Alternativa Libertaria_FdCA

il-centro-sociale-malarlevet-chiuso-dal-comuneLo sgombero, perché tale è a tutti gli effetti quello subito, dalle compagne e dei compagni del Spazio Popolare Malarlevèt, non può segnare la fine di circa 35 anni di intervento politico, di passione, di socialità che hanno arricchito Pesaro e contribuito a costruire relazioni, cittadinanza e coscienza critica e sociale.
Uno spazio aperto ad una gestione collettiva che in questi anni ha cambiato protagonisti,  mantenendo sempre costante una tensione verso il rispetto di valori fondamentali come la giustizia sociale, la solidarietà, la difesa dei più deboli e dei beni comuni.
Uno spazio attento a forme di cultura capace di coinvolgere giovani e giovanissimi e di restituire allo stesso tempo prospettiva e memoria storica.
Uno spazio capace di favorire la partecipazione di persone e realtà differenti verso scopi comuni.
Il quartiere  di Villa San Martino non può perdere questo luogo di riferimento, simbolo di una socialità giovanile alternativa, che negli ultimi mesi si è impegnata attivamente per portare aiuto e sostegno alle popolazioni colpite dal terremoto in collaborazione con le Brigate di Solidarietà Attiva.

La decisione autoritaria e inopportuna, tra l’altro poco  trasparente da un punto di vista amministrativo, di chiudere il Malarlevèt sopprime un luogo di partecipazione, presidio di democrazia reale contro le sempre più minacciose presenze della destra fascista e razzista in questa città.
Chi governa la città  di Pesaro ha fatto la sua scelta: quella di emarginare quella Pesaro popolare e proletaria che non si può permettere costose passerelle in centro.

Ma è sempre in tempo a fare un’altra scelta coerente con la tradizione solidaristica di questa città: restituire al Malarlevèt e a tutti coloro che l’hanno sostenuto e frequentato uno spazio e il diritto ad essere riconosciuti come soggetti protagonisti della vita sociale e politica delle periferie pesaresi.

Alternativa Libertaria/Fano-Pesaro, Donne in Nero Fano, Oltremercato,   Unicobas Pesaro, ALLPX (Associazione lavoratori e lavoratrici) Pesaro.

Tags

Related Articles

0 Comments

No Comments Yet!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Write a comment

Write a Comment

Ultimo aggiornamento 12/06/2018
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli

  • Onda Pride 2018

    Per la difesa dei diritti, della laicità e dei principi di una libera convivenza civile, contro ogni discriminazione fascista, razzista, sessista. Trova e partecipa al tuo Pride più vicino… www.ondapride.it

  • Vecchie e nuove volpi

    Approvare la riforma per introdurre il sistema proporzionale poco prima dl circo elettorale è stata indubbiamente una mossa da vecchie volpi che sapevano di perdere le elezioni. La trappola è quasi

  • #Palestina Israele, report dalla lotta popolare e antifascista maggio 2018

    Jerusalem Antifa 13 maggio 2018 Attivisti antifascisti da Gerusalemme hanno compiuto un’azione contro l’annuale iniziativa nazionalista della “Parata della Bandiera”, nella quale migliaia di persone vengono a marciare e ad

  • Solidarietà a Ri-Make!

    Ancora uno sgombero, ancora uno spazio di socialità, aggregazione e mutualismo che viene sottratto alla collettività per tornare nelle mani di speculatori e palazzinari senza scrupoli. Questa mattina, mercoledì 30

  • Ciao Monia,

    Ciao Monia, femminista, filosofa, militante comunista anarchica, compagna e amica. Hai seminato libertà e coltivato solidarietà e giustizia, sempre attenta ai diritti dei più deboli e impegnata a costruire reti

  • PESCO E LA MILITARIZZAZIONE DELL’UNIONE EUROPEA

    L’idea che l’UE sia un’entità non democratica non è ormai una novità, ciononostante l’ultima mossa autoritaria non dovrebbe essere sottovalutata, poiché le conseguenze negative si faranno sentire sia in Europa

  • Il vero costo del lavoro

    Negli ultimi 10 anni sono morti sul lavoro 13.100 lavoratori, nel 2017 1.115, nei primi 3 mesi del 2018 154. Sempre nel 2017 oltre il 30% dei 635.000 infortuni sul

  • Il nostro maggio

    “Questo mondo dove i potenti schiacciano i lavoratori e ci dicono che questo è l’ordine giusto delle cose crollerà, e nascerà una società di libertà in cui ognuno coopererà volontariamente

  • Francia: colpire i ferrovieri per colpire tutto il mondo del lavoro

    Lunedi 26 febbraio il primo ministro francese Edouard Philippe ha annunciato che entro l’estate sarà portata a termine la riforma dei servizi pubblici che prevede tra le altre cose la

  • Per finirla con la guerra in Siria

    Negli ultimi giorni non si sente più parlare di Afrin, assediata e distrutta dal governo turco. Confusa nel massacro siriano senza fine, ora è alla ribalta il massacro di Duma, apparentemente



 

Newsletter

Forum