Alternativa Libertaria_FdCA

Decreto INsicurezza, i sindaci, la folla, i migranti in mare.

alternativa libertaria sicilia
Senza nessuna falsa illusione, ma profondamente attaccati con realismo alla fase attuale che vede crescere sempre più la deriva fascista e razzista, non possiamo che guardare con attenzione la presa di posizione di alcuni sindaci, con alla testa Orlando, contro la chiusura dei porti e il decreto sicurezza del governo attuale, mentre 49 esseri umani erano e sono in mare, bloccati a bordo di una nave a cui è stato negato, contrariamente ad ogni minimo criterio di rispetto della vita, l’ingresso in porto.
Se è vero che a Palermo, si incomincia a dire ”Non esistono stranieri, non esistono razze. Esiste solo una razza, la razza umana”, è anche vero che, troppo spesso, c’è chi replica: “Prima gli italiani, pulisci la città prima di pensare ai migranti”, oppure che “Prima dobbiamo pensare ai milioni di italiani poveri e disoccupati, difendendoli dai troppi reati commessi da immigrati clandestini, poi salveremo anche il resto del mondo” o ancora “È normale che l’assistenza sanitaria sia gratuita per qualsiasi clandestino?”.
Tutto questo dimostra la presa che ha sulla folla la paura del diverso, il disorientamento di classe, la retorica del fascismo.
Per noi militanti di AL/FdCA la lotta contro il criminale decreto sicurezza, non può essere fatta senza una corretta visione di classe, nel più ampio scenario delle lotte per il riscatto sociale, contro  tutte le forze politiche che hanno governato, unite a tutela degli  interessi dei padroni del capitale, che hanno bisogno di creare sempre più clandestini da ricattare sfruttare e rendere schiavi.
Abbiamo denunciato per tempo  tutte le politiche razziste e gli accordi infami di contenimento internazionale firmate dai governi precedenti,  ma nello stesso tempo, senza sconti nè deleghe a nessuno, riteniamo necessario ancora una volta impegnarci per la costruzione di percorsi unitari contro la sub cultura fascista, il razzismo, il potere dei padroni, e per fare questo abbiamo bisogno di ritrovare e far crescere il cammino per una nuova resistenza, che unisca ampi settori sociali.   Non solo cercare di tamponare il disastro umanitario che sta per riversarsi nelle nostre disgraziate periferie, ma continuare ad alzare la voce pretendendo il rispetto dei diritti fondamentali, come diciamo nel nostro ultimo comunicato sul decreto Insicurezza

Related Articles

Ultimo aggiornamento 26/12/2018
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli

  • Decreto INsicurezza, i sindaci, la folla, i migranti in mare.

    Senza nessuna falsa illusione, ma profondamente attaccati con realismo alla fase attuale che vede crescere sempre più la deriva fascista e razzista, non possiamo che guardare con attenzione la presa

  • A-infos: la torcia accesa per il 24 ° anno

    Tutto è nato nel nel 1994, quando Class War organizzò un raduno anarchico internazionale a Londra dal titolo  “10 days the look the world”. Un posto che ha riunito un

  • Sicurezza si, ma per chi?

    Il primo problema del decreto sicurezza è proprio il nome, che rispecchia in sé tutti i suoi contenuti, in perfetta assonanza con le motivazioni di chi lo ha scritto e

  • MACRON DISTRIBUISCE LE BRICIOLE

    Il 10 dicembre, Macron ha parlato nel suo palazzo, davanti alla sua grande scrivania di legno verniciato e dorato. Il suo obiettivo era quello di calmare la rabbia sociale che

  • Sindacalisti, ecologisti, libertari nel movimento dei giubbotti gialli: quattro questioni

    Il giorno del 4 dicembre è stato in Francia il giorno del panico del potere: ha perso terreno, si è contraddetto, ha perso unità. Quali sono le loro opzioni? Un

  • Il nuovo foglio di Alternativa Libertaria

    In questo numero parliamo di –Prima le donne e  i bambini – note sul decreto Pillon -1918-2018 Guerre di oggi guerre di ieri PER SCARICARLO PER RICHIEDERLO Correlati

  • Note sul corrente stato della lotta di classe in Brasile

    L’attuale scenario politico brasiliano richiede molta lucidità e distacco per gi attivisti/e sociali e la loro analisi della realtà. Noi, il Coordinamento Anarchico Brasiliano (CAB), cerchiamo modestamente di dare il

  • Prima le donne e i bambini

    L’offensiva ideologica del Governo rende manifesta la volontà di riportare il paese indietro di decenni, è esplicita la modalità che attacca ogni conquista ottenuta con rabbia e fatica, talvolta con

  • 1918-2018 Guerre di oggi guerre di ieri

     Gorizia 3 novembre ore 15 manifestazione antimilitarista Ci stiamo avviando verso la chiusura ufficiale delle celebrazioni del centenario della prima guerra mondiale, avviate già dal Governo Renzi nel 2014, che

  • Il foglio telematico di Alternativa Libertaria

    In questo numero potete trovare: -Privatizzazioni e nazionalizzazioni, a quando l’autogestione? -Governo giallo-verde nel paese dei balocchi -Riace e la legge PER SCARICARLO Correlati



 

Newsletter

Forum