Alternativa Libertaria_FdCA

#Palestina Israele, report dalla lotta popolare e antifascista maggio 2018

giugno 02
20:10 2018

Jerusalem Antifa Jerusalem Antifa
13 maggio 2018

Attivisti antifascisti da Gerusalemme hanno compiuto un’azione contro l’annuale iniziativa nazionalista della “Parata della Bandiera”, nella quale migliaia di persone vengono a marciare e ad appiccare i fuochi dell’odio nelle nostre strade, con migliaia di bandiere nazionali e canti razzisti e fascisti pieni d’odio. L’azione è stato anche un atto di solidarietà verso i negozianti palestinesi costretti a chiudere così che la parata potesse passare attraverso le loro strade.

Gli attivisti hanno srotolato un enorme striscione all’incrocio principale del percorso della parata tra via Re Giorgio e Via Yehuda.
La polizia israeliana ha arrestato 6 attivisti e dopo l’interrogatorio e una lunga attesa li ha rilasciati ma ha sequestrato lo striscione perché avrebbe “ferito la pubblica sensibilità”.
Lo striscione recita: “Gerusalemme contro il nazionalismo” in ebraico e in arabo.
La nostra Gerusalemme è una città di Amore, Accoglienza e Diversità, e non permetteremo a nessuno di dipingerla con colori che ci portano solo più Odio, Nazionalismo e Violenza.

Antifa Gerusalemme / Al Quds

 

Bil’in, venerdì 18-5-18, 687esima manifestazione settimanale non-violenta. Lotta contro l’occupazione, il muro / recinzione di separazione e i coloni.
5 israeliani dell’iniziativa Anarchici contro il Muro e 1 attivista internazionale si sono uniti agli attivisti del villaggio.
Ci siamo concentrati presso il frutteto del querceto Abu Lamun e abbiamo marciato cantando verso la sezione del muro più vicina all’insediamento. Dato che la manifestazionb'lin 18maggio18e è cominciata un po’ tardi, le forze di stato israeliane si sono stancate e se ne sono andate prima che la manifestazione cominciasse.
Quando abbiamo raggiunto il muro abbiamo detto ai coloni vicini e alle forze di stato assenti cosa pensiamo di loro prima di ritornare al villaggio.

 

Bil’in, venerdì 11-5-18, 686esima manifestazione settimanale non-violenta. Lotta contro l’occupazione, il muro / recinzione di separazione e i coloni. 7 israeliani dell’iniziativa Anarchici contro il Muro e 5 attivisti internazionali si sono uniti agli attivisti del villaggio.
Abbiamo marciato cantando verso il cancello del muro di separazione. Molti membri delle forze di stato israeliane ci osservavano dalla collina oltre il muro per proteggerlo dalla nostra rabbia.
Quando abbiamo raggiunto il cancello ci siamo rivolti ai membri delle forze israeliane dicendogli cosa pensiamo di loro e dell’occupazione. Poi abbiamo marciato lungo il muro fino ad un punto in cui eravamo difronte alle forze di sicurezza e abbiamo continuato ad affrontarli. Dopo un po’ ci siamo incamminati fino al punto più vicino all’insediamento e per un po’ ci siamo rivolti ai coloni che abbiamo visto in lontananza dietro il muro prima di tornare al querceto Abu Lamun.  B'lin 11 518

 

Bil’in, venerdì 4-5-18, 685esima manifestazione settimanale non-violenta. Lotta contro l’occupazione, il muro / recinzione di separazione e i coloni. 3 israeliani dell’iniziativa Anarchici contro il Muro e 3 attivisti internazionali si sono uniti agli attivisti del villaggio.
Abbiamo marciato cantando fino al cancello del muro di separazione. 3 membri delle forze di stato israeliane ci stavano osservando dalla collina oltre il muro di separazione per proteggere il muro dalla nostra rabbia.
Quando abbiamo raggiunto il cancello abbiamo detto alle forze di sicurezza israeliane cosa pensiamo di loro e dell’occupazione. Poi abbiamo marciato cantando lungo il muro fino al punto più vicino all’insediamento e per un po’ ci siamo rivolti ai coloni che abbiamo visto lontano oltre il muro prima di tornare al querceto Abu Lamun.

 

Related Articles

Ultimo aggiornamento 12/06/2018
Perché non destinare il tuo
5x1000 a Solidarietà Libertaria?
Per farlo, basta indicare nell'apposita riga del 730 o del modello UNICO il codice fiscale dell'associazione:
90015930416
Il ricavato sarà usato per sostenere progetti di editoria e solidarietà libertaria, anche internazionali, e per le attività dell' Archivio Franco Salomone
passa al sito web storico

Ultimi articoli

  • Onda Pride 2018

    Per la difesa dei diritti, della laicità e dei principi di una libera convivenza civile, contro ogni discriminazione fascista, razzista, sessista. Trova e partecipa al tuo Pride più vicino… www.ondapride.it

  • Vecchie e nuove volpi

    Approvare la riforma per introdurre il sistema proporzionale poco prima dl circo elettorale è stata indubbiamente una mossa da vecchie volpi che sapevano di perdere le elezioni. La trappola è quasi

  • #Palestina Israele, report dalla lotta popolare e antifascista maggio 2018

    Jerusalem Antifa 13 maggio 2018 Attivisti antifascisti da Gerusalemme hanno compiuto un’azione contro l’annuale iniziativa nazionalista della “Parata della Bandiera”, nella quale migliaia di persone vengono a marciare e ad

  • Solidarietà a Ri-Make!

    Ancora uno sgombero, ancora uno spazio di socialità, aggregazione e mutualismo che viene sottratto alla collettività per tornare nelle mani di speculatori e palazzinari senza scrupoli. Questa mattina, mercoledì 30

  • Ciao Monia,

    Ciao Monia, femminista, filosofa, militante comunista anarchica, compagna e amica. Hai seminato libertà e coltivato solidarietà e giustizia, sempre attenta ai diritti dei più deboli e impegnata a costruire reti

  • PESCO E LA MILITARIZZAZIONE DELL’UNIONE EUROPEA

    L’idea che l’UE sia un’entità non democratica non è ormai una novità, ciononostante l’ultima mossa autoritaria non dovrebbe essere sottovalutata, poiché le conseguenze negative si faranno sentire sia in Europa

  • Il vero costo del lavoro

    Negli ultimi 10 anni sono morti sul lavoro 13.100 lavoratori, nel 2017 1.115, nei primi 3 mesi del 2018 154. Sempre nel 2017 oltre il 30% dei 635.000 infortuni sul

  • Il nostro maggio

    “Questo mondo dove i potenti schiacciano i lavoratori e ci dicono che questo è l’ordine giusto delle cose crollerà, e nascerà una società di libertà in cui ognuno coopererà volontariamente

  • Francia: colpire i ferrovieri per colpire tutto il mondo del lavoro

    Lunedi 26 febbraio il primo ministro francese Edouard Philippe ha annunciato che entro l’estate sarà portata a termine la riforma dei servizi pubblici che prevede tra le altre cose la

  • Per finirla con la guerra in Siria

    Negli ultimi giorni non si sente più parlare di Afrin, assediata e distrutta dal governo turco. Confusa nel massacro siriano senza fine, ora è alla ribalta il massacro di Duma, apparentemente



 

Newsletter

Forum