Alternativa Libertaria_FdCA

Riportiamo il comunicato stampa della nostra organizzazione sorella francese l’Union Communiste Libertaire riguardo i fatti di Nizza
Meno di 15 giorni dopo l’orribile assassinio di Samuel Paty ancora una volta in nome dell’ l’integralismo islamico un uomo ha ucciso tre persone a Nizza giovedì 29 ottobre.
L’intera UCL  è sconvolta  da queste nuove morti e vuole testimoniare pubblicamente  le sue condoglianze ai familiari delle vittime e a chi era loroo vicino.
Gli assassini che uccidono qui come fa l’Isis in Siria sono tra i nostri peggiori nemici e l’insieme delle forze progressiste deve fare fronte contro il  loro agire criminale.
Ci sono d’altra parte tanti nostri compagni curdi e internazionali che lottano contro l’Isis. È il campo progressista che qui qualcuno chiama islamo-gauchiste (islam di sinistra) che lotta laggiù. Cosa fa lo stato francese,   che assicura di voler lottare contro l’integralismo, per aiutarli?
La battaglia passa per la lotta contro l’imperialismo di casa nostra,  per la lotta internazionalista a fianco dei nostri compagni curdi,  per la lotta antirazzista in Francia e per la costruzione di una vera unità del nostro campo sociale. Noi dobbiamo difenderci sia  dai reazionari islamisti sia da quelli  identitari,  che si nutrono reciprocamente delle divisioni e degli odi che alimentano. La spirale del terrore in cui sembra bloccata la Francia è pesante di minacce per le nostre libertà e per la nostra solidarietà. Le strumentalizzazioni razziste e islamofobe della morte di Samuel Paty sono state quasi immediate: l’assimilazione con i terroristi è stata a spettro molto largo e dà luogo a perquisizioni deliberatamente abusive o alla minaccia di scioglimento di un’associazione di diritti umani come il CCIF. Per  voce dei ministri Darmanin o Blanquer,  e degli editorialisti reazionari collegati con i media di grande ascolto, queste strumentalizzazioni consegnano alla  richiesta di ritorsione tutta una parte di popolazione di religione musulmana o considerata come tale:  e si sono già verificati vandalismi e minacce ai luoghi di culto e aggressioni a donne che portano il velo. Lo stesso giorno dell’assassinio di Samuel Paty un commerciante magrebino ad Avignone è stato minacciato con una pistola da un uomo vicino o membro dell’organizzazione fascista Generation identitaire che è  stato poi ucciso dalla Polizia. Il Ministro dell’Interno  prenderà  misure contro questa minaccia che viene dall’ estrema destra  e chiederà di sciogliere Generazion Identitaire?
Tutto sembra indicare in realtà che il Governo è molto più sensibile alle esigenze marziali della  destra e dell’estrema destra che chiama ormai a prendere delle misure di guerra. Anzi addirittura il governo allarga la confusione fino a sindacati come Sud -educazion o L’UNEF, attacca l’Osservatorio per la laicità  e accusa gli islamo-gauchistes  di essere complici dei terroristi.
Di fronte all’aumentare  dei pericoli l’UCL riafferma la sua volontà di difendere le libertà democratiche esistenti già  indebolite dopo l’introduzione nel diritto comune delle misure di Stato d’urgenza del 2015.
L’UCL  invita a soprattutto rinforzare le forme di solidarietà popolare, che ci uniscono invece che dividerci, soprattutto in questo periodo di crisi sanitaria e sociale. Non dimentichiamo che quelli che coltivano razzismo e l’islamofobia oggi sono quelli a cui interessa il vero separatismo: quello delle inuguaglianze sociali e delle discriminazioni razziste. L’UCL  e i suoi militanti sono sempre disponibili per costruire con l’insieme dei sindacati. delle associazioni, dei collettivi, delle organizzazioni politiche che lo giudicano altrettanto urgente un largo fronte unitario di solidarietà e uguaglianza di fronte all’odio e al razzismo.
Non ci lasceremo dividere
Union Communiste Libertaire, 30 ottobre 2020
Ultimo aggiornamento 15/05/2021
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli

  • il Cantiere

    Numero di maggio de “il Cantiere” raccolta di materiali di intervento dei comunisti anarchici nella lotta di classe In questo numero si parla -Franco Serantini –Orario di lavoro e salario

  • Contro la riduzione di orario con riduzione di salario

    Da tempo e da più parti si discute sulla riduzione d’orario, fino a prospettare una settimana lavorativa non più di 5 giorni, ma di solo 4 giornate. La proposta è

  • Il Re è nudo

    La metafora dei vestiti dell’imperatore è gettonatissima in questo periodo di pandemia. E l’assurda vicenda dello studente colpito da TSO a Fano la richiama. Un TSO come (unica)  risposta “adulta” capace

  • In solidarietà con il popolo colombiano in lotta

    Dichiarazione congiunta internazionalista Il mondo guarda oggi alla Colombia; le sue vie e le sue strade sono state il palcoscenico in cui il popolo è esploso con dignitosa rabbia in

  • Il foglio telematico di Alternativa Libertaria

    In questo numero parliamo di: –1 Maggio –Recovey Plan –Pandemia in Italia PER SCARICARLO  PER RICHIEDERLO     Correlati

  • La grande abbuffata

    Durante il consiglio dei ministri di venerdì 23 aprile 2021 Mario Draghi ha presentato il recovery plan che introietterà qualcosa come 248 miliardi di Euro nel sistema Italia, con la

  • Aperitivo Italia

    A più di un anno di distanza dal suo inizio, la sindemia (l’impatto globale della pandemia di Covid-19  e  i suoi effetti economici  sociali e ambientali) continua a imperversare in

  • DICHIARAZIONE SULLA GIORNATA INTERNAZIONALE DEI LAVORATORI E DELLE LAVORATRICI 2021

    Primo maggio 1886, negli Stati Uniti iniziò un ampio sciopero che chiedeva una giornata lavorativa di otto ore. Lo slogan dello sciopero era “Otto ore di lavoro, Otto ore di

  • Viva il 1 Maggio Internazionalista

      Centotrentacinque anni sono veramente molti per continuare a celebrare un avvenimento accaduto negli USA, nella lontana Chicago là dove il primo maggio del 1886 i sindacati statunitensi avevano organizzato

  • 25 Aprile sempre! Memoria è ribellione

    Ogni anno festeggiamo il giorno della liberazione dal nazifascismo. E’ passato tanto tempo da quel 25 aprile del 1945, e il tempo gioca sempre le sue carte con il nostro



 

Forum