Inoltre, gli Stati Uniti utilizzano sempre più le leggi sulla proprietà intellettuale per impedire alla Cina di acquisire tecnologia, cercando di impedire alla Cina di esportare la propria tecnologia in altri paesi e di intraprendere una guerra commerciale contro le esportazioni cinesi (qualcosa che Trump ha iniziato e Biden non è caduto). L’Australia è in qualche modo in conflitto in questo progetto, dal momento che vende così tanto minerale di ferro e altri minerali alla Cina, ma ciò non le ha impedito di partecipare alla campagna degli Stati Uniti. L’Australia è stata particolarmente attiva nel tentativo di tenere la Belt and Road Initiative fuori dal Pacifico meridionale.

Tuttavia, lo strangolamento economico della Cina è tutt’altro che assicurato. Il relativo declino della potenza degli Stati Uniti nell’ultimo mezzo secolo significa che la Cina può ancora mantenere un percorso di crescita superiore agli Stati Uniti attraverso le relazioni economiche con altri paesi in via di sviluppo, principalmente in Asia ma anche in Africa e persino in America Latina. La guerra economica statunitense potrebbe, infatti, ritorcersi contro e mettere gli Stati Uniti piuttosto che la Cina sulla corsia lenta.

Ed è qui che le cose si fanno davvero pericolose. Nessuno vuole una guerra nucleare, ma nessuno voleva nemmeno la prima guerra mondiale. Quella guerra è avvenuta anche se le grandi potenze imperialiste non l’hanno voluta perché volevano qualcos’altro ancora meno – avere i loro interessi nazionali vitali subordinati a un’altra potenza. La guerra con la Cina sarebbe avvenuta allo stesso modo. Il pericolo più grande è la trappola di Tucidide, la tentazione per gli Stati Uniti di lanciare una guerra alla Cina prima che la Cina diventi troppo potente per dichiarare guerra.

Questo, quindi, è ciò che sta guidando la partnership di AUKUS. È un tentativo di mantenere la Cina militarmente subordinata, anche nella misura in cui è circondata da basi militari statunitensi e non può far navigare la sua marina nell’Oceano Pacifico senza il permesso degli Stati Uniti. L’Australia svolge già un ruolo vitale essendo un rumoroso alleato degli Stati Uniti nella regione e, cosa ancora più importante, essendo il sito della base di spionaggio statunitense a Pine Gap vicino ad Alice Springs. Questa base è essenziale per il sistema satellitare militare degli Stati Uniti, poiché senza di essa ci sarebbe un grande punto cieco nella sua sorveglianza globale. Il ruolo dell’acquisto del sottomarino australiano è quello di mantenere la leva dell’Australia nella campagna anti-Cina. I capitalisti australiani vogliono ancora esportare in Cina e vogliono anche preservare gli interessi imperialisti australiani nel Pacifico meridionale.

L’acquisto del sottomarino, tuttavia, sta dimostrando di avere conseguenze indesiderate. La decisione di acquisire sottomarini nucleari con tecnologia statunitense ha richiesto il dumping di un contratto da 90 miliardi di dollari per l’acquisto di sottomarini convenzionali dalla Francia. La doppiezza del governo australiano, in particolare quella di Scott Morrison, Peter Dutton e Marise Payne, ha indignato il governo francese in un momento particolarmente sfortunato. Con l’imminente pensionamento di Angela Merkel, il leader politico di alto livello nell’Unione europea sarà il presidente francese, Emmanuel Macron. L’accordo di libero scambio Australia-UE, in fase di negoziazione da un paio d’anni, doveva essere concluso molto presto. Sembra essere una prima vittima. Più significativo è l’atteggiamento della Francia in particolare, ma dell’UE in generale, nei confronti della cooperazione con gli Stati Uniti sulla politica cinese.

Ancora più importante, specialmente per l’imperialismo australiano, è la reazione nell’Asia del Pacifico. I media fanno costantemente riferimento a paesi senza nome che sostengono l’acquisizione di sottomarini e la campagna anti-cinese degli Stati Uniti. Due stati che potrebbero plausibilmente approvare sono il Giappone e il Vietnam, nessuno dei quali vorrebbe pubblicizzare il fatto. Nel frattempo, sia la Malesia che l’Indonesia hanno espresso pubblicamente preoccupazione. Nessuno dei due è particolarmente affezionato alla Cina, ma sicuramente non vuole una corsa agli armamenti regionale. E una corsa agli armamenti è ciò che otterranno, dal momento che Pechino non prenderà in considerazione l’annuncio del sottomarino.

Mentre è possibile che il governo australiano sotto Scott Morrison sia semplicemente caduto in questa situazione (molto del suo gabinetto, incluso lo stesso Morrison, ha fallito verso l’alto), lo stesso non si può dire degli Stati Uniti. Joe Biden è un veterano della politica estera ed è entrato in carica promettendo di ricostruire le relazioni degli Stati Uniti dopo il caos e l’imprevedibilità degli anni di Trump. Gli Stati Uniti hanno fatto una scelta consapevole su come affrontare le relazioni con la Cina. Invece di costruire un’ampia alleanza per respingere il cattivo comportamento della Cina, ne ha messa insieme una stretta (che ricorda la “Coalizione dei volenterosi” nel 2003) per definire un atteggiamento militare aggressivo. Questo non è un incidente. Gli Stati Uniti e la Cina sono sulla strada della guerra e AUKUS è un grande passo avanti verso il suo lancio.

La Cina ha diritto a diventare un paese sviluppato e la sua popolazione ha diritto al tenore di vita che ne deriva. Il tentativo degli Stati Uniti di strangolare il suo sviluppo economico e mantenerlo un paese povero è un crimine contro l’umanità e la minaccia appena nascosta della guerra nucleare è ancora più grande. Nei prossimi anni, possiamo aspettarci una forte campagna mediatica negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Australia riguardante una moltitudine di denunce contro la Cina. Alcuni di questi (in particolare il trattamento riservato agli uiguri nello Xinjiang, ai tibetani e al popolo di Hong Kong) saranno veri crimini del cosiddetto Partito “comunista” cinese. Indipendentemente dal fatto che i crimini di Pechino siano reali o immaginari, tuttavia, la motivazione delle denunce sarà la stessa. Cercheranno di consolidare l’opinione pubblica dietro la politica anti-cinese e il percorso verso la guerra.

In Australia, la campagna di opinione pubblica avrà un risultato certo. Ci sarà un massiccio aumento del razzismo nei confronti delle persone di origine o aspetto cinese. Il razzismo anti-cinese è stato ufficialmente disapprovato dai governi australiani per circa tre decenni. Hanno preferito usare gli aborigeni, i musulmani e, ultimamente, gli africani come parafulmini per il malcontento sociale. Lo sviluppo del confronto con la Cina cambierà le cose. I migranti cinesi, i loro figli e persino le persone di origine cinese la cui famiglia è qui da generazioni saranno visti come una potenziale quinta colonna. Saranno soggetti a violenze e abusi casuali per strada, subiranno discriminazioni giustificate da motivazioni patriottiche e riceveranno incessanti richieste per dimostrare la loro lealtà all’Australia e la loro ostilità a Pechino. Non sarà carino.

Il gruppo comunista anarchico di Melbourne chiede al movimento operaio australiano di opporsi al partenariato AUKUS e alla sua campagna anti-cinese. L’acquisto del sottomarino nucleare sottolinea la nostra posizione consolidata: non una persona, non un centesimo per l’esercito imperialista australiano! Non ci facciamo illusioni nel cosiddetto Partito “comunista” cinese. È una banda di burocrati corrotti il cui stalinismo è così degenerato da celebrare i miliardari cinesi. Ci sono più milionari in dollari USA al Congresso Nazionale del Popolo di Pechino che al Congresso degli Stati Uniti. La nostra opposizione ad AUKUS deriva invece dalla nostra opposizione alla nostra stessa classe dirigente.

Contro la partnership AUKUS e l’incombente minaccia di guerra contro la Cina, il MACG alza la bandiera della solidarietà internazionale della classe operaia. Siamo contrari a tutti i governi del mondo, ma il nostro compito è rovesciare la classe capitalista qui in Australia. Il nostro obiettivo è una rivoluzione operaia che travolga il mondo, rovesciando indistintamente tutte le classi dirigenti. Questa rivoluzione abolirà l’imperialismo abolendo lo stato nazionale. Al suo posto fiorirà una comunità globale, organizzata sulla base di un federalismo coerente e praticante il comunismo libertario. Ora, questo è qualcosa per cui combattere.

ABBASSO AUKUS!

ABBASSO ANZUS!

Chiudere Pine Gap

Pine Gap è una base di spionaggio militare congiunta tra Stati Uniti e Australia situata nel paese di Arrernte vicino ad Alice Springs, nel Territorio del Nord. Pine Gap è una delle basi militari statunitensi più importanti al di fuori dell’America, utilizzata sia per la sorveglianza che per le operazioni militari. Sebbene molta segretezza abbia circondato la base, le informazioni sul suo scopo sono venute lentamente alla luce attraverso documenti e ricerche trapelati.

 

AUKUS: A BIG STEP TOWARD WAR

Ultimo aggiornamento 14/10/2021
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli

  • AUKUS: UN GRANDE PASSO VERSO LA GUERRA

    La partnership AUKUS annunciata il 16 settembre è un grande passo verso la guerra contro la Cina. Il fulcro della sua prima iniziativa è l’annuncio da parte del governo australiano che

  • 4 Novembre contro tutti gli eserciti

    IL MILITARISMO COME SALVEZZA DEL CAPITALE, IL 4 NOVEMBRE CONTRO TUTTI GLI ESERCITI Il militarismo, inteso, oltre che come strumento di morte e di asservimento, come aggregato di produzione di

  • il Cantiere

    Numero di novembre de “il Cantiere” raccolta di materiali di intervento dei comunisti anarchici nella lotta di classe In questo numero si parla (titoli in grassetto direttamente leggibili sul sito

  • Il foglio telematico di Alternativa Libertaria

    In questo numero a tema antimilitarismo parliamo di: -Manifesto Internazionale contro la prima guerra mondiale -Aukus -20 Novembre corteo contro tutti gli eserciti PER SCARICARLO  PER RICHIEDERLO     Correlati

  • La pandemia ha accresciuto le disuguaglianze e l’ingiustizia sociale

    «Dove andare, cosa fare con quel bisogno di assoluto, quel desiderio di combattere, quella sorda volontà di evadere malgrado tutto dalla città e dalla vita senza evasione possibile? Ci occorreva

  • il Cantiere

    Numero di settembre de “il Cantiere” raccolta di materiali di intervento dei comunisti anarchici nella lotta di classe In questo numero si parla (titoli in grassetto direttamente leggibili sul sito

  • Indietro nel tempo? non ci provate !!

    Nel 1920 l’ aggressioni squadristiche alle Camere del Lavoro e ai picchetti dei lavoratori in presidio davanti i cancelli delle fabbriche,oggi l’attacco a Roma alla sede della CGIL e a

  • Le donne afghane e i talebani

    RAWA risponde alla presa del potere dei talebani[i] È una stupidità dire che valori come “diritti delle donne”, “democrazia”, “costruzione della nazione” ecc. facessero parte degli obiettivi USA/NATO in Afghanistan!

  • Riduzione dell’orario

       “Venne infine un tempo in cui tutto ciò che gli uomini avevano considerato come inalienabile divenne oggetto di scambio, di traffico, e poteva essere alienato; il tempo in cui

  • il Cantiere

    “Il Cantiere” con questo numero avvia un nuovo percorso. Da aperiodico solo in formato on-line, grazie alla disponibilità del direttore responsabile e alla necessaria registrazione in Tribunale,   prenderà il via



 

Forum