Alternativa Libertaria_FdCA

il-centro-sociale-malarlevet-chiuso-dal-comuneLo sgombero, perché tale è a tutti gli effetti quello subito, dalle compagne e dei compagni del Spazio Popolare Malarlevèt, non può segnare la fine di circa 35 anni di intervento politico, di passione, di socialità che hanno arricchito Pesaro e contribuito a costruire relazioni, cittadinanza e coscienza critica e sociale.
Uno spazio aperto ad una gestione collettiva che in questi anni ha cambiato protagonisti,  mantenendo sempre costante una tensione verso il rispetto di valori fondamentali come la giustizia sociale, la solidarietà, la difesa dei più deboli e dei beni comuni.
Uno spazio attento a forme di cultura capace di coinvolgere giovani e giovanissimi e di restituire allo stesso tempo prospettiva e memoria storica.
Uno spazio capace di favorire la partecipazione di persone e realtà differenti verso scopi comuni.
Il quartiere  di Villa San Martino non può perdere questo luogo di riferimento, simbolo di una socialità giovanile alternativa, che negli ultimi mesi si è impegnata attivamente per portare aiuto e sostegno alle popolazioni colpite dal terremoto in collaborazione con le Brigate di Solidarietà Attiva.

La decisione autoritaria e inopportuna, tra l’altro poco  trasparente da un punto di vista amministrativo, di chiudere il Malarlevèt sopprime un luogo di partecipazione, presidio di democrazia reale contro le sempre più minacciose presenze della destra fascista e razzista in questa città.
Chi governa la città  di Pesaro ha fatto la sua scelta: quella di emarginare quella Pesaro popolare e proletaria che non si può permettere costose passerelle in centro.

Ma è sempre in tempo a fare un’altra scelta coerente con la tradizione solidaristica di questa città: restituire al Malarlevèt e a tutti coloro che l’hanno sostenuto e frequentato uno spazio e il diritto ad essere riconosciuti come soggetti protagonisti della vita sociale e politica delle periferie pesaresi.

Alternativa Libertaria/Fano-Pesaro, Donne in Nero Fano, Oltremercato,   Unicobas Pesaro, ALLPX (Associazione lavoratori e lavoratrici) Pesaro.

Tags

Related Articles

0 Comments

No Comments Yet!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Write a comment

Write a Comment

Ultimo aggiornamento 23/11/2017
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali.
passa al sito web storico

Ultimi articoli

  • “DONNE CONTRO” a Lucca

    sabato 25 novembre 2017 – ore 17,30 Biblioteca Popolare Quartiere S. Concordio – Via Urbiciani 362  insieme all’autrice Isabella Lorusso Interviste a dieci donne anarchiche, marxiste e femministe che hanno vissuto

  • L’altra Rivoluzione

    Tre quaderni di Alternativa Libertaria per conoscere, ricordare, capire la Rivoluzione d’Ottobre, per ieri e per oggi. La storia semisconosciuta di Marusya Nikiforova,  militante e istancabile organizzatrice  comunista anarchica e

  • Inflazione che ossessione

    Una delle ossessioni della UE fin dalla sua fondazione è stata quella di quasi azzerare il tasso d’inflazione, provocando gravi conseguenze sulle politiche salariali, sulla domanda e sull’occupazione. Con l’arrivo

  • Genova: Incontro europeo delle organizzazioni comuniste anarchiche/libertarie.

    sabato 18 novembre 2017 – Spazio Libero Utopia via Ronchi Genova  Multedo Ore 18 – Presentazione delle situazioni nazionali e discussione. Con la presenza di Alternative Libertaire – Francia; Workers

  • Sul welfare aziendale

    Lo stato sociale (Welfare State, letteralmente Stato del Benessere) non esiste più da tempo, anche se il riconoscimento dell’universalità dei diritti in Italia è stato più un obiettivo, una rivendicazione

  • L’altra Rivoluzione d’ottobre 3 – I MAKHNOVISTI E I LIBERI SOVIET

    BOZZA DI DICHIARAZIONE DELL’ESERCITO INSORTO RIVOLUZIONARIO (MAKHNOVISTA) DELL’UCRAINA adottato il 20 ottobre 1919 durante una seduta del Soviet rivoluzionario militare Le classi lavoratrici dell’Ucraina oggi si trovano di fronte ad

  • L’altra rivoluzione d’ottobre 2 – Tutto il potere ai Soviet!

    Nonostante l’influenza dei dirigenti bolscevichi nei Soviet più importanti, la rivoluzione d’ottobre aveva scatenato in tutto il paese la lotta di classe del proletariato e questa si sviluppava unitariamente ed

  • Nella battaglia dell’acciaio, Genova protagonista contro i licenziamenti!

    Lo scontro sull’acciaio è una contesa mondiale che vede, oggi come in altre fasi passate, in primo piano l’Europa con al centro gli stabilimenti siderurgici dell’ex-ILVA. La reazione dei lavoratori

  • Brasile – Giù le mani dal movimento anarchico! Solidarietà con la FAG e gli anarchici brasiliani!

    Contro la normalizzazione e la repressione: lotta e organizzazione! Abbiamo appreso che lo scorso 25 ottobre è stata lanciata «Érebo» (dal nome Erebus del dio greco dell’oscurità), un’ampia operazione di

  • Nuova Zelanda, Wellington: manifestazione antinazista

    Il 28 ottobre oltre 200 manifestanti antifascisti ed antinazisti hanno bloccato con successo i cancelli di accesso al parlamento a Wellington, in opposizione ad una provocazione dei fascisti e della



 

Newsletter

Forum